Cucinare con amore a Porta Capuana

da | Dic 5, 2020 | Cultura&Spettacolo

Il volume pubblicato nel 2015 da “Ad est dell’Equatore”

Un libro appena un po’ datato rappresenta la lettura di questa settimana, comunque ancora reperibile nel catalogo dell’editore e per questo suggerito. Parliamo di “Cooked with love in Porta Capuana”, pubblicato nel 2015 da “Ad est dell’Equatore” con la curiosa indicazione della curatela di “Aste & nodi”. Si tratta, come suggerisce il titolo, di un piccolo saggio a tema gastronomico, costituito da 77 pagine, davvero molto interessante. Data la proposta tengo anche a specificare che difficilmente apprezzo le pubblicazioni di carattere gastronomico. Il tema, che mi è caro, si risolve infatti troppo spesso nell’ostensione, e nella ripetizione, di invadenti caroselli di ricette che solleticano la pornogastrica propensione alimentare dei nostri tempi anomici. Ciò che manca quasi sempre, in questo tipo di pubblicistica, è il valore più importante del cibo che consiste nella restituzione del suo significato antropologico e culturale, ovvero, il valore che ho trovato nel saggio in oggetto. Ecco finalmente, vale la pena di dire, una rappresentazione sociologica dei cibi e di un luogo del cibo profondamente simbolico qual è Porta Capuana. Parliamo della fucina culturale della Città di Napoli qui definita attraverso la trasformazione delle pietanze popolari. Ed è da questa evoluzione continua che s’intravede quella qualità, rara in Italia, anzi, rarissima, ma pacifica e diffusa nella cultura di Napoli, che si chiama “inclusività”. Un “metissage” di contributi culturali che la storia dispone di imperio e che diventano parte integrante della cultura cittadina che è, anche, cultura gastronomica. E poi senza per questo ritrovarsi stravolta nella propria identità. Si configura così la fisionomia sociologica di Napoli, restituita con sguardo pittorico, quasi quadro ottocentesco dei banchi di pesce e dei venditori ambulanti di cibarie.

Le pagine del libro offrono quindi il ritratto di quel cibo di strada, nato dalle commistioni di culture tra le quali echeggia, anche, la voce delle antiche province per le quali Napoli fu volano che ne promosse le bontà. Tutto ciò viene individuato attraverso la descrizione di venti pietanze iconiche, offerte da dieci interpreti che si mostrano capaci di connettere il presente al passato, inglobando ciò che caratterizza l’attualità anche in termini di nuova sensibilità del gusto, non priva delle influenze etniche contemporanee. Il testo si configura, tra le altre cose, come un tassello di un progetto che vuole essere di rilancio, ma che preferisco considerare “preservazione delle peculiarità”; “sguardo altro”; capace di trovare nelle cifre del gusto e dell’arte di questo luogo iconico qualità intrinsecamente radicate. Non recuperate. D’altronde la tradizione gastronomica vagheggiata dal testo è stata sempre cifra caratterizzante del Quartiere. “Cooked with love in Porta Capuana”; a.c. di Aste e Nodi, edizioni Ad est dell’Equatore.

Musica, ecco “Niente è niente”

Musica, ecco “Niente è niente”

Il nuovo progetto musicale degli artisti partenopei Olga De Maio e Luca Lupoli che unisce pop e lirica Si chiama “Niente è niente” il nuovo progetto discografico del soprano Olga De Maio e del tenore Luca Lupoli, noti artisti lirici partenopei ed internazionali,...

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

San Ciro e l’«ex voto» di Pietro Gargano

Il retroscena del libro del noto giornalista-scrittore sul santo protettore degli ammalati “Ho avuto due infarti nel giro di nove mesi, e ogni volta dicevo ‘San Ciro, pensaci tu, patrono del paese’. Sto ancora qui, e allora ho scritto un libro sul millenario culto del...

Il Gran Concerto di Capodanno

Il Gran Concerto di Capodanno

Musica, canto, danza e spettacolari acrobazie circensi al Teatro delle Palme Il Gran Concerto di Capodanno: tra musica, canto, danza e spettacolari acrobazie circensi per festeggiare l’arrivo del nuovo anno in allegria e spensieratezza. Il primo gennaio 2022, alle ore...

L’album omaggio a Pino Daniele

L’album omaggio a Pino Daniele

Il nuovo disco strumentale del musicista napoletano Sergio Esposito dedicato al grande artista “In questo viaggio appassionato non è stato semplice individuare, tra le tante e diverse ‘perle’ del suo repertorio, quelle che meglio potessero adattarsi al nostro organico...

I grandi concerti delle festività

I grandi concerti delle festività

Due incredibili appuntamenti con la musica e il belcanto con gli artisti dell’associazione Noi per Napoli L’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata si entra e si inizia a vivere, respirare l’atmosfera vera e propria del Natale e l’associazione culturale Noi per Napoli...

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Grande successo ieri sera al ristorante Le Stanze a Capo Posillipo degli Alma Partenopea per un concerto sold out davanti a un pubblico entusiasta per la loro musica. La band composta da Gianni Guarracino alla chitarra, Andrea Carboni alle percussioni e Leo D’Angelo...

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te