Paolo Rossi, icona umile del Belpaese vincente

da | Dic 12, 2020 | Calcio Napoli

Passi in fretta questo 2020, bisesto e funesto come pochi altri. Anche per il mondo dello sport e del calcio in particolare. Il 25 novembre l’addio a Maradona, la leggenda, il dio del calcio; esattamente 15 giorni dopo l’addio a Paolorossi (sì, scritto tutto una parola, ndr), l’icona dell’ Italia calcistica e vincente, anzi l’Italia tutta. Come la pizza e gli spaghetti, il Colosseo e la Madunina…Diventò il simbolo del Belpaese dopo la vittoria ai mondiali dell’ ’82 in Spagna, griffata Rossi, che diventò Pablito, con sei sigilli che gli valsero il “Pallone d’oro”. Quattro anni dopo toccò a Diego diventare il simbolo vivente del calcio. Un caso la congiuntura astrale della morte di due personaggi tanto diversi eppure così simili per ciò che hanno rappresentato nel calcio? Calcisticamente il confronto è impossibile, ma la morte, come a’ livella, ha equiparato i due, opposti che si toccano.

La semplicità e la trasparenza di Rossi, uomo e giocatore, a confronto con la grandezza e i dubbi irrisolti di Maradona calciatore e uomo. Gli infortuni in carriera e anche Napoli o il Napoli, fate voi, ad accomunare una diversità difficile da immaginare più forte. Maradona ha fatto del Napoli e di Napoli la sua seconda patria, amato e venerato come un dio. Rossi, estate 1979, scelse di non scegliere il Napoli, non Napoli, e i tifosi se lo legarono al dito quel rifiuto. Un aereo sorvolò il San Paolo durante Napoli-Perugia recando in coda uno striscione che diceva: “Paolo Rossi non sei degno di noi”. Non venne capita la sua scelta. Era un Napoli mediocre e Ferlaino, come aveva fatto con Savoldi, comprava il grande giocatore per entusiasmare i tifosi e fare oltre sessantamila abbonati. Ma era una squadra senza progetto. Quello sarebbe arrivato solo con Allodi, Bianchi e soprattutto Maradona. Dopo Perugia la Juventus, dove vinse tutto, compresa la finale di Coppa Campioni insanguinata dell’Heisel. Fu sfortunato quando venne coinvolto nella prima “Calciopoli”. Non c’entrava niente ma fu superficiale e pagò con due anni di squalifica. Serviva il “mostro” da sbattere in prima pagina e la sua faccia acqua e sapone era quella giusta. Il destino, però, ti rende sempre ciò che ti toglie. I mondiali ‘82 lo consacrarono icona. Maradona e Rossi, l’Alfa e l’Omega di due vite all’opposto. Due simboli così diversi che il calcio e la morte hanno accomunato in un solo caloroso abbraccio rendendoli immortali. E chissà che Diego, magari servendogli qualche assist “celeste” non trovi in Paolo quella serenità che non ha avuto sulla terra e che è stata, invece, la chiave della breve esistenza di Paolorossi.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te