Na scola… schermata!

da | Nov 14, 2020 | Cronaca

Nun vulevo turnà ’ncopp’ a ffacenna d’ ’a scola ‘coviddiola’ ma l’aggio ’a fa’, pecché sulo a Nnapule e ttuttaquanta ’a Campania ’e scole rummaneno ’nzerrate e sse cuntinuarrà a studià a ddistanza. Accussì decidette ’o presidente De Luca, jendo contr’a cchello c’aveva deciso stesso ’o guverno, cuntrastanno nu cuofeno ’e maeste e pprufessure che nnunn erano d’accuordo e pigliannosela pure cu ’e mamme che pprutestavano. Mo sapimmo pure c’ ’o recurzo ô Tribbunale Amministrativo nunn è stato accuòveto e accussì ’e scole d’ ’a riggione nosta – aperte pe ffurmalità sulo pe ccocche juorno – rummaneno ancora vacante e ssilenziose, forze ’nfin’a ddoppo ’e ffeste ’e Natale. A nniente servettero banche cchiù distanziate, caterve ’e mascarine chirurgeche e bbidune ’e disinfettante. Nun abbastaje manco cagnà urarie d’ ’e llezziune e cchille pe ttrasì e ascì; mubbilità preside diretture e ccullabburature p’urganizzà turne p’ogne cclasse; nummenà prufessure apposta p’ ’o Covìd e ccercà cuntatte cu ll’ASL. ’O guvernatore nuosto nun vo’ sentì raggione: ’e scole (e pperzì ll’asile) restarrano ’nzerrate e se cuntinuarrà a ffa’ scola ’a luntano.
So’ ppassate nu paro ’e mise ’a quanno accumminciaje l’anno scolasteco e ppirciò Nnapule cuntinua a mmanténere ’o primmato nazziunale (forze pure ’nternazziunale…) d’ ’a città addò ’e guagliune/one fanno scola sulo cu ’a DAD. (didatteca a ddistanza). Chesto vô dicere ca stanno passanno ore e ore addereto a nu schermo ’e compiutér (si nno annnant’ô display d’ ’o cellulare…), pe ccapì e ’mparà chello che mmaeste e pprufessure pruovano a sspiecà, stanno pure lloro ’nchiuvate â casa, a pparlà cu studiente arredutte a icone. Fanno – e cuntinuarranno a ffa’ – lezziune ‘virtuale’ ’e taliano, matemateca, storia, ma pure ’e… educazzione motoria, museca e arte. Nnu’ pparlammo d’ ’e studiente ’e ll’istitute tecniche e pprufessiunale, che s’avarriano ’a ’mparà ’a cuntabbilità, spremmentà int’ê labboratorie ’e chìmeca, gestì machine ‘nnustriale, o pure cucenà e sservì a ttavula…

Simmo quase turnate ê tiempe d’ ’e trasmissiune televisive comm’a ‘Non è mai troppo tardi’ e ‘Telescuola’, ma ’e ccose so’ assaje deverze, pecché mo ’e scole ce stanno pe ttutte e nu’ mmancano maeste e pprufessure. Però ll’aveno arredutte a ffa’ lezzione a nna classe ch’è na specie ’e albùm d’ ’e ffigurelle, cu alunne che ccumpareno e scumpareno ’ncopp’ô schermo, addeventate faccelle e vvucelle luntane, senza cuorpo. Perzone virtuale, che ss’hann’ ’a accuntentà ’e na scola virtuale, che scriveno d’ ’a casa lloro messaggine e mmannano pe pposta elettroneca teme, prubbleme, questiunarie, recerche e ddisegne. ’Nzomma, na scola virtuale no virtuosa, addò ’e guagliune/one nun se pônno cchiù cunfruntà faccia a ffaccia. Pure si senteno e vvedeno a ll’ate cumpagne, ’nfatte, num pônno cundividere ’a sperienza cchiù ’mpurtante ’e tuttequante: essere nu gruppo overo, addò se ’mpara a sta’ assieme, a rrispettà ’e differenze, a ss’ajutà l’uno cu ll’ato.
’A sigla DAD l’àveno rimpiazzata cu nn’ata nova, forze pecché faceva venì a mmente ’e dade p’ ’o bbrodo. Mo se chiamma DID (“Didattica Integrata Digitale”), però me pare c’ ’o bbrodo rummane sempe ’o stesso. Chella ggente che ggià ll’anne passate s’erano appassiunate a ’stu metodo e ppredecavano ca nun ce steva na ‘cumpetenza diggitale’ bastante, accussì so’ state finalmente accuntentate. Migliare ’e prufessure (paricchie annante cu ll’anne…) s’hann’avuto ’a ’mparà nu cuòfeno ’e parole tecneche ’ngrese, ausanno ’e tutorial pe ccapì comme se trase int’a na ‘piattaforma’, comme se ‘crea’ na classroom, comme se mannano appunte, assigne e nnote, facenno ‘copia-e-azzécca’, o comme se curreggeno (e se spedisceno via mail), elabburate che lle songo arrivate comme ‘ducumiente Word’, ‘piddieffe’ e ccumpagnia cantante… Pe nnu’ pparlà pure d’ ’e cunziglie ’e classe e rriunione ‘scola-fameglia’ fatte ’a luntano, addò p’ ’e pprimme classe se discute ’e guagliune/one canosciute sulo comme immaggenette ’ncopp’ô schermo…
Dice: sì, vabbuò, ma si ce sta n’emergenza se po’ ffa scola sulo accussì. Però nun me pare na risposta justa, pecché ’nce stanno assaje state furestiere e pparecchie riggiune taliane addò ’mméce cuntinuano a ffa’ scola overamente, pure cu mmascarine ammuchine e ddistanziamiente. Saranno tuttequante irrespunzabbele, pe vvia c’ogne juorno stanno arresecanno ’a salute ’e studiente e pprufessure? Forze ca ’e guagliune francise, germanise, spagnuole e ’ngrese so’ speciale e nu’ sse pigliano ’o Covìd? E cchille mericane, russe e ccinise nu’ ccòrreno ’e stesse riseche cuntinuanno a gghì â scola? ‘E statisteche ce fanno sapé ca ’nCampania, già ô 2017 ce steva na disperzione scolasteca quase d’ ’o 20 pe ccento (a Nnapule 22%). Ma che ffine farranno ’sti gguagliune/one, tenute mo pure ufficialmente fora d’ ’a scola, e quanto ’sta suluzzione sta pesanno ’ncopp’ê spalle ’e geniture che tteneno figlie disabbele o prubbleme econommece gruosse assaje?
D’ ’a scola overa DID & DAD songo sulo ’nzìpete surrogate, sottoprudutte ’nnustriale, chille overo ‘geneticamente mudeficate’, quanno ’mméce Vicienzo De Luca chiammaje OGM a mmamme e ffiglie che vvulevano turnà a scola. Però stammoce attiente, pecché, si chi ha dda decidere nun sta a ssèntere ’a gente ’ncarne e uossa, overo arrisecammo ’e mudificà pure ’a democrazzia.

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

Al Suor Orsola l’aula Ciriaco De Mita

Al Suor Orsola l’aula Ciriaco De Mita

Il rettore Lucio d’Alessandro ha subito annunciato un tributo concreto all’ex presidente del Consiglio che è stato tra i padri fondatori della Scuola di Alti Studi Politici dell’Ateneo napoletano Dal politico come medico al ragionamento sempre aperto al dubbio ed al...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te