Ospina salva il Napoli, pari in Olanda e qualificazione rimandata a giovedì prossimo contro la Real Sociedad

da | Dic 3, 2020 | Calcio Napoli

AZ Alkmaar – Napoli 1-1, Ospina salva gli azzurri parando il rigore del sorpasso AZ, qualificazione rimandata a giovedì prossimo contro la Real Sociedad.

Dopo essere stati sconfitti dall’AZ, tra le mura amiche per 1 rete a zero, gli azzurri cercano il riscatto in Olanda e la qualificazione alla prossima fase di Europa League, la formazione titolare è così composta: Ospina; Di Lorenzo, Koulibaly, Maksimovic, Ghoulam; Fabian Ruiz, Bakayoko, Zielinski; Politano, Insigne, Mertens.

A dare l’inizio del match sono i padroni di casa, lancio immediato per Gudmundsson, difesa colta di sorpresa, tiro da posizione defilata ma Ospina si fa trovare subito pronto e devia in angolo, sugli sviluppi dell’angolo a sfiorare il vantaggio è de Wit, autore del gol vittoria nella partita di Fuorigrotta. Parte forte l’AZ mettendo in difficoltà il Napoli sin dai primissimi secondi della partita, ma alla squadra di Gattuso, a differenza del match di andata, basta poco per trovare il vantaggio, è il sesto minuto quando Politano e Di Lorenzo si scambiano la palla, cross basso del 22 azzurro che trova l’anticipo sul primo palo di Ciro Mertens, palla in rete e ospiti in vantaggio. Il Napoli, nei minuti successivi al gol, sembra poter gestire al meglio il possesso palla tenendo lontani gli avversari dalla propria porta, ma al minuto 20 l’AZ sfiora il pareggio, Wijndal crossa basso per Aboukhlal, sinistro di precisione senza pensarci troppo dall’interno dell’area e palla che sembra dover finire in rete, ma Ospina si supera e devia in angolo. Momento del match dove l’AZ sembra riprendere in mano il pallino del gioco e nel momento migliore della squadra di casa, gli azzurri sfiorano il raddoppio in due occasioni, entrambi da calcio d’angolo, prima con Di Lorenzo che anticipa tutti sul primo palo, allunga la traittoria della palla la quale per poco non trova la deviazione di Mertens, poi proprio con Dries che poco più tardi effettua lo stesso movimento di Di Lorenzo, ma questa volta la deviazione è verso la porta e trova la parata di Bizot. Finisce il primo tempo con gli azzurri in vantaggio per 1-0.

Inizia il secondo tempo, stesso copione del primo, gli azzurri sembrano poter far male quando vogliono ma spesso lasciano l’iniziativa agli avversari che non si lasciano pregare per rendersi pericolosi. Minuto 53 la squadra di casa trova il pareggio, Martins Indi, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, devia a un metro dalla porta un tiro a volo di Koopmeiners, Ospina battuto. Minuto 59 calcio di rigore per l’AZ, Wijndal penetra in area azzurra si incrocia con Bakayoko che lo stende, per il direttore di gara Buquet è penalty, Ospina indovina l’angolo e devia il tiro forte di Koopmeiners. Il Napoli sembra non essere uscito dagli spogliatoio e continua, con il passare del tempo, a contenere l’ottimo momento dell’AZ che si rende pericolosa a più riprese. Gattuso corre ai ripari usufruendo di tutte le sostituzioni a disposizione già al 65esimo, Demme, Mario Rui, Petagna, Elmas e Lozano non riescono a dare una svolta alla partita. Ma nonostante gli azzurri risultano non pervenuti nel secondo tempo, o affrontato con scarsa attenzione, in due occasioni rischiano di ritornare in vantaggio, clamoroso è l’errore sotto porta di Petagna che tutto solo di testa a 2 metri dalla porta spedisce fuori, poco più tardi è Lozano a raccogliere un passaggio al bacio di Demme che lo mette davanti al portiere, Chucky controlla ma non riesce a superare il portire che di slancio riesce a sdradicare la palla dai piedi del messicano. Finisce in parità.

Tutto rimandato a giovedì prossimo contro la Real Sociedad, squadra spagnola che arriva al San Paolo dopo il pareggio di questa sera con il Rijeka per 2-2, gli azzurri primi in classifica con 10 punti, per qualificarsi alla fase successiva, avranno bisogno di non perdere l’ultima partita, se invece l’AZ non batterà il Rijeka, la squadra partenopea si qualificherà anche in caso di sconfitta.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te