Papà, aiutami! Affogo nel web. Messaggi subliminali e falsi coetanei

da | Nov 28, 2020 | Primo piano

Immagini brutte, di crudeltà, di violenza, giochi pericolosi e macabri film dell’horror che abituano i bambini alla frequentazione di scheletri e fantasmi annichilenti (abbassandone la soglia di tolleranza e dunque le difese) invece di educarli al vero, al giusto, alla solarità, alla bellezza. Così è degradata la televisione che pure ebbe un ruolo importante nella crescita del Paese. Ma i pericoli maggiori ora arrivano da telefonini e computer, ricchi di “esche” disseminate da pedofili con falsa identità di coetanei nonché di “messaggi subliminali”. I messaggi subliminali sono quelle immagini inserite nei film e nei video a una velocità tale (decimo di secondo) da non essere recepite a livello cosciente ma che si imprimono nell’inconscio. Effetti visivi (o anche frequenze sonore) impercettibili, utilizzati a scopo pubblicitario ma anche ideologico (per condizionare orientamenti, consumi e costume dei cittadini) o che spingono a gesti autolesionistici.

Mai come in questa fase di emergenza i bambini sono spesso lasciati soli con i loro apparecchietti mentre episodi di cronaca allarmanti finiscono nel dimenticatoio. A Milano un 15enne precipitò da un tetto dov’era salito con tre amici per farsi un selfie. Tra le “sfide estreme” che impazzano su TikTok, andare fuori di testa ingurgitando farmaci che si trovano in casa (una 15enne ci ha rimesso la vita negli Usa). C’è una parte superficiale, della rete, e un’altra occulta (dark web): a luglio in Italia la scoperta di una chat dell’orrore con filmati pedopornografici e di decapitazioni e squartamenti (coinvolti 20 giovani tra cui sette 13enni). A giugno una ragazzina napoletana di 12 anni, finita nel mirino di due “amici” che avevano preso a minacciare anche la madre, è stata così male da finire in ospedale (cyberbullismo). A ottobre sempre a Napoli si scopre un giro a luci rosse con foto di minorenni rubate dai loro profili social e trasmesse via Telegram per ricattarle (tutto ciò che viene messo in rete non sarà mai cancellato e non sai l’uso che un altro ne può fare, si è ricattabili per sempre). A settembre la tragedia del bimbo di 11 anni che si lancia dal balcone a Posillipo dopo aver scritto un messaggino: “Ho un uomo incappucciato davanti, non ho tempo”. Realtà virtuale e mondo reale. “Il ruolo della famiglia è fondamentale quale mediatore affinché i piccoli non diventino strumento della rete, confondendo il virtuale col reale. Non si può vietare l’uso di Internet, ma i bambini devono essere seguiti… Ed anche stimolati a uscire, a fare moto, a stare con gli amici, per inserirsi gradualmente in società, il che accresce identità e sicurezza”, ricorda Cinzia Rosaria Baldi, psicologa dell’età evolutiva. Se poi ci sono segnali di malessere, a volte noi adulti siamo distratti… E non sempre abbiamo le capacità tecnologiche per verificare. Magari, a prima vista, sul telefonino del piccolo compare un video pulito, rassicurante, che però poi si trasforma (o contiene messaggi a rischio così veloci che l’occhio non riesce a fissarli…).

Tutti i dati recepibili dagli smartphone e dai computer in generale (dall’identità all’indirizzo al numero di telefono, dagli spostamenti per andare a scuola o al lavoro alle ricerche che facciamo, alle foto di familiari e amici) tutto viene raccolto in “data base” e può essere perversamente utilizzato a nostra insaputa. Bambini e adolescenti non hanno ancora la maturità cerebrale né l’esperienza per fronteggiare da soli questa situazione. Quantomeno rischiano di farsi fagocitare dalla valanga di sollecitazioni tipo messaggi e finestre che si aprono in continuazione, il che riduce la capacità di concentrazione (con ricadute in ambito scolastico) o di sviluppare dipendenza da Internet. “Lo sviluppo delle capacità critiche”, insiste la dottoressa Baldi, “è comunque legato alla presenza dell’adulto”. L’uso intensivo dei video peraltro fa male alla vista e incide sul sistema neurovegetativo (tenersi a 20 cm dallo schermo e quantomeno interrompere per 10 minuti ogni ora).
Le foto, si sa, possono essere manipolate (o usate per creare documenti falsi). Intanto con l’uso dei modelli in 3D (oltre a tecniche biometriche e a raggi infrarossi) avanzano le tecnologie per il riconoscimento facciale. L’identificazione basata sui volti è già attiva in due aeroporti italiani (la videocamera esegue la scansione del volto e conferma l’identità del passeggero tramite scansione del passaporto elettronico).

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te