Chiste fantaseme (scherzo eduardiano)

da | Dic 23, 2020 | Cronaca

Vi proponiamo un dialogo immaginario tra Pascale e il suo dirimpettaio al tempo del Coronavirus

Pascale (assettato, cu nna tazzulella ’e cafè ’mmano, se sta ffacenno na chiacchiera cu nnu vicino, prufessore ’e scola): “Embé, a nnuje napulitane levatece tuttecose, ma no ’stu ppoco ’e libbertà for’ô bbarcone… Caro professore, specie mo, cu stu dannato Covìdde nun putimmo fa’ niente cchiù e… Che ddicite? Sì, è overo: simmo addiventate arancione e pputarriamo pure ascì for’ ’a casa, però, se sape, è nu ddiece’ ’e prubblema pe ffa’ ogne cosa. S’hann’ ’a fa’ file longhe assaje a ll’ufficie, ê pputeche, pe ttutte parte. E ppo’, cu cchella mascarina ’nfaccia nun putimmo manco sciatà…”.
Beve nu surzo ’e cafè, po’ dà na guardata ô giurnale e rrepiglia subbeto a pparlà.
“Oillòco: “Troppi assembramenti per gli acquisti di Natale. Si prevedono nuove restrizioni”. Avite sentuto, prufessò? Già sta fernenno ’a libbera uscita…Se sapeva ca ’st’ammuina p’ ’e vvie ce faceva turnà comme zona rossa! Comunque, caro professore, io overamente stongo buono pure â casa. E ssì: c’âmm’ ’a fa’, simmo sulo duje perzone, io e mmuglierama, e cce arrangiammo buono pure senz’ascì. Che ssaccio? Tenimmo genio e magnà na pizza, na frittura mista? Facimmo na telefonata â pizzaria e cc’ ’e pportano. A Mmaria lle vene ’o sfizzio ’e nu panino? Chiammammo â ’mburgheria ’e rimpetto e subbeto ce portano tutto chello che vvulimmo. ’Nzomma, cu tutte ’sti ggiuvene che vanno giranno matina e ssera, abbasta chiammà e…Che ddicite? Ah, pure vuje v’ìreve accuorto già ’e ’sti rraidér che ssaglieno e scenneno ’a casa nosta quann’è ’a cuntrora?… Embé, è nna commodità. Una cosa sulamente m’aggio ’a fa’ cu ’e mmane meje… E bbravo ’o prufessore! Avite annevinato pecchè già ’o ssapite ca mme piace sulo ’o ccafè che mme faccio stesso io c’ ’a machinetta». Se ne beve n’atu ppoco d’ ’a tazzulella e ttorna a gguardà ’ncopp’ô giurnale. “Comunque, è overo pure chello che scrive ’stu giurnalista: “In assenza di relazioni personali da vicino, sta cambiando la percezione degli altri”. E ssì, pecché – ’o ccapite meglio ’e me vuje che ssite nu prufessore – nun ce parlammo cchiù faccia a ffaccia, nun ce astrignimmo cchiù ’e mmane, nu’ ddammo n’abbraccio manco ê fammeliare… E cchesta che rrobb’è! Simmo addiventate tuttequante immaggene ’ncopp’ô telefono e ô compiutèr… ’O vvedite, ’o ddice pure nu pissicologo ’ntervistato d’ ’o giurnalista: “Le persone ormai si relazionano solo virtual…mente (bah, chesta nu’ ll’aggio capita buono…) e così rischiano di trasformarsi in immagini senza corpo, in icone, comunicando con noi come spiriti evocati da una medium”. Mamma d’ ’o Carmene! E cche bbrutta cosa! ’Nzomma, prufessò, in poche parole ’stu signore dice ca, a ppoco a ppoco, stammo addiventanno comm’a ffantaseme…”.
A cchistu punto s’interrompe pe ssèntere ’a resposta d’ ’o vicino.
«Che ddicite? No, prufessò. Chillo ch’è ppassato mo mmo adderet’a mme nunn è nu fantasema…E bbravo! Tenite pure genio ’e pazzià!… No, avess’a essere ’o guaglione d’ ’o chianchiere…sì, ’o macellaro, ch’è ssagliuto pe ppurtà ’o spezzatino p’ ’a genuvese… Me pareva ’e sentere ’o campaniello d’ ’a porta… sarrà gghiuta muglierama… Comme dicite? “Ci sono rimasti ormai solo i piaceri della carne”? Neh, ma comme state spirituso stammatina! Overamente a mme me piace assaje ’o rraù… però – detto tra noi – essa nunn ’o ssape fa’ comme Dio cumanna, accussì m’accuntento d’ ’a genuvese…”.

Pascale s’avota, pe pparlà c’ ’a mugliera, che sta dinto casa.
“Marì, dincello ô guaglione c’ ’a vota passata ’a carne ’e vitello era troppa tosta, capito?… Ah, fatte purtà quacche sasiccia…m’arraccumanno, a ppunta ’e curtiello…”.
Torna a bbevere nu surzo ’e cafè e a pparlà c’ ’o vicino.
“Prufessò, e…vvuje nun me dicite niente? Saccio ca tenite nu sacco ’e prubbleme cu ’stu fatto ca ’e scole stanno ancora ’nzerrate… È overo: ce stanno già nu cuofeno ’e perzone che ffaticano ’a casa…comme diceno?… Ah, che ffanno ’o smartuorchìng. ’Nzomma, comme parlaje n’amico d’ ’o mio, praticamente mo stammo turnanno ê tiempe antiche, quanno se faceva ‘casa e pputeca’…! Però, scusate, a ffa’ ’o prufessore me pare c’avess’a essere na cosa deverza… Che nne ddicite? Vabbuò, ’o ssaccio ca pure vuje facite chillu fatto ’e fa’ lezzione a ddistanza, però nunn è ’o stesso ca parlà a gguagliune e gguaglione ‘ncarne e ossa, dico bene? Ah, tutte ’e juorne ve state culleganno cu ll’aule virtuale? Certo, è mmeglio ca niente…però, scusate, io nu’ ccapisco comme facite a ’mparà l’italiano, ’a storia e ’a giografia sulo parlanno ’nfaccia a nnu compiutér. Ah, ’nce stanno ’ncoppa tutte ’e ffaccelle d’ ’e studiente vuoste? Nu’ ddiscuto. Vuje ’e lezziune overo ’e ffacite, ma comme facite a pparlà sulo cu ffigurelle ’ncopp’a nu schermo? Comme? Ll’interrogate pure? E cche v’aggi’ ’a dicere, prufessò? A mme me pare c’accussì è comme si parlasseve cu ’e spìrete…Sì, me pare ca state facenno lezzione ê fantaseme!… E poi… Permettite? Me sta chiammanno muglierama…”.
Pascale s’avota ancora verz’ ’a stanza ’e lietto.
“Che d’è, Marì? Ha bbussato pure ’o guaglione d’ ’o salumiere? No, nu’ pozzo. Sto pparlando c’ ’o prufessore. Pienzace tu a ffallo trasì…”.
Po’ torna a gguardà for’ô bbarcone. “Scusate l’interruzzione, prufessò. Che stevo dicenno?… Ah! Ca è comme si vuje facisseve lezzione a ffantaseme, no a guagliune overe… Comme? Vuje dicite ca ognuno tene ’e fantaseme suoje? Po’ essere, prufessò. Po’ essere pure…”..

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te