Ucrainapoli: Isso, Odessa e ’o Princepe

da | Dic 12, 2020 | Cultura&Spettacolo

Fa na certa ’mpressione scuprì quanto cuntava na vota Napule e ’o regno sujo, pure for’a ll’Italia

Po’ essere ca quaccuno ’o ssapeva già, però fa na certa ’mpressione scuprì quanto cuntava na vota Napule e ’o regno sujo, pure for’a ll’Italia. Ogge, nuje napulitane canuscimmo l’Ucraina e ’a pupulazzione soja quase sulamente pe mmezza ca tenimmo na cummunità ’e faticature ucraine grossa assaje. ’E statistiche d’ ’o 2019, ’nfatte, ce fanno sapé ca sulo a Napule cità se cuntavano 8.755 ucraine. Int’a ttuttaquanta ’a cità metropoletana se nne cuntavano 23.337 (’o 10% ’e tuttequante ll’ucraine d’Italia), specialmente a Ggiugliano (1.149), Somma V. (488), Marigliano (419) e Acerra (415). ’Nzomma, si ll’ucraine che stanno mo â pruvincia ’e Napule se mettessero assieme, putessero furmà nu cummune cu ’a pupulazzione d’Ottaviano… Ma comm’è ca Napule è addeventata accussì…ucraina? Liggenno ’a storia d’ ’a cità cchiù ’mpurtante d’ ’o sud ’e chillu Paese capimmo comm’è ppotuto succedere ’stu fatto bastantemente streuzo. Mo a Odessa, affacciata ’ncopp’ô Mar Nero, àbbetano nu melione ’e perzone, proprio comm’a Nnapule. Comm’a Nnapule, Odessa è na cità turisteca cu no puorto e, addereto, na filera ’e culline. Però accà fernesceno ’e ssumiglianze, pecché stammo 1.500 chilometre a nnord-est luntano ’a Napule, addò ’o clima, pure si temperato, è assaje cchiù friddo. “E allora…?” – vene ’a dicere, citanno a na canzona d’Ernesto Murolo – che ce azzecca Napule cu Odessa?

Embé, anticamente, primma ’e chesta cità, lloco steva na culonia greca (Tyras), che ddoppo fuje abbetata d’ ’e Tatare e cagnaje nomme (Haçi-Bey) e a ll’Ottomane (addeventanno Yeni Dűnya). Quanno ô XVIII seculo ’e Turche perdettero a guerra cu ’e Russe, ô 1784 ’sta cità furtifecata passaje a ll’impero d’ ’a Zarìna Catarina ’a Granne e ssulo tanno fuje chiammata Odessa (Одесса). Chello che nnu’ ssapeno tuttequante è cca â nasceta ’e ’sta cità dette nu bbellu cuntributo nu signore napulitano che se chiammava Giuseppe de Ribas. Overamente ’e nomme faceva Josè Pascual Domingo de Ribas y Boyons (1749 – 1800), figlio a nu nobbele spagnuolo. A 16 anne trasette int’a ll’esercito burboneco, addeventanno maggiore a 20 anne. N’amico d’ ’o sujo, ’o conte russo Orlov s’ ’o purtaje appriesso â corte russa e accussì Giuseppe participaje pure â guerra contr’ê Turche. Amico d’ ’o putente princepe Grigorji Potëmkin (cumpare ’e ll’imperatrice Catarina…), ’o culunnello Josif Michajlovič Deribas participaje pure â guerra ’e Crimea. Pare ca fuje isso propio che vvulette da’ ’o nomme Odesso a ’sta cità (p’arricurdà na culonia greca chiammata Odessos), però ’a zarina lle cagnaje ’o nomme ô femmenile… Nun sapimmo si jette propetamente accussì. Sapimmo sulo ca Josè-Giuseppe-Josif De Ribas murette doppo 16 anne – abbelenato ’a chi steva urganizzanno na cuspirazzione contr’ô Zar Paulo – e ffuje atterato ô campusanto germanese ’e Pietrobburgo.
Nu libbro ’e storia che pparla d’ ’a vecchia Odessa (“Staraja Odessa”) fuje pubblecato ô 1913 ‘nlengua russa a nu descennente d’ ’o sujo, Aleksandr Deribas. Chello che cconta overamente è cca doppo 66 anne, ô 1950, a Odessa ce steva ggià na culonia ’e 3000 perzone che vvenevano d’ ’o Regno d’ ’e Dduje Sicilie. N’atu napulitano, Francesco Boffo (1790-1867), architetto capo pe 40 anne, facette addiventà Odesa (ll’Ucraine ’a chiammano accussì) nu museo apierto, cu cchiù ’e 30 palazze neoclassiche e ’a famosa ‘Scalinata Potëmkin’, (s’, propeto chella d’ ’a curazzata russa chiammata comm’ô princepe, che ddette nomme ô film ’e Ėjzenštejn…) Odes(s)a è stata gemellata cu Ggenova, però ’a cità che lle ddette ’e cchiù è Nnapule, e pperzì ’o stennardo sujo – russo e ggiallo – arrassumiglia a cchello napulitano.
’O fatto cchiù ’mpurtante, cumunque, è ’a storia d’ ’a canzona ch’è sìmmolo ’e Napule. ’Nfatte, pare c’ ’o musecista napulitano Eduardo Di Capua pigliaje ispirazzione d’ ’a fenesta ’e casa soja a Odessa quanno cumpunette ô pianefforte “’O sole mio “, canusciuto pe ttutt’ ’o munno comme inno ’e Napule. Pirciò, quanno sentimmo sunà e ccantà ’stu capolavoro d’ ’a museca napulitana, arricurdammoce ca – pure si â Cetà Metropolitana nosta campano quase 25.ooo ucraine, nu pezzullo ’e Napule sta ppure lloco, affacciato ô Mare Nero. Sarrà ppure “n’atu sole”, ma pur’isso ce po’ scarfà ’o core…

 

Nuova indagine per il Capitano Giulio Mariani

Nuova indagine per il Capitano Giulio Mariani

In libreria entro fine primavera il secondo giallo del giornalista Giovanni Taranto Torna il Capitano Giulio Mariani: entro fine primavera la seconda inchiesta del detective dell’Arma protagonista ci dei gialli del giornalista Giovanni Taranto sarà sugli scaffali di...

Carnevale, ballo a corte dentro al Palazzo Reale

Carnevale, ballo a corte dentro al Palazzo Reale

Oggi, lunedì 28 febbraio e martedì 1 marzo alle ore 15 e 17 e domani, domenica 27 febbraio, alle ore 10, 12, 15, 17 va in scena l’insolita esperienza di fruizione museale, ideata e realizzata da Le Nuvole con Casa del Contemporaneo e la collaborazione della direzione...

Musica, ecco “Niente è niente”

Musica, ecco “Niente è niente”

Il nuovo progetto musicale degli artisti partenopei Olga De Maio e Luca Lupoli che unisce pop e lirica Si chiama “Niente è niente” il nuovo progetto discografico del soprano Olga De Maio e del tenore Luca Lupoli, noti artisti lirici partenopei ed internazionali,...

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

Il retroscena del libro del noto giornalista-scrittore sul santo protettore degli ammalati “Ho avuto due infarti nel giro di nove mesi, e ogni volta dicevo ‘San Ciro, pensaci tu, patrono del paese’. Sto ancora qui, e allora ho scritto un libro sul millenario culto del...

Il Gran Concerto di Capodanno

Il Gran Concerto di Capodanno

Musica, canto, danza e spettacolari acrobazie circensi al Teatro delle Palme Il Gran Concerto di Capodanno: tra musica, canto, danza e spettacolari acrobazie circensi per festeggiare l’arrivo del nuovo anno in allegria e spensieratezza. Il primo gennaio 2022, alle ore...

L’album omaggio a Pino Daniele

L’album omaggio a Pino Daniele

Il nuovo disco strumentale del musicista napoletano Sergio Esposito dedicato al grande artista “In questo viaggio appassionato non è stato semplice individuare, tra le tante e diverse ‘perle’ del suo repertorio, quelle che meglio potessero adattarsi al nostro organico...

I grandi concerti delle festività

I grandi concerti delle festività

Due incredibili appuntamenti con la musica e il belcanto con gli artisti dell’associazione Noi per Napoli L’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata si entra e si inizia a vivere, respirare l’atmosfera vera e propria del Natale e l’associazione culturale Noi per Napoli...

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Grande successo ieri sera al ristorante Le Stanze a Capo Posillipo degli Alma Partenopea per un concerto sold out davanti a un pubblico entusiasta per la loro musica. La band composta da Gianni Guarracino alla chitarra, Andrea Carboni alle percussioni e Leo D’Angelo...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te