Covid, arriva il tampone sospeso

da | Nov 28, 2020 | Cronaca

L’iniziativa, partita dalla Sanità per poi estendersi anche a Scampia, permetterà di effettuare uno screening di massa nei due rioni

Questa città strana continua a vivere le sue diverse identità anche durante la pandemia. Un paradiso abitato dai diavoli. Ecco, i diavoli continuano ad essere gli scellerati che non rispettano le regole, che non mettono la mascherina o che la portano al di sotto del naso, che non hanno capito che fanno innanzitutto un torto per primi a loro stessi, perché non hanno alcun riparo contro l’infezione. E diavolo è anche quel positivo che usciva tranquillamente, frequentava luoghi pubblici e che è stato arrestato. Ma degni del paradiso sono tutti quelli, a cominciare dai volontari, che continuano come sempre a prodigarsi per il prossimo, incuranti del pericolo. E degni del paradiso lo sono anche i singoli che prestano il loro aiuto a chi ne ha bisogno. E così, dopo il caffè sospeso a Napoli in tempi di pandemia si è visto anche il tampone sospeso. È un’iniziativa lodevole promossa dall’associazione Sadisa (Sanità, diritti in Salute) che ha riscontrato grande consenso. Sono stati in tantissimi a mettersi in fila in questi giorni per accedere all’oratorio della parrocchia Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo, in piazza della Libertà, dove sono state allestite le postazioni per effettuare i tamponi.
“È un’iniziativa partita dal centro, dal rione Sanità, per poi estendersi in periferia – ha commentato Angelo Melone, presidente di Sadisa – in un’ottica di condivisione del problema. La Sanità e Scampia sono due quartieri distanti ma anche simili dove c’è un alto rischio di contagio perché nuclei familiari molto numerosi vivono in contesti ristretti e dove abbiamo intercettato l’esigenza di fare il tampone che purtroppo si scontrava con i costi elevati’’.

L’associazione mette a disposizione dei cittadini la possibilità di effettuare il tampone al costo solidale di 15 euro con un ulteriore ribasso rispetto ai 18 euro della prima trance, riduzione che – ha sottolineato Melone – “è stata possibile grazie a un ulteriore sforzo dei nostri soci’’.
Ma accanto al tampone solidale c’è anche il tampone sospeso che consente a chi può di offrire il costo di un tampone a chi non può permetterselo. E da qualche giorno a Scampia è partita la campagna con 500 tamponi sospesi grazie alla disponibilità di uno sponsor privato che ha sostenuto i costi.
Il tampone solidale e sospeso è stato ben accetto dal parroco Francesco Minervino che ha messo a disposizione i locali della parrocchia: “Dico grazie a tutti quelli che si mettono in rete per incoraggiare la nostra gente. È necessario condividere, mettere insieme le forze per abbattere non solo il virus ma anche il virus terribile della paura e dell’isolamento’’.
Un’iniziativa che – come ha evidenziato il presidente dell’VIII Municipalità, Apostolos Paipais – “ci permette di realizzare uno screening di massa sul nostro territorio e ciò è stato possibile anche grazie alla sinergia istituzionale messa in campo e al sostegno di volontari, medici, paramedici, forze dell’ordine e Protezione civile che sono qui per aiutarci a gestire il buon andamento”. Insomma la fantasia non manca di esercitarsi anche a fin di bene. Dovrebbero farne tesoro gli sconsiderati per i quali il virus sembra quasi non esistere. A dispetto dei morti che, purtroppo, nonostante l’appannarsi dei contagi, continuano a mantenersi in numero stabile.

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te