Tempo di lettura: 2 minuti

“Ogni giorno ricevo centinaia di messaggi di colleghi che dicono tutti la stessa cosa: non ce la facciamo più, non è vero che abbiamo ancora posti letto disponibili per pazienti Covid. Cominciamo a dover scegliere chi curare e chi no”. Dichiara così all’Adnkronos Salute Pierino Di Silverio, componente dell’esecutivo Anaao-Assomed nazionale e vice segretario regionale Campania. “Nell’ultimo mese e mezzo si è infettato in Campania il 30% degli operatori e nelle prossime settimane – prosegue – sarà sempre peggio se la curva non si raffredda noi scoppiamo. Abbiamo una valanga di pazienti che necessità di cure, non tutti da terapia intensiva, ma che restano troppo tempo in ospedale”.

Il sindacalista mette quindi l’accento sulla gestione dell’emergenza Covid in Campania, che definisce “un rimpallo di responsabilità tra la Regione e il Governo. Una deresponsabilizzazione di cui – sottolinea – dovrebbero vergognarsi entrambi. Viene chiuso il pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli per farci un Covid Hospital, dove in questo momento ci sono 4 pazienti in un reparto a bassa intensità di cura che se peggiorano vanno trasferiti. Intanto però si è chiuso un servizio ai cittadini che chiedono assistenza. Abbiamo chiesto di identificare i Covid Hospital ma anche di strutturare bene gli ospedali no-Covid invece sono stati disseminati ovunque Unità Covid senza però organizzare i percorsi e così molti operatori si sono infettati. L’unità di crisi messa in piedi dalla Campania non è in grado di rispondere all’emergenza – rivmarca Di Silverio – ci sono solo due medici, uno è il responsabile del 118 e uno è un collega ospedaliero. Ma dove sono i medici che stanno in prima linea? Perché non ha inserito anche le parti sociali? È chiaro che c’è una lacuna di competenze nelle gestione dell’organizzazione con un effetto a domino sugli ospedali. È ora che il governatore apra gli occhi e ascolti chi sta in trincea, perché – conclude -quella che 2combattiamo ogni giorno è una guerra contro il Covid”.