Procida, nell’attesa di un tampone aggredisce i sanitari e inveisce contro il comandante dei carabinieri minacciando di contagiarlo: denunciato

da | Nov 17, 2020 | Cronaca

I Carabinieri della Stazione di Procida hanno denunciato un 26enne per minaccia a pubblico ufficiale, danneggiamento ed interruzione di pubblico servizio. L’uomo, già noto alle Forze dell’Ordine, si trovava nei giorni scorsi presso il Presidio Ospedaliero di Procida per sottoporsi al tampone molecolare di controllo, poiché in precedenza era già risultato positivo al Covid-19. Nell’attesa ha iniziato ad inveire e minacciare il personale sanitario ed ha danneggiato con calci e pugni due ambulanze parcheggiate nei pressi del “drive-in”.

Sono arrivati i Carabinieri – allertati dal 112 che era stato chiamato dagli infermieri – e alla loro vista  il giovane non si è placato. Anzi, ha iniziato a minacciare anche i Carabinieri. Il 26enne si è avvicinato – faccia a faccia – al Comandante della Stazione e gli ha parlato abbassandosi la mascherina di scatto, gli ha detto “così te lo sei preso anche tu”. Fortunatamente il 26enne è risultato negativo al tampone che aveva appena fatto e il Comandante della Stazione – che per precauzione si era sottoposto in isolamento fiduciario – ha ripreso servizio regolarmente.

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te