No al “mostro” del Monte Echia. Sos a Conte, Costa e Franceschini

da | Dic 20, 2020 | Cronaca

Cresce la mobilitazione contro il mostro di cemento in costruzione sul Monte Echia, una sorta di  parallelepipedo alto oltre quattro metri (a due passi dai resti della villa di Lucullo e dal castello di Lamont Young) che oscura la vista della  meravigliosa baia di Napoli e pregiudica ulteriormente la stabilità del costone tufaceo. Si tratta della stazione superiore dell’ascensore pubblico che dovrebbe collegare via Santa Lucia con il sovrastante belvedere di Pizzofalcone. Per completarlo, lungo il traforo verticale sono necessarie opere di contenimento del  tufo giallo, che rischia di spaccarsi per le colate di cemento; mentre è previsto che,  soltanto dopo l’entrata in funzione dell’impianto, si provvederà al  consolidamento del costone… “Il tutto in violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio”, denunciano le associazioni, “e mentre a pochi passi già esiste un impianto analogo che si potrebbe restaurare con gli stessi fondi europei  disponibili per il nuovo elevatore”.  Pochi giorni fa sono state presentate due interrogazioni alla Camera, a firma dei deputati De Lorenzo (ex M5S ora Liberi e Uguali) e Cantalamessa (Lega) per chiedere di  indagare sulla legittimità del progetto  e di valutare il ripristino dello status quo ante. Una questione all’attenzione del premier Conte e dei ministri Costa e Franceschini. Non si escludono, a breve, sviluppi.

Pochi napoletani conoscono questo luogo magico e di struggente bellezza a 56 metri sul livello del mare al quale s’accede attraverso via Egiziaca a Pizzofalcone (e dove nell’ottavo secolo prima di Cristo nacque Parthenope). Uno spuntone roccioso che si staglia sul golfo di fronte all’isolotto di Megaride e il cui profilo è parzialmente visibile soltanto nel punto in cui da via Santa Lucia si svolta per via Chiatamone. In questo luogo leggendario, selvaggio e  misterioso, ecco spuntare il mostro:  “Un casermone tipo cappella di un cimitero modernista”, così definito da alcuni architetti che si stanno scatenando via facebook .

Tra i leader della protesta, Antonio Pariante del Comitato di Portosalvo, un professionista impegnato da 25 anni  in battaglie a tutela del patrimonio culturale, sulla scia delle grandi esperienze condivise con le Assise di palazzo Marigliano, Italia Nostra, Centro storico-Unesco… Una mobilitazione che viene da lontano. “No alla struttura in cemento armato che copre il panorama della baia facendo scempio di un luogo straordinario, vincolato anche dal punto di vista archeologico, e ciò in violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio”.

L’idea di collegare meglio la sommità del Monte Echia con la strada sottostante poteva anche essere apprezzabile. “Ma di ascensori ce ne sono già altri tre, che collegano il centro a Monte di Dio”, ricorda  Pariante. L’ascensore del ponte di Chiaia. A breve, quello della linea 6 che parte da Chiaia per sbucare in piazza Santa Maria degli Angeli… E quello che da via Chiatamone (a sinistra, guardando l’ingresso della galleria Vittoria) emerge all’altezza della Nunziatella; a quanto pare, funzionante, anche se è fermo da 60 anni per supposti problemi di infiltrazioni (pare che ci fosse anche un interesse degli abitanti dei palazzi che costeggiano l’ascensore a evitare eccessivi viavai). Si potrebbe restaurare. “Perché farne un quarto? Spreco di denari”.

Il Comitato di Portosalvo e altre associazioni ambientaliste da tempo muovevano obiezioni circa la realizzazione dell’impianto elevatore nell’area del Monte Echia sottoposta a vincolo paesaggistico, archeologico e culturale (da dove prende origine la storia della città). I lavori purtroppo sono andati avanti. Ma adesso si chiede il ripristino dello stato dei luoghi. “Il modo c’è”, suggerisce Pariante: “Ricorrere agli strumenti di autotutela per correggere gli errori degli amministratori precedenti, un po’ come succede nello sport con il VAR,  che consente all’arbitro di rimediare agli errori”.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te