Chi ha ucciso Anna Grimaldi? La figlia: “Chi sa, adesso parli”

da | Nov 21, 2020 | Cronaca

Elvira non crede alla pista passionale: “Anzi, penso che doveva servire a coprire qualche altra cosa”

C’era il lockdown. La figlia, vedendola impaurita, le diceva: “Mamma, qualsiasi cosa succeda, siamo tutti insieme”. Ed è stato allora che Elvira Grimaldi ha pensato: “Ho un solo rimpianto, se dovesse succedermi qualcosa… Non ho fatto abbastanza per sapere chi ha ucciso mia madre!”. Così la decisione di rivolgersi a “Chi l’ha visto” per lanciare un appello (11 novembre) a chiunque possa aiutare a svelare il giallo dell’omicidio di Anna Grimaldi mentre rientrava nella villa di via Petrarca alle 20.30 del 31 marzo 1981. “Sono passati 40 anni, e non c’è più da avere paura… Forse chi ha ucciso è ancora a piede libero, e potrebbe essere vicino. O, forse, non c’è più. Ma è impossibile che a quell’ora nessuno abbia visto nulla. E se non ha visto, può aver saputo, sentito; capito qualcosa… Chi può aiutarci”, chiede Elvira Grimaldi, “si metta in contatto con la trasmissione”.

Anna Parlato, figlia di un ricco costruttore, s’era sposata giovanissima con l’armatore Ugo Grimaldi, nipote del comandante Achille Lauro. Bella vita. Quattro figli. Ma ciò non poteva bastarle. Bella e intraprendente, era anche donna d’affari, con mille attività (presidente tra l’altro dell’ippodromo di Agnano). Curiosa. Inquieta, anche sentimentalmente. A un certo punto scopre la passione per il giornalismo. Fa i primi passi al Roma e poi sbarca al Mattino come pubblicista. Semplice collaboratrice, ma considerata donna di potere…
Dopo una breve storia con un altro giornalista, intreccia una relazione con Ciro Paglia, il capocronista, noto anche per la sua sfida al boss Cutolo. Ciò non manca di creare imbarazzo in redazione: tra i dipendenti del Mattino c’è la moglie di Paglia, Elena Massa, una professionista che aveva lottato per ottenere l’assunzione (finendo nella redazione di Salerno). Elena resta col figlio undicenne nella casa di Posillipo e Paglia affitta una stanza nella zona del Chiatamone. La sera del delitto Anna Grimaldi era stata a Chiaia per comprare doni e una torta per festeggiare il compleanno della figlia Elvira (passando anche al Mattino per lasciare dei dolci in portineria) prima di dirigersi verso casa. Non appena entrata con l’auto nel parco, le spararono. Proiettili calibro 6,35. Una Browning baby. Paglia disse che la moglie ne possedeva una simile.

Ed è così che le indagini si orientano subito sul versante della moglie gelosa. Elena travolta dai sospetti. Si sottopone al stub test che rileva tracce di polvere da sparo, ma quella mattina era stata al poligono di tiro che frequentava da anni. Della pistola aveva denunciato lo smarrimento sei mesi prima. Incertezze sull’alibi. Quel pomeriggio era stata a giocare a tennis col figlio, poi erano rientrati e intorno alle 20.20 lei era riuscita per andare a piazza San Luigi a comprare dell’acqua minerale, benché ci fossero rivenditori più vicini: un’acqua specifica, che sapeva che avrebbe trovato lì. Il 27 giugno l’arresto. Poi scarcerata. Nuovo mandato di cattura. Latitante. Torna per il processo. Il 21 dicembre 1984 assolta “per non aver commesso il fatto”. In Appello e in Cassazione poi assoluzioni con formula dubitativa. Quattro mesi prima del delitto, il 2 dicembre 1980, un nipote di Ugo Grimaldi (figlio del fratello Guido) era stato rapito a scopo di estorsione. La cifra richiesta era pazzesca. In parte pagata, sembra che Anna si fosse rivolta al boss Cutolo per una mediazione. Le trattative erano in corso (Gianluca sarebbe stato liberato il 13 agosto 1981).
A 16 anni dal delitto, 1997, un collaboratore di giustizia Ciro Vollaro raccontò che Anna era stata uccisa per errore da camorristi che avevano organizzato il sequestro per finanziare la guerra contro la NCO di Cutolo e quindi non avevano gradito che lei si fosse rivolta proprio a quel boss rivale. Avrebbero dovuto solo ferirla, per intimidirla, ma… Nel 2003 Luigi Giuliano confermò questa versione. Ma la pista camorristica fu poi abbandonata con una richiesta di archiviazione del fascicolo aperto dopo le dichiarazioni dei due.
Allora chi ha ucciso Anna Grimaldi? Un debitore, un creditore, uno degli inquilini con i quali era in contrasto? Uno spasimante respinto o tradito? Qualcuno del giro dell’ippodromo? Aveva dissidi anche col padre.
Un colpevole non c’è. La figlia Elvira non crede alla pista passionale: “Anzi, penso che doveva servire a coprire qualche altra cosa”. Intanto, a distanza di 39 anni, cerca ancora l’arma del delitto nel parco.

“Convivia. Il gusto degli antichi”,  la mostra al Lapis Museum

“Convivia. Il gusto degli antichi”, la mostra al Lapis Museum

Tra i reperti esposti, la bottiglia di olio d’oliva più antica del mondo, utensili, vasellame per la tavola e la cucina dalle Collezioni del MANN Utensili, vasellame e commestibili fossili tratti dalla Collezione dei Commestibili del MANN – tra cui la bottiglia di...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te