Napoli, devi essere lucido per vincere

da | Dic 19, 2020 | Calcio Napoli

Gli errori commessi a Milano contro l’Inter rappresentano il limite della squadra di Gattuso. A cominciare dalla reazione del capitano

L’analisi della partita immeritatamente persa contro l’Inter merita tuttavia un doppio binario di valutazione, prima tecnico poi di carattere, per provare a decifrare il possibile futuro del Napoli in una stagione che, nonostante le quattro sconfitte e il punto di penalizzazione, vede gli azzurri a soli cinque punti dalla capolista Milan, ancora imbattuta. Sotto il profilo tecnico e tattico, a sommesso avviso di chi scrive, vanno fatti gli applausi al più bel Napoli di Gattuso. Alla straordinaria capacità di interpretazione e di lettura della gara contro la squadra più potente e qualitativamente forte del campionato e con l’allenatore tra i più pagati dell’intero pianeta calcio. Al Meazza si è visto un Napoli solido, concentratissimo, in grado di dettare i tempi di gioco e la manovra con un palleggio accorto e preciso per arrivare sotto la porta di Handanovic. Un Napoli, quindi, in grado di lottare per l’altissima classifica. Il calcio, però, nella sua crudeltà, ha fatto sì che nell’unica occasione presentatasi ai nerazzurri nel secondo tempo, Ospina ha mandato giù in area Darmian per un rigore sacrosanto, trasformato da Lukaku insolitamente fuori dalla partita. È proprio dopo l’assegnazione del rigore da parte del mediocre arbitro Massa, che a nostro giudizio, nasce la necessità di verificare il reale carattere della squadra che ha l’esigenza di essere sempre “sul pezzo” con la testa anche in momenti difficili. Mi riferisco all’espulsione rimediata da Insigne per aver mandato… in bagno il direttore di gara in modo plateale.

Era proprio necessario farlo? Non sono certo un moralista, però affermare che il “vaffa” detto all’arbitro non era da espulsione come ha poi sostenuto Gattuso e anche molti opinionisti e addetti ai lavori, non lo capisco proprio. Soprattutto tra mega professionisti che hanno un dovere e delle regole da rispettare. È verissimo che in campo se ne dicono di tutte ma Insigne era capitano e aveva solamente tutto il diritto di chiedere spiegazioni a Massa a nome dell’intera squadra. Ma aveva, Insigne, anche il dovere, da capitano, di tenere bene a freno la lingua sapendo che: a) dopo il tiro dagli undici metri sarebbe stata necessaria la massima determinazione per attaccare e recuperare il probabile svantaggio, b) dopo tre giorni ci sarebbe stata un’altra gara importantissima da disputare, c) che la squadra nelle prossime gare avrebbe dovuto già privarsi della presenza di Mertens e Osimhen, infortunati. Come non pensare a non danneggiare i compagni? Insigne, però, come capitato altre volte in passato, anche con compagni, allenatori e tifosi, s’è fatto invece prendere dalla rabbia istintiva di chi presume di stare subendo un torto soprattutto dopo che alcuni minuti prima Handanovic con un miracolo gli aveva strozzato in gola l’urlo di gioia per un gol che sarebbe stato straordinario. E questo aspetto sul carattere, anzi, sulla caratterialità della squadra, merita uno studio approfondito da parte di Gattuso, importante come e più di quanto il tecnico sin qui abbia saputo fare tanto bene tatticamente con l’organico a disposizione. È pur vero che i “se” e i “ma” nel calcio lasciano il tempo che trovano, ma con Insigne ancora in campo il Napoli avrebbe o non avrebbe avuto una possibilità in più di recuperare svantaggio e partita? Ecco, se Insigne è da 3 in pagella per il comportamento avuto che ha danneggiato la squadra, anche Gattuso non è da meno perché le sue parole di giustifica non sono certo da potersi condividere. Soprattutto perché pronunciate dal leader del gruppo che non può assolvere l’atteggiamento tenuto dal suo capitano in un momento topico della partita.

Un errore grave, anzi due, a nostro sommesso avviso ben più gravi della stessa immeritata sconfitta. Però, se è vero che le delusioni e le ferite restano dopo errori commessi a proprio danno, è anche vero che da certe situazioni chiusesi negativamente si possono poi ottenere effetti benefici. Lezioni salutari per riflettere, rialzarsi e ricominciare. Insigne, la squadra e lo stesso Gattuso ne facciano esperienza utile e tesoro. Già dalla gara contro la Lazio.

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

Confessioni di una mente geniale

Confessioni di una mente geniale

Dopo mesi di silenzio stampa, finalmente il presidente del Napoli torna a parlare. E lo fa a modo suo Finalmente una reazione, un cenno di vita c’è stato. Non del Napoli ma del suo proprietario che s’è “confessato”, si fa per dire, al “Passepartout Festival” di Asti....

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League, bruttissima prestazione dei ragazzi di Gattuso che non riescono a battere il Verona, 1-1 e i bianconeri ringraziano. Napoli fuori dalla Champions League - Tensione alle stelle al Maradona di Fuorigrotta, dai primi minuti del match,...

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli-Verona: gli azzurri giocano per non rovinarsi la Champions e le vacanze; motivi più convincenti di ogni modulo tattico. Difendendo il quarto posto dalla Juventus, posizione appena conquistata a dispetto di Cassandre e menagrami, Gattuso e i suoi avranno...

Due vittorie per l’Europa che conta

Due vittorie per l’Europa che conta

Il lavoro di Gattuso, nonostante difficoltà e critiche, ha aperto il ciclo del Napoli che verrà C’è un proverbio napoletano che recita testualmente “Chi fraveca e sfraveca nun perde maie tiempo”. Cioè, chi costruisce e poi si trova a dover abbattere quello costruito,...

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l’Udinese, al Maradona finisce 5-1

Il Napoli strapazza l'Udinese, al Maradona finisce 5-1, azzurri al secondo posto in attesa delle sfide di domani. Il Napoli strapazza l'Udinese - Dopo essersi insediati in zona Champions, gli azzurri cercano di consolidare la posizione in classifica, Gattuso schiera...

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions

Il Napoli doma il toro e aggancia la zona Champions, ottima prestazione degli azzurri che risolvono la pratica nei primi 15 minuti, poi in fase di gestione sfiorano il terzo gol in più di dieci occasioni. Il Napoli doma il toro, gli azzurri riescono a spuntarla con la...

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, al Diego Armando Maradona finisce 5-2

Manita del Napoli, Lazio battuta 5-2, in gol Insigne, Politano, Insigne, Mertens e Osimhen, per gli ospiti in gol Immobile e Milinkovic Savic. Manita del Napoli - Il Napoli deve provarci a tutti i costi, davanti frenano un pò tutte tranne la Juventus, ma la Lazio è...

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Napoli-Inter: Conte-Gattuso, una sfida nella sfida

Notte di stelle a Fuorigrotta tra Napoli e Inter. E di paradossi strani per Conte e Gattuso i loro allenatori, dalle stelle alle stalle in due mesi. Tra i paradossi del calcio di questa stagione a dir poco strana c'è il fatto che l'uscita dell’inter dalla Champions...

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te