Stazione Maradona, De Luca sprint

da | Dic 5, 2020 | Cronaca

Il sindaco de Magistris aveva annunciato per maggio l’intitolazione del terminal della linea 6, ma il governatore lo ha anticipato

I più l’hanno interpretato come l’ennesima puntata dell’ormai estenuante contrasto fra il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e il presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca. Questa nuova sfida si gioca, a partire da oggi, nel nome di Diego Maradona. Oggi infatti il governatore De Luca inaugura la prima stazione per l’indimenticato fuoriclasse morto il 25 novembre. L’evento si svolgerà, intorno a mezzogiorno, a Fuorigrotta (piazzale Tecchio): una cerimonia durante la quale la stazione Mostra della Cumana — quindi dell’Eav, — pur mantenendo il nome, si allargherà in Mostra stadio Maradona. Nella stessa circostanza si inaugureranno anche le opere d’arte che allestiranno la stazione, alcune decine di grandi raffigurazioni artistiche di calciatori che hanno fatto la storia del Napoli – tra cui Krol, Vinicio, Sivori, Savoldi, Canè, Careca, Bagni e, ovviamente, Maradona – realizzati sia da artisti famosi che da artisti di strada, e collocati ai due lati delle rotaie e già parzialmente visibili dai passeggeri della Cumana, anche se ancora coperti.

Sin qui nulla di particolare. Solo che nei giorni scorsi, subito dopo la notizia della morte di Maradona, il sindaco de Magistris aveva preannunziato, oltre all’intenzione di dedicare a Diego lo stadio San Paolo anche quella di dedicargli la nuova stazione della linea Ltr che finirà il suo percorso proprio davanti allo stadio, a Fuorigrotta. Insomma de Magistris almeno dal punto di vista cronologico aveva acquisito una sorta di priorità. Ma De Luca non ha fatto complimenti. Ed ora corriamo il rischio di ritrovarci con due stazioni ferroviarie nella stessa piazza, dedicate a Maradona. Un po’ troppo, onestamente ed anche qualcosa di sconveniente sul piano pratico, visto che magari i napoletani si abitueranno subito e sapranno identificare la differenza, ma sarà difficile sottoporre lo stesso problema ai turisti. La decisione di intitolare a Maradona la stazione Mostra della Cumana avviene proprio nel giorno in cui de Magistris va a fare un sopralluogo alla stazione della Metro Chiaia-Fuorigrotta che dovrebbe essere realizzata entro maggio del 2021.

Alla cerimonia di oggi dovrebbero presenziare il presidente del Napoli De Laurentiis, il presidente della Regione De Luca e il presidente dell’Eav De Gregorio. Usiamo il condizionale perché, come è noto, in periodo di pandemia sono sospese tutte le celebrazioni pubbliche in presenza, per cui non è escluso che alla fine la cerimonia possa avvenire attraverso collegamento via Skype.
“Posso confermare che la stazione Mostra Eav si chiamerà Mostra stadio Maradona. Ma, era già programmata: era stata stato tutto sospeso per il Covid: ci sarà un allestimento figurativo in questa bella galleria. Poi, ci sarà da parlare della questione del museo. C’è una valorizzazione da turismo turistico: anche fisicamente serviva un simbolo evocativo e simbolico. Il museo è un tema aperto, c’è un soggetto che ha la titolarità e la competenza come la Società Sportiva Calcio Napoli, con la Regione aperta a discutere. Credo che la società deve dare il primo segnale. Krol, Vinicio, Sivori, Savoldi, Canè, Careca, Bagni sono alcuni dei nomi: non voglio svelare altro, ma ci sarà anche qualcuno del Napoli dei giorni nostri, ad esempio Cavani o Hamsik”, ha commentato il vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola.
Guarda caso, era tutto già programmato.
Cioè Bonavitacola ci vuol far credere che avevano previsto anche la morte di Maradona. Lui viene da Salerno e crede che i napoletani, come si suol dire, hanno l’anello al naso.

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te