Il Napoli riparte da Cagliari, poker ai sardi per la prima partita del 2021, doppietta di un super Zielinski

da | Gen 3, 2021 | Calcio Napoli

Il Napoli riparte da Cagliari, poker ai sardi finisce 1-4 per la prima partita del 2021, doppietta di un super Zielinski, ottima prestazione di Lozano che mette a segno il terzo gol e sigillo del capitano su rigore.

Inizia un nuovo anno e dopo labrutta chiusura del 2020, Gattuso schiera 4 novità rispetto alla squadra del brutto pareggio contro il Torino allo stadio Maradona, staffetta in porta con il ritorno di Ospina, in difesa al posto dell’infortunato Koulibaly c’è Maksimovic che affinca Manolas, i terzini sono Mario Rui e Di Lorenzo, mentre sulla mediana partono titolari Bakayoko e Fabian Ruiz, a manovrare dietro la punta Petagna c’è Zielinski, le due ali Insigne e Lozano.

Inizia il match sotto la pioggia, ottimo l’approccio mentale della squadra azzurra, buon giro palla sin dai primissimi minuti che premiano subito Zielinski al primo minuto, il polacco viene smarcato al limite dell’area sarda e calcia di sanistro, Cragno respinge. Il Cagliari fa densità in difesa e tenta di far male al Napoli in ripartenza, ma l’unica vera occasione per i padroni di casa capita su un errore di Manolas che sbaglia clamorosamente un passaggio al compagno di reparto Maksimovic, Simeone ruba palla ma calcia di poco al lato. Napoli sempre pericoloso a più riprese, ma come spesso acccade per la squadra di Rino, produce tantissimo ma quello che raccoglie è veramente pochissimo. Dopo 25 minuti dove solo gli azzurri hanno spinto sull’accelleratore arriva il vantaggio, sponda di Petagna per Zielinski che dal limite dell’area fa partire un sinistro potente che si infila sotto la traversa, Cragno è battuto. Dopo il gol il Napoli tira un pò i remi in barca lasciando l’iniziativa al Cagliari, i sardi però non riescono a rendersi pericolosi e la sensazione è che il Napoli possa interrompere il momento buono dei sardi in qualsiasi momento. Si va all’intervallo con gli ospiti in vantaggio per 1-0, tanto rammarico per aver segnato solo un gol dopo le tante occasioni create.

Nella ripresa è il Cagliari ad entrare in campo con più convinzione, gli azzurri ci mettono un pò a ritrovare la giusta quadratura che ha caratterizzato la prima fasa del match. In modo molto blando il Napoli riesci a ritornare a comandare la partita, lasciando praticamente pochissime occassioni di risposta ai ragazzi di Di Francesco, al minuto 60 come un fulmine a ciel sereno, arriva il pareggio del Cagliari, Joao Pedro è servito sul primo palo, Maksimovic prova a contrastarlo e in modo goffo finisce a terra, il 10 del Cagliari resta in piedi e batte sul palo lontano Ospina. Subito il pareggio il Napoli ha una reazione rabbioso e si riversa subito in attacco, nemmeno il tempo di festeggiare per i padroni di casa che si ritrovano nuovamente sotto, affondo sulla fascia di Di Lorenzo che scarica per Zielinski, il polacco dal centro area controlla di sinistro, salta un avversario con un tocco di destro e solo davanti a Cragno di sinistro scaraventa in rete la palla del nuovo vantaggio azzurro. Il Cagliari cerca la reazione ma al minuto 65 si ritrova anche con un uomo in meno, Lozano salta Lykogiannis e si invola verso l’area sarda, il terzino cagliaritano già ammonito travolge il messicano, secondo giallo e padroni di casa in 10. Con la superiorità numerica il Napoli comincia un palleggio molto più fluido grazie al quale si riescono a creare altre palle gol, come quella che capita sui piedi di Lozano al minuto 70, Insigne serve al Chuky un pallone perfetto che aspetta solo di essere spinto in rete, purtroppo Lozano mastica un pò il tiro indirizzandolo comodamente tra le braccia di Cragno. Lozano tra i migliori in campo, non demorde e al minuto 74 firma il terzo gol azzurro, Petagna difende palla nell’area piccola di Cragno e prova a calciare, la sfera dopo un rimpallo resta a pochi passi dalla linea di porta dove il Chuky arriva con un guizzo e di punta la calcia in rete. Partita in cassaforte vista la reazine del Cagliari che sembra man mano non crederci più, grazie anche al buon tiki taka del Napoli che non da diritto di replica i sardi. Il definitivo 1-4 lo firma Insigne su rigore, per un match che riporta il Napoli al quarto posto con una partita da recuperare, rilancio per una squadra che ha chiuso il 2020 con un solo punto in tre partite, ovviamente ci vorrà continuità e in questo mese gli azzurri dovranno ancora affrontare ben 7 partite tra cui la Supercoppa Italiana, quindi sarà una dura prova per il Napoli ma alla fine di questo tour de force, sapremo veramente cosa vorrà fare il Napoli da grande.

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna, doppietta del capitano azzurro che apre le marcature e nel momento in cui la squadra di Mihajlovic la riapre, il magnifico si carica i suoi sulle spalle e firma il definitivo 3 a 1. -Insigne trascina il Napoli- Dimenticare...

Napoli, serve la testa giusta

Napoli, serve la testa giusta

Contro il Bologna gli azzurri devono sbloccare al più presto il risultato Assistendo tra l’incredulo e lo sconcertato al finale di Sassuolo-Napoli ho pensato subito al lapidario giudizio che Mourinho dette di Balotelli: “Ha un solo neurone che gli funziona a...

La Lega Calcio allo sfascio

La Lega Calcio allo sfascio

Il caso-Napoli non ha insegnato nulla ai presidenti delle società. Ci ricascano con il Torino L’atteggiamento della Lega Calcio sulla vicenda Lazio-Torino è davvero imbarazzante. Lascia interdetti. Come è possibile che il mondo del calcio, nella sua versione...

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Ci sono momenti nella vita, nei quali comprendi che qualcosa si è rotto. Qualcosa in cui credevi, qualcosa che ti ha portato tanto vicino al successo memorabile che quasi te lo senti addosso. La sconfitta, pardon, il pareggio subito a Reggio, a partita praticamente...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te