Pasca e Ppifanìa… tutte ’e feste vanno via

da | Gen 9, 2021 | Cultura&Spettacolo

Accussì dice nu pruverbio antico: “Pasca e Ppifanìa, tutte ’e feste vanno via. Risponne Cannelòra: Nce stongo io ancora”

Diceva nu pruverbio antico: “A Ppasca e Ppifanìa, tutte ’e ffeste vanno via. / Risponne Cannelòra: Nce stongo io ancora.” Chello ch’è sicuro è ca ’sti fffeste ’e Natale so’ state ancora mascarate e cculurate ’e russo, cu pputeche, risturante e bbarre ’nzerrate, pure si nunn è mmancata ’a soleta ammuina p’ ’e vvie e pparecchia gente nun hanno fatto a mmeno ’e sparà botte periculose e ffracassose. Perzì ’a Befana avette quacche prubblema cu ’a Pulezzia, pe vvia ca nun s’era purtata appresso ll’autocertificazzione, teneva na carta d’identità scaduta ’a nu seculo e mmiezo e ’a scopa volante nunn era assicurata…
Deoràzzia, se n’è gghiuto st’anno assaje defficele e ppirciò ce simmo sentute cuntente e cce simmo scagnate aùrie ’e bona salute e ffelicità pe cchello novo. Però nu’ ppare ca ’stu 2021 se sta alluntananno assaje ’a chello che ssuccedette ’nfin’ ’e mo. Accummincianno d’ ’a puliteca (nazziunale e llucale) e arrivanno ê prubbleme ’e tutt’ ’e juorne, comme chello d’ ’e scole che nnun s’aràpeno, d’ ’e traspuorte pubbleche che stanno tal’e qquale e dd’ ’e spitale, affullate ’a malate ’e Covìdde e addò resta defficele se curà n’ata patologgìa. Si agghiugnimmo pure ’o malutiempo c’ ’ave scutuliato pesantemente ’o lungomare ’e Napule, facenno assaje danne, e ppure brutte storie ’e cremmenaletà minurile, comm’a cchella d’ ’e motorine arrubbate ê rraidér, ’o quatro ’e stu pprencipio d’anno nunn è assaje cunzulante…

’Nfatte, nu’ pputimmo arapì nu giurnale senza ce truvà scarreccate ’ncuollo nu sacco ’e nutizzie ’e cronaca nera (sparatorie camurristeche, trafeche ’e droga e ammazzamiente varie). Ma pure chelle che pparlano d’ ’a cità – e d’ ’e prubbleme suciale che ttene- nunn arapeno ’o core â speranza. Doppo l’arco d’ ’o Chiavecone e nnu piezzo d’ ’o Castiello ’e ll’Ovo, mo ’e mmareggiate ’e sti juorne se stanno purtanno appriesso pure ’a diga d’ ’o Molosiglio. ’E pronteseccurze d’ ’e spitale cchiù gruosse e ’mpurtante, comm’a cchillo d’ ’o Mare e ’o Cardarelli, stanno ancora incasinate. ’O cummercio – cu ttutto ca ’nce so’ state ’e ffeste – nun riesce a sse sullevà d’ ’a crise e pparecchie puteche e rristurante stanno chiudenno.
Pe ttramente ca ’e guagliune/one rummaneno ancora â casa pe studià a ddistanza cu ’a DAD, dint’a quacche scola ’nce so’ trasute vranche ’e mariuole, che ss’hanno fatto lavagne elettroneche, compiutér e pperzì ll’infisse d’ ’e ffeneste. Nu’ pparlammo po’ ’e ll’innustrie che addò nuje vvanno chiudenno, lassanno ’nterra e ssenza fatica a cchille che cce fativano.
Cu ttutto chesto, però, nunn’avimm’ ’a perdere ’a speranza. Ce stanno pure nutizzie cchiù cunfurtante, che pparlano ’e sulidarietà, d’ ’a riscossa ’e ll’artiste, d’inizziative culturale e ssuciale urigginale. Certo, ’a gente teneno voglia ’e turnà a se magnà na pizza assettate ô tavulo, senza s’ ’a fa’ purtà dint’ô cartone ’a nu fatturino ’e cinquant’anne; vurriano piglià nu bellu café dint’ ’a tazzulella, no all’erta all’erta for’ô barre e int’a nu becchierillo ’e plasteca; se vulessero abbraccià e vvasà comme na vota, senza mantènere ’e ddistanze e pparlà addereto a na mascarina. Però nun putimmo turnà a comm’ èramo primma, e forze nun avimmo manco ’a turnà a cchella ‘nurmalità’, che cce purtaje già nu sacco ’e guaje, suciale e ppure ecologgiche. Forze, ’mméce, è arrivato ’o mumento ’e cagnà via, ’e fa’ scelte deverze, cu mmeno cunzumisemo e cchiù sulidarietà, cu mmeno chiacchiere e cchiù fatte.
’O pruverbio annummenato ô pprincipio arricurdava ca nunn è overo ca doppo Pasca e Ppifanìa fernesceno tutt’è ffeste, pecché ’nce sta ancora ’a Cannelora , che sse celebra ê doje ’e fevraro. Overamente ’a Befanìa nun ce ha ppurtato riàle overamente bbuone, accussì aspettammo ’e vedé si ’a Cannelora ce purtarrà quaccosa cchiù mmeglia.
Già nu rialo gruosso assaje pe nnuje Napulitane sarrà ’o nuovo Arcepìscopo, munz. Dummineco Battaglia, che vvenarrà a ppurtà aria nova, attiento cumm’è sempe stato a quistione comme pace, giustizzia e sulidarietà. Stesso ’o cardinale Sepe ha ditto: “’A cità nun ha dda perdere ’a speranza, pecché na terra che pperde ’a speranza è na terra morta”. E ppirciò nuje vulimmo arapì ’o core ô novo che sta arrivanno, sapenno pure ca pe ccagnà ’e ccose ce avimm’ ’a ’mpignà tuttequante, pecché nisciuna Befana ce rialarrà niente. Aurie!

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

Il retroscena del libro del noto giornalista-scrittore sul santo protettore degli ammalati “Ho avuto due infarti nel giro di nove mesi, e ogni volta dicevo ‘San Ciro, pensaci tu, patrono del paese’. Sto ancora qui, e allora ho scritto un libro sul millenario culto del...

Il Gran Concerto di Capodanno

Il Gran Concerto di Capodanno

Musica, canto, danza e spettacolari acrobazie circensi al Teatro delle Palme Il Gran Concerto di Capodanno: tra musica, canto, danza e spettacolari acrobazie circensi per festeggiare l’arrivo del nuovo anno in allegria e spensieratezza. Il primo gennaio 2022, alle ore...

L’album omaggio a Pino Daniele

L’album omaggio a Pino Daniele

Il nuovo disco strumentale del musicista napoletano Sergio Esposito dedicato al grande artista “In questo viaggio appassionato non è stato semplice individuare, tra le tante e diverse ‘perle’ del suo repertorio, quelle che meglio potessero adattarsi al nostro organico...

I grandi concerti delle festività

I grandi concerti delle festività

Due incredibili appuntamenti con la musica e il belcanto con gli artisti dell’associazione Noi per Napoli L’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata si entra e si inizia a vivere, respirare l’atmosfera vera e propria del Natale e l’associazione culturale Noi per Napoli...

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Grande successo ieri sera al ristorante Le Stanze a Capo Posillipo degli Alma Partenopea per un concerto sold out davanti a un pubblico entusiasta per la loro musica. La band composta da Gianni Guarracino alla chitarra, Andrea Carboni alle percussioni e Leo D’Angelo...

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

“Il  mio incontro col male”

“Il mio incontro col male”

Parlano i sacerdoti esorcisti. Squarci su un mondo misterioso Uno degli inganni del Maligno sarebbe quello di far credere che non esiste. Secondo altri Satana sarebbe una proiezione della mente per deresponsabilizzarci rispetto a comportamenti inaccettabili (la lotta...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te