L’eroe che ha difeso Napoli dall’Italia

da | Nov 28, 2020 | Sud100cento

La morte del campione argentino, che si sentiva napoletano, vista attraverso il calcio come fattore identitario

Sappiamo tutti che il Napoli Calcio non è solamente la squadra di calcio della città di Napoli nonché la più blasonata dell’Italia meridionale. Ed è anche il simbolo di appartenenza alla nostra identità, è un riscoprire le proprie radici che affondano in una terra bellissima fin troppo vilipesa. Il calcio che, lungi dall’essere considerato solamente uno sport, è quindi l’espressione di un Paese e ne riproduce, paradossalmente, anche la storia, intesa come una delle tante componenti della Questione Meridionale.

Infatti, dal 1904 (data d’inizio del campionato di serie A) ad oggi, quasi tutti gli scudetti assegnati appartengono alle squadre del Nord che più vincevano e più attingevano tifosi e blasone.
Ci piace pensare che la conoscenza della nostra storia passi anche attraverso gli spalti, le gremite curve che fanno sventolare sempre più frequentemente simboli identitari (vessilli, bandiere, striscioni) che le iniziative sui social contribuiscono ad allargare e a veicolare (cento bandiere del Regno delle due Sicilie oppure lo striscione dedicato al morti del lager di Fenestrelle, un luogo sinistro in Piemonte che vide tanti patrioti briganti deportati, umiliati, uccisi in barba ai principali diritti umani). Ben venga allora il connubio “calcio & identità” altrimenti eventuali vittorie e successi del Napoli calcio serviranno solo a vanto del tifoso “del” Napoli e non del tifoso “di” Napoli. Premessa indispensabile per comprendere il trasporto emotivo e il dolore scaturito dalla prematura morte dello scugnizzo argentino venuto a liberarci da timori reverenziali e sudditanze e a vendicarci del perenne stato di colonizzazione. Lo ha fatto quando ha ricordato ai giornalisti che “Napoli non è sporca ma è l’Italia che sporca Napoli” oppure quando ha spiegato che “l’Italia si ricorda di Napoli solo quando deve tifare contro l’Argentina”. Diego si è schierato dalla parte di Napoli, è stato un eroe per noi.

Lui, capace di essere politicamente scorretto, mai domato, mai succube. Idolatrato da tanti di noi refrattari ad ergersi a giudici e disposti a perdonargli i suoi demoni perché ne albergano tanti in noi. Demonizzato e ingiuriato invece dai finti “cavalieri senza macchia” che hanno persino nascosto verità e versioni dei fatti che lo coinvolgevano, verità spesso completamente avulse da quelle imperanti che lo vedevano colpevole anche quando non lo era.
Intitolargli lo stadio San Paolo è solamente il minimo tributo dovuto. Avresti dovuto invecchiare insieme a tanti di noi Dios, ma il tuo omologo ti ha voluto prima.

Un’occasione per unire il Sud

Un’occasione per unire il Sud

Le prossime regionali in Calabria, dopo la prematura dipartita della governatrice Jole Santelli, saranno l’ennesimo banco di prova per testare e consolidare, con una tappa in più, quella mai sopita idea di unione politica con testa, cuore e sede nella nostra amata...

I Savoia, una stirpe che l’Italia protegge

I Savoia, una stirpe che l’Italia protegge

Una norma italiana del 2002 consentì il rientro degli eredi della sanguinosa dinastia. Un rientro in Patria per i discendenti che si rivelò un vero e proprio boomerang per il Governo italiano al quale i Savoia, non paghi di questa benevolenza concessa per volere...

Cambiare la toponomastica? Abbiamo scoperto che si può fare

Cambiare la toponomastica? Abbiamo scoperto che si può fare

Cambiare la toponomastica? Se ci sono davvero volontà e giuste motivazioni si può. È questo il messaggio che arriva dopo aver intitolato, meritatamente, al nostro compianto Diego Armando Maradona, con una semplice delibera del Consiglio comunale di Napoli, lo stadio...

L’8 dicembre: più di una festa

L’8 dicembre: più di una festa

In questa data si celebra l’Immacolata Concezione, patrona del Regno delle due Sicilie ma anche altro L’otto dicembre, una data che un tempo non rappresentava soltanto un’importante ricorrenza religiosa per il popolo del Regno delle due Sicilie profondamente devoto...

Perché comprare prodotti del Sud Italia, ora più che mai

Perché comprare prodotti del Sud Italia, ora più che mai

“Compra Sud” (locuzione che racchiude oramai diverse associazioni, movimenti e politiche di acquisto)  nasce, esclusivamente, dall’amore per la nostra Terra, il Sud Italia vittima passiva di reiterate spoliazioni. Si sente il bisogno, in tempi di crisi globali, di...

Cenerentola e Lady Oscar sono napoletane

Cenerentola e Lady Oscar sono napoletane

Cenerentola, favola dei fratelli Grimm, diventata famosa soprattutto per la trasposizione cinematografica Disney, in realtà era una fiaba del ‘600 di Giambattista Basile: La Gatta Cenerentola. Faceva parte della collana “Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de...

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

di Gennaro De Crescenzo* Il dibattito in questi giorni è vivace: il Giro d'Italia anche quest'anno ha di fatto cancellato il Sud con l'eccezione di una fugace apparizione pugliese e abruzzese, tra San Giovanni Rotondo e Vasto-L'Aquila. In queste ore una provocazione...

Populismo, intelligenza artificiale e lavoro

Populismo, intelligenza artificiale e lavoro

Il futuro deciso dai potenti riuniti al Lingotto Ancora una volta gli uomini del Sud anticipano tutti e profetizzano il ruolo del Bilderberg. Come accade da ben 64 anni, da quando per la prima volta si tenne, almeno ufficialmente, la prima conferenza presso l’hotel De...

Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

Maggio 1860, lo sbarco dei Mille a Marsala

Maggio 1860, così ebbe inizio la colonizzazione del Regno. Esattamente 158 anni fa, l’11 maggio 1860, indisturbato per ordine del corrotto comandante borbonico Acton e protetto dal benevolo occhio della marina inglese, ufficialmente di stanza nel porto per proteggere...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te