Benvenuti nella “zona rosé”

da | Nov 21, 2020 | Primo piano

Vincenzo De Luca in questo ultimo periodo ha chiaramente smarrito la lungimiranza e la lucidità che lo avevano caratterizzato durante tutta la prima fase dell’epidemia. È un dato di fatto incontrovertibile, checché lui ne pensi, che ancora continua a negare l’evidenza e ad urlare denunciando presunti sciacallaggi e accanimenti mediatici (ah, se non avesse imposto il bavaglio ai medici!).

Ma su un punto aveva ed ha visto giusto: le forze dell’ordine, a Napoli, sono assolutamente insufficienti per fronteggiare, in aggiunta all’emergenza ordinaria, l’emergenza assolutamente straordinaria che, considerata l’idiosincrasia dei napoletani nei confronti del rispetto delle regole, presupporrebbe una concentrazione di controlli serrati, soprattutto nelle zone ”calde” e più esposte della città.
De Luca ha chiesto rinforzi, ha chiesto persino contingenti ulteriori dell’esercito (ma non per costruire ospedali da campo, chissà perché). E non l’hanno ascoltato.
Chi ha avuto la ventura di dover girare per le strade di Napoli, per motivi di lavoro o per motivi di salute, si è accorto con grande rammarico che qui la “zona rossa” decretata dal governo è una zona rossa all’acqua di rose. Solo nei primi due giorni s’è respirata aria effettiva da lockdown, poi il rigore è sparito. È il clima generale che è cambiato rispetto a marzo scorso e lo avverti subito: rilassatezza, superficialità nell’uso (o meglio nel non uso) della mascherina e soprattutto fra i più giovani tendenza generalizzata a fregarsene del distanziamento. I capannelli, anche se non numerosi come quelli della movida, continuano a comparire soprattutto nelle zone “bene”.
Esempi di trasgressioni potremmo farne all’infinito: dai baby calciatori di piazza Mercato, al totale disuso delle mascherine nella zona di via Firenze e dintorni, totalmente occupata da extracomunitari, che evidentemente si ritengono immuni. E ancora “allegria” al Ponte di Casanova, a corso Garibaldi zona Porta Nolana, alla Pignasecca (già attenzionata come zona franca durante il primo lockdown) per finire agli spiazzi che si aprono lungo le scale in discesa che da piazza Leonardo portano alla stazione metro di Salvator Rosa: qui ogni giorno dalle 15 in poi si radunano ragazzi sulla ventina d’anni, senza mascherina, uno addossato all’altro, che arrotolano cartucce, le riempiono di “roba” e se le fumano tranquillamente. Canne al vento, davanti agli occhi di tutti e senza che nessuno intervenga. Questore, comandante dei Carabinieri, battete un colpo.

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te