Supercoppa, si gioca a Reggio Emilia

da | Nov 21, 2020 | Calcio Napoli

Il match si disputerà il prossimo 20 gennaio al Mapei Stadium, preferito all’Olimpico per motivi logistici

Si giocherà in Italia e non all’estero come accaduto nelle precedenti edizioni la sfida di Supercoppa tra Juventus e Napoli. Il match si disputerà il prossimo 20 gennaio al Mapei Stadium di Reggio Emilia, scelto rispetto all’Olimpico per motivi logistici e organizzativi.
L’ufficialità è stata resa nota, con un comunicato ufficiale della Lega Serie A nella serata di ieri.
Sulla questione nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” in onda su Radio Marte è intervenuta Raffaella Curioni, assessore con delega allo sport del Comune di Reggio Emilia: “Abbiamo saputo la notizia in queste ore, ci riempie di gioia ed è un riconoscimento per città e stadio – ha dichiarato l’assessore Curioni -. Il Mapei Stadium ha ospitato tanti eventi importanti e offre soluzioni logistiche”. “Abbiamo ospitato l’Italia qualche giorno fa, Reggio Emilia è pronta – ha aggiuinto -. Ci dispiacerà se da qui al 20 gennaio gli stadi saranno ancora chiusi ma noi organizzeremo al meglio questo evento straordinario e di portata nazionale”.
In merito alla possibilità di un evento pubblico o meno Curioni ha sottolineato che a stabilirlo saranno “autorità superiori che devono decidere con tutte le attenzioni del caso. Il nostro stadio – ha precisato – può consentire l’accesso perché ha una capienza importante. Speriamo che l’emergenza sanitaria sia diminuita se non passata. In questi mesi è mancata tanto la scuola ma pure lo sport. Il Sassuolo ha il Mapei Stadium in gestione. Noi per fortuna abbiamo due grandi squadre, c’è anche la Reggiana. L’investimento che Mapei ha fatto per lo stadio sono importanti. Io sono tifosa della Reggiana, abbiamo seguito il percorso della squadra che è stato straordinario”. L’assessore, interpellata infine sull’ipotesi del paragone tra il caso Napoli e quello della Reggiana in termini di penalizzazioni in campionato si è detta contraria al ruolo decisionale dello sport su queste situazioni: “Il Paese deve gestire questa emergenza sanitaria e bisognerebbe farlo in ogni campo con un po’ di attenzione – ha osservato -. Bisognerebbe cercare di avere molto equilibrio. Ci sembra un po’ un peccato”.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te