I negozi riaprono: addio zona rossa

da | Dic 5, 2020 | Cronaca

La Campania in area arancione. Intanto il governo blinda il Natale: niente spostamenti e coprifuoco alle 22 anche a Capodanno

Il governo blinda il Natale per scongiurare una terza ondata della pandemia di Covid-19. Le nuove misure sono contenute nel decreto legge “cornice” e nel Dpcm – annunciato il 3 dicembre dal premier Giuseppe Conte – in vigore dal 4 dicembre fino al 15 gennaio. Un insieme di regole valide per tutto il periodo, con delle specifiche norme ed eccezione per il periodo delle festivitĂ . Dagli spostamenti all’apertura di bar, ristoranti e negozi, ecco cosa si può fare e cosa no. Nell’ormai consueto Consiglio dei ministri notturno il governo ha approvato il decreto legge che vieta dal 21 dicembre al 6 gennaio “ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome”.

Il 25, 26 dicembre e l’1 gennaio sarà vietato “ogni spostamento tra comuni”, salvo comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute. E dopo una lunga battaglia sulle deroghe, cui molto teneva il premier, sarà consentito il rientro “alla propria residenza, domicilio o abitazione”. Non sarà però permesso spostarsi nelle seconde case fuori regione e, nei giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno, nemmeno fuori comune. Confermato il coprifuoco alle 22 anche il primo dell’anno, ma con orario prolungato alle 7 di mattina a Capodanno. Chi entra in Italia dall’estero dal 21 dicembre ha l’obbligo di quarantena di 10 giorni, al fine di scoraggiare le vacanze natalizie. Negozi aperti fino alle ore 21 dal 4 dicembre al 6 gennaio, centri commerciali chiusi nei festivi e prefestivi dal 4 dicembre al 15 gennaio. Quanto alla Campania, a partire da domani, domenica 6 dicembre, diventerà zona arancione. Il ministero della Salute ha firmato l’ordinanza che sancisce il cambio di colore per la Regione governata da Vincenzo De Luca, in base ai dati emersi dal report settimanale di monitoraggio del ministero della Salute e dell’ Istituto superiore di sanità. La promozione in un’area di rischio più basso, quella arancione, ha come effetto immediato quello della riapertura dei negozi chiusi dallo scorso 15 dicembre.

Intanto nel consueto discorso in diretta su Facebook del venerdĂŹ, Vincenzo De Luca ha dichiarato di condividere pienamente le misure di rigore del governo, a cominciare dalla limitazione degli spostamenti tra regioni e comuni. Sulla situazione dei contagi in Campania ha annunciato che “la percentuale dei positivi è del 9%, sotto il 10%. “Questi risultati – ha sottolineato però il governatore – sono il frutto delle nostre scelte, della chiusura anticipata delle scuole, del filtro che abbiamo fatto in estate per chi veniva dall’estero e di tutte le ordinanze di maggiore rigore che abbiamo adottato, non grazie alle misure del governo. Abbiamo la conferma di quello che mi ero permesso di anticiparvi – ha aggiunto De Luca – e cioè che si conferma che la regione Campania alla fine sarĂ  la regione che esce dal Covid prima delle altre, meglio delle altre e in un contesto di totale trasparenza”.

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Scampia, in 30 a giocare a tombola e dopo il coprifuoco: sanzionati

Scampia, in 30 a giocare a tombola e dopo il coprifuoco: sanzionati

Stanotte gli agenti dei Commissariati Scampia e Secondigliano, con il supporto degli equipaggi dell’Ufficio Prevenzione Generale, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Cupa della Vedova per la segnalazione di assembramenti all’interno di un...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te