Pasca e Ppifanìa… tutte ’e feste vanno via

da | Gen 9, 2021 | Cultura&Spettacolo

Accussì dice nu pruverbio antico: “Pasca e Ppifanìa, tutte ’e feste vanno via. Risponne Cannelòra: Nce stongo io ancora”

Diceva nu pruverbio antico: “A Ppasca e Ppifanìa, tutte ’e ffeste vanno via. / Risponne Cannelòra: Nce stongo io ancora.” Chello ch’è sicuro è ca ’sti fffeste ’e Natale so’ state ancora mascarate e cculurate ’e russo, cu pputeche, risturante e bbarre ’nzerrate, pure si nunn è mmancata ’a soleta ammuina p’ ’e vvie e pparecchia gente nun hanno fatto a mmeno ’e sparà botte periculose e ffracassose. Perzì ’a Befana avette quacche prubblema cu ’a Pulezzia, pe vvia ca nun s’era purtata appresso ll’autocertificazzione, teneva na carta d’identità scaduta ’a nu seculo e mmiezo e ’a scopa volante nunn era assicurata…
Deoràzzia, se n’è gghiuto st’anno assaje defficele e ppirciò ce simmo sentute cuntente e cce simmo scagnate aùrie ’e bona salute e ffelicità pe cchello novo. Però nu’ ppare ca ’stu 2021 se sta alluntananno assaje ’a chello che ssuccedette ’nfin’ ’e mo. Accummincianno d’ ’a puliteca (nazziunale e llucale) e arrivanno ê prubbleme ’e tutt’ ’e juorne, comme chello d’ ’e scole che nnun s’aràpeno, d’ ’e traspuorte pubbleche che stanno tal’e qquale e dd’ ’e spitale, affullate ’a malate ’e Covìdde e addò resta defficele se curà n’ata patologgìa. Si agghiugnimmo pure ’o malutiempo c’ ’ave scutuliato pesantemente ’o lungomare ’e Napule, facenno assaje danne, e ppure brutte storie ’e cremmenaletà minurile, comm’a cchella d’ ’e motorine arrubbate ê rraidér, ’o quatro ’e stu pprencipio d’anno nunn è assaje cunzulante…

’Nfatte, nu’ pputimmo arapì nu giurnale senza ce truvà scarreccate ’ncuollo nu sacco ’e nutizzie ’e cronaca nera (sparatorie camurristeche, trafeche ’e droga e ammazzamiente varie). Ma pure chelle che pparlano d’ ’a cità – e d’ ’e prubbleme suciale che ttene- nunn arapeno ’o core â speranza. Doppo l’arco d’ ’o Chiavecone e nnu piezzo d’ ’o Castiello ’e ll’Ovo, mo ’e mmareggiate ’e sti juorne se stanno purtanno appriesso pure ’a diga d’ ’o Molosiglio. ’E pronteseccurze d’ ’e spitale cchiù gruosse e ’mpurtante, comm’a cchillo d’ ’o Mare e ’o Cardarelli, stanno ancora incasinate. ’O cummercio – cu ttutto ca ’nce so’ state ’e ffeste – nun riesce a sse sullevà d’ ’a crise e pparecchie puteche e rristurante stanno chiudenno.
Pe ttramente ca ’e guagliune/one rummaneno ancora â casa pe studià a ddistanza cu ’a DAD, dint’a quacche scola ’nce so’ trasute vranche ’e mariuole, che ss’hanno fatto lavagne elettroneche, compiutér e pperzì ll’infisse d’ ’e ffeneste. Nu’ pparlammo po’ ’e ll’innustrie che addò nuje vvanno chiudenno, lassanno ’nterra e ssenza fatica a cchille che cce fativano.
Cu ttutto chesto, però, nunn’avimm’ ’a perdere ’a speranza. Ce stanno pure nutizzie cchiù cunfurtante, che pparlano ’e sulidarietà, d’ ’a riscossa ’e ll’artiste, d’inizziative culturale e ssuciale urigginale. Certo, ’a gente teneno voglia ’e turnà a se magnà na pizza assettate ô tavulo, senza s’ ’a fa’ purtà dint’ô cartone ’a nu fatturino ’e cinquant’anne; vurriano piglià nu bellu café dint’ ’a tazzulella, no all’erta all’erta for’ô barre e int’a nu becchierillo ’e plasteca; se vulessero abbraccià e vvasà comme na vota, senza mantènere ’e ddistanze e pparlà addereto a na mascarina. Però nun putimmo turnà a comm’ èramo primma, e forze nun avimmo manco ’a turnà a cchella ‘nurmalità’, che cce purtaje già nu sacco ’e guaje, suciale e ppure ecologgiche. Forze, ’mméce, è arrivato ’o mumento ’e cagnà via, ’e fa’ scelte deverze, cu mmeno cunzumisemo e cchiù sulidarietà, cu mmeno chiacchiere e cchiù fatte.
’O pruverbio annummenato ô pprincipio arricurdava ca nunn è overo ca doppo Pasca e Ppifanìa fernesceno tutt’è ffeste, pecché ’nce sta ancora ’a Cannelora , che sse celebra ê doje ’e fevraro. Overamente ’a Befanìa nun ce ha ppurtato riàle overamente bbuone, accussì aspettammo ’e vedé si ’a Cannelora ce purtarrà quaccosa cchiù mmeglia.
Già nu rialo gruosso assaje pe nnuje Napulitane sarrà ’o nuovo Arcepìscopo, munz. Dummineco Battaglia, che vvenarrà a ppurtà aria nova, attiento cumm’è sempe stato a quistione comme pace, giustizzia e sulidarietà. Stesso ’o cardinale Sepe ha ditto: “’A cità nun ha dda perdere ’a speranza, pecché na terra che pperde ’a speranza è na terra morta”. E ppirciò nuje vulimmo arapì ’o core ô novo che sta arrivanno, sapenno pure ca pe ccagnà ’e ccose ce avimm’ ’a ’mpignà tuttequante, pecché nisciuna Befana ce rialarrà niente. Aurie!

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te