Papu Gomez al Napoli: i figli amano già la maglia azzurra. E lui annuncia l’addio all’Atalanta

da | Dic 14, 2020 | Calcio Napoli

Un regalo molto gradito dai figli del Papu Gomez, l’attaccante argentino dell’Atalanta: la maglia del Napoli. A regalargliela fu Andrea Petagna dopo la trasferta napoletana. La punta del Napoli, ex compagno di squadra dell’argentino, regalò all’argentino tre divise azzurre da far indossare ai figli. E la risposta del Papu Gomez non tardò ad arrivare e fu pubblicata sui social: “Grazie fratello, li hai fatti felici”. Questo scrisse il Papu su Instagram immortalando i figli con la maglia azzurra del Napoli. Un messaggio d’amore verso la casacca dei partenopei? Un messaggio velato di un giocatore che vuole indossare quella maglia così tanto cara a chi è argentino come lui da quando ci ha giocato il più grande di tutti?

Di sicuro il giorno della morte di Diego Armando Maradona Gomez manifestò il suo amore per Maradona, lo stesso che provano i napoletani. “Oggi è morto anche il calcio, hai dato gioia a tante persone”. Alejandro Papu Gomez ricordò così Diego Armando Maradona sul proprio profilo Instagram dopo aver appreso della prematura morte del sessantenne connazionale. “Riposa in pace Diego, mancherai molto a tutti gli argentini e a tutti noi che sogniamo un giorno di essere come te e di indossare quel numero. Oggi è morto anche il calcio, hai dato gioia a tante persone, non meritavi di passare il resto dei tuoi giorni così – chiude il Papu -. Mando le mie condoglianze a familiari e amici. È tutto molto triste”.

E proprio oggi, in un altro messaggio postato sui social network, Gomez ha chiuso con l’Atalanta aprendo, di fatto, alla possibile cessione al Napoli: “Cari tifosi atalantini, vi scrivo qui perché non ho nessun modo di difendermi e di parlare con voi. Volevo solo dirvi che quando me ne andrò si saprà la verità di tutto. Voi mi conoscete e sapete che persona sono. Vi voglio bene, il vostro capitano”. Un messaggio che arriva proprio mentre le voci dell’interesse del Napoli per Gomez si fanno sempre più insistenti e non vengono smentite nemmeno dal suo procuratore Giuseppe Riso che è lo stesso di Petagna. “Il Papu Gomez al Napoli? È il capitano dell’Atalanta e un uomo vero, ma ora è presto per parlare di mercato, non mi piace farlo con i se e con i ma“: questa la dichiarazione che lascia aperto il fronte Napoli. Una piazza dove Gomez si troverebbe a suo agio.

 

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te