Te piace ‘o presepio?: un racconto natalizio

da | Dic 24, 2020 | Cultura&Spettacolo

Al tempo in cui frequentavo il Liceo, negli anni ‘80, la solennità di un passato non remoto attraversava la stagione del ripudio e sopravviveva come orpello imbarazzante di folklore. A Napoli certo resistevano baluardi come San Gregorio Armeno ma, lontano dal centro, i segni della tradizione erano assai più labili. Una tragica cessione anomica rodeva l’ affannato ceto medio, animato dal desiderio di essere accolto nella famiglia della borghesia italiana. Quel ceto afflitto dalla lotta interiore sugli emblemi da assumere, per dirsi diverso dalla cifra popolare – caso mai altri italiani avessero equivocato – . E siccome in provincia la tradizione era un fatto essenzialmente privato, costituito da un Presepe domestico, contrapposto alle tradizioni nordiche dell’Albero di Natale, il ceto medio dapprima fece convivere le due cose poi, trovandolo insufficiente, volle fare a meno del Presepe. Dopo di quello fu la volta degli zampognari; e quei musici che avevano caratterizzato da sempre la festività natalizia, diventarono presenza rara, ridotta soltanto ai centri storici dove le famiglie popolari ne facevano richiesta.

Al culmine, segno evidente del mutamento di sensibilità, l’ottimismo edonistico di quegli anni ridusse il Natale a mera attesa di una festa assai più ludica: l’ Ultimo dell’Anno. L’ evento di gala in cui veniva investita ogni risorsa. E mentre nei quartieri popolari sopravviveva la sublimazione della tradizione col rito dei botti, con improvvisa accelerata la borghesia napoletana scopriva il Capodanno in montagna e, qualcuno, persino la settimana bianca.

La festa dei botti divenne prerogativa del mondo popolare e, da allora, stigmatizzata con tutti i mezzi borghesi disponibili, sicché quel ceto popolare, fiero di una pratica remota nata nel mondo latino per scacciare i demoni, dovette subire l’umiliazione dell’inadeguatezza covando, ovviamente, risentimento e conflittualità.

A sottolineare ulteriormente la differenza l’ostentazione del corredo da sci, acquisto indispensabile alla  nuova pratica dell’esodo invernale e alla ridicola assunzione di uno sport estraneo.  I posti dove queste “sceneggiate”  avevano luogo erano fondamentalmente due, il Lago Laceno, l’unica località campana che disponeva di un impianto di risalita, e la più rinomata Roccaraso, in Abruzzo, che aveva una tradizione ricettiva più solida.

Più che l’attività sciistica, troppo  irrilevante per meritare una memoria, il ricordo di quegli anni mi restituisce scene di interni, quelle degli ambienti che ospitavano la meschina volontà di rappresentarsi omologati alla borghesia del nord Italia.

In verità non ci andai mai a quei convivi capodanneschi, alle sciocche settimane bianche, perché – fortunatamente  – mio padre le aveva in odio. Gli echi tuttavia mi arrivavano ugualmente perché in una delle località dove queste pratiche invernali si tenevano, ci andavo d’estate, e guardando gli interni dei bar e degli hotel atti a ricevere quelle clientele me ne facevo un’idea. Di poi il nostro ceto medio, suggestionato dalle atmosfere pseudo-alpestri, ossessivamente  evocate dagli spot degli anni ‘80, se le volle portare pure a casa, riproducendone le fisionomie nei garages e nei seminterrati delle proprie abitazioni. Era la cosiddetta “tavernetta”, un orrore dell’ interior design anni ‘80. Le pareti rivestite da doghe di legno, le lanternine coi vetri colorati, la finta botte, la testa del cinghiale imbalsamata e l’immancabile tavolo verde. Ivi si tenevano tutte le feste, comprese quelle di compleanno dei borghesi come me; e mio malgrado, qualche volta dovetti andarci anch’io.  Ricordo ragazzini, riga a lato, coi maglioni dai colori accesi, che si davano a melense musiche lente e brutti rock rumorosi. Rossi in viso, per il caldo esagerato che ambienti termicamente troppo isolati, e troppo affollati, generavano. A un certo punto se ne accorsero pure i più affezionati lasciando presto abbandonate quelle tavernette, restituite alla funzione di depositi quali erano.  Si diffondevano in compenso le birrerie, impropriamente definite “pub”, dove si poteva godere l’apprezzato stile “cowntry” delle abbandonate tavernette. Dove si mangiavano würstell, hamburgher e patatine a buon mercato, ma di equivoca provenienza. Tutte “specialità” che resistettero fino alle paure da “Mucca Pazza”. E dopo? Dopo entrammo nella stagione dello scaricamento leghistico e la nostra ex borghesia si ritrovò, sguardo desolato, davanti al vecchio presepe. Da li un recupero progressivo di certe cifre arcaiche diventate poi, per eccesso, persino chic. Non potei fare a meno, constatando quel ritorno al passato, di pensare a Tommasino sul letto del morente Luca Cupiello che all’ennesima domanda « Te piace ‘o presepio?» ammette finalmente « Si papà…me piace.».

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

Arte e musica in streaming

Arte e musica in streaming

Sei testimonial d’eccezione per la rassegna del treatro Trianon Viviani “Suoni contro muri” Il Covid ha letteralmente paralizzato cinema e teatri. La cultura sta soffrendo più di tutti i settori (insieme al turismo) gli effetti letali della pandemia. Ma a Napoli c’è...

Corradino superstar. Graus, boom di vendite

Corradino superstar. Graus, boom di vendite

È un bilancio 2020 più che lusinghiero per la casa editrice napoletana Graus Edizioni che nonostante la pandemia da Covid-19, lo smart working, le restrizioni e il divieto di organizzare eventi può esibire confortanti successi di vendita delle sue pubblicazioni. “Non...

Addio al grande musicologo e critico Paolo Isotta

Addio al grande musicologo e critico Paolo Isotta

Non un libro questa settimana ma il commosso omaggio ad un autore mancato appena pochi giorni fa, il quale lascia un ricordo indelebile in chi lo ha conosciuto. Parliamo di Paolo Isotta, professore emerito del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, uno tra i...

Tav e malgiustizia, scoop napoletano

Tav e malgiustizia, scoop napoletano

Un libro-intervista sull’odissea di un manager torinese costretto a trasferirsi e a lavorare a Dubai All’epoca il caso occupò a lungo la ribalta della cronache nazionali. Uno dei tanti scandali giudiziari finiti in una bolla di sapone, con tanto di calvario subito da...

’Nce vurrìa nu miraculo?

’Nce vurrìa nu miraculo?

Nun se po’ suppurtà c’ ’a Reggione e ll’Asl Na1 ritardanno ’a riqualificazzione d’ ’o spitale ‘San Gennaro’ Naturalmente nun sto’ pparlanno ’e san Gennaro ’o prutettore ’e Napule, che ’e miracule ’e ffa. Parlo ’e ll’antico spitale napulitano che pporta ’o nomme ’e...

Ll’anno ’e draghi? No, d’ ’o Voje…

Ll’anno ’e draghi? No, d’ ’o Voje…

’A cummunetà cinìse tene a Nnapule na tradezzione longa e ’mpurtante accummenciata ô XVIII seculo Vuje forze manco ’o ssapiveve ca mo mmo simmo trasute int’a ll’anno d’ ’o Voje (o Vùfero), animale sìmmolo ’e cuòccio e fforza d’anema. Però ’o ssapevano buono ’e 12.500...

Teatro, la casa diventa scena

Teatro, la casa diventa scena

Oggi in diretta sulla pagina Facebook del Suor Orsola Benincasa il progetto “Screen Life Theatre” “Screen Life Theatre”. La casa che diventa scena. Azioni performative che dalle case degli attori raggiungono le case degli spettatori. Sono le nuove frontiere del teatro...

Carnevale in tempo di pandemia

Carnevale in tempo di pandemia

Quest’anno i festeggiamenti saranno diversi dal solito: prevarranno le regole sulla tradizione Il Carnevale è la festa del disordine, carnem levare, eliminare la carne, una festa pagana, che a Roma si legava ai Baccanali, in onore di Bacco, dio del vino, della...

Mezzogiorno, beni culturali e la loro valorizzazione

Mezzogiorno, beni culturali e la loro valorizzazione

È interessante talvolta ritrovare libri che trattano problematiche poste in essere vari lustri e decenni fa e che - nonostante il tempo trascorso - non sono adeguatamente evolute. Sono questi squarci editoriali infatti che lasciano intravedere l’attenzione e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te