Na scola… schermata!

da | Nov 14, 2020 | Cronaca

Nun vulevo turnà ’ncopp’ a ffacenna d’ ’a scola ‘coviddiola’ ma l’aggio ’a fa’, pecché sulo a Nnapule e ttuttaquanta ’a Campania ’e scole rummaneno ’nzerrate e sse cuntinuarrà a studià a ddistanza. Accussì decidette ’o presidente De Luca, jendo contr’a cchello c’aveva deciso stesso ’o guverno, cuntrastanno nu cuofeno ’e maeste e pprufessure che nnunn erano d’accuordo e pigliannosela pure cu ’e mamme che pprutestavano. Mo sapimmo pure c’ ’o recurzo ô Tribbunale Amministrativo nunn è stato accuòveto e accussì ’e scole d’ ’a riggione nosta – aperte pe ffurmalità sulo pe ccocche juorno – rummaneno ancora vacante e ssilenziose, forze ’nfin’a ddoppo ’e ffeste ’e Natale. A nniente servettero banche cchiù distanziate, caterve ’e mascarine chirurgeche e bbidune ’e disinfettante. Nun abbastaje manco cagnà urarie d’ ’e llezziune e cchille pe ttrasì e ascì; mubbilità preside diretture e ccullabburature p’urganizzà turne p’ogne cclasse; nummenà prufessure apposta p’ ’o Covìd e ccercà cuntatte cu ll’ASL. ’O guvernatore nuosto nun vo’ sentì raggione: ’e scole (e pperzì ll’asile) restarrano ’nzerrate e se cuntinuarrà a ffa’ scola ’a luntano.
So’ ppassate nu paro ’e mise ’a quanno accumminciaje l’anno scolasteco e ppirciò Nnapule cuntinua a mmanténere ’o primmato nazziunale (forze pure ’nternazziunale…) d’ ’a città addò ’e guagliune/one fanno scola sulo cu ’a DAD. (didatteca a ddistanza). Chesto vô dicere ca stanno passanno ore e ore addereto a nu schermo ’e compiutér (si nno annnant’ô display d’ ’o cellulare…), pe ccapì e ’mparà chello che mmaeste e pprufessure pruovano a sspiecà, stanno pure lloro ’nchiuvate â casa, a pparlà cu studiente arredutte a icone. Fanno – e cuntinuarranno a ffa’ – lezziune ‘virtuale’ ’e taliano, matemateca, storia, ma pure ’e… educazzione motoria, museca e arte. Nnu’ pparlammo d’ ’e studiente ’e ll’istitute tecniche e pprufessiunale, che s’avarriano ’a ’mparà ’a cuntabbilità, spremmentà int’ê labboratorie ’e chìmeca, gestì machine ‘nnustriale, o pure cucenà e sservì a ttavula…

Simmo quase turnate ê tiempe d’ ’e trasmissiune televisive comm’a ‘Non è mai troppo tardi’ e ‘Telescuola’, ma ’e ccose so’ assaje deverze, pecché mo ’e scole ce stanno pe ttutte e nu’ mmancano maeste e pprufessure. Però ll’aveno arredutte a ffa’ lezzione a nna classe ch’è na specie ’e albùm d’ ’e ffigurelle, cu alunne che ccumpareno e scumpareno ’ncopp’ô schermo, addeventate faccelle e vvucelle luntane, senza cuorpo. Perzone virtuale, che ss’hann’ ’a accuntentà ’e na scola virtuale, che scriveno d’ ’a casa lloro messaggine e mmannano pe pposta elettroneca teme, prubbleme, questiunarie, recerche e ddisegne. ’Nzomma, na scola virtuale no virtuosa, addò ’e guagliune/one nun se pônno cchiù cunfruntà faccia a ffaccia. Pure si senteno e vvedeno a ll’ate cumpagne, ’nfatte, num pônno cundividere ’a sperienza cchiù ’mpurtante ’e tuttequante: essere nu gruppo overo, addò se ’mpara a sta’ assieme, a rrispettà ’e differenze, a ss’ajutà l’uno cu ll’ato.
’A sigla DAD l’àveno rimpiazzata cu nn’ata nova, forze pecché faceva venì a mmente ’e dade p’ ’o bbrodo. Mo se chiamma DID (“Didattica Integrata Digitale”), però me pare c’ ’o bbrodo rummane sempe ’o stesso. Chella ggente che ggià ll’anne passate s’erano appassiunate a ’stu metodo e ppredecavano ca nun ce steva na ‘cumpetenza diggitale’ bastante, accussì so’ state finalmente accuntentate. Migliare ’e prufessure (paricchie annante cu ll’anne…) s’hann’avuto ’a ’mparà nu cuòfeno ’e parole tecneche ’ngrese, ausanno ’e tutorial pe ccapì comme se trase int’a na ‘piattaforma’, comme se ‘crea’ na classroom, comme se mannano appunte, assigne e nnote, facenno ‘copia-e-azzécca’, o comme se curreggeno (e se spedisceno via mail), elabburate che lle songo arrivate comme ‘ducumiente Word’, ‘piddieffe’ e ccumpagnia cantante… Pe nnu’ pparlà pure d’ ’e cunziglie ’e classe e rriunione ‘scola-fameglia’ fatte ’a luntano, addò p’ ’e pprimme classe se discute ’e guagliune/one canosciute sulo comme immaggenette ’ncopp’ô schermo…
Dice: sì, vabbuò, ma si ce sta n’emergenza se po’ ffa scola sulo accussì. Però nun me pare na risposta justa, pecché ’nce stanno assaje state furestiere e pparecchie riggiune taliane addò ’mméce cuntinuano a ffa’ scola overamente, pure cu mmascarine ammuchine e ddistanziamiente. Saranno tuttequante irrespunzabbele, pe vvia c’ogne juorno stanno arresecanno ’a salute ’e studiente e pprufessure? Forze ca ’e guagliune francise, germanise, spagnuole e ’ngrese so’ speciale e nu’ sse pigliano ’o Covìd? E cchille mericane, russe e ccinise nu’ ccòrreno ’e stesse riseche cuntinuanno a gghì â scola? ‘E statisteche ce fanno sapé ca ’nCampania, già ô 2017 ce steva na disperzione scolasteca quase d’ ’o 20 pe ccento (a Nnapule 22%). Ma che ffine farranno ’sti gguagliune/one, tenute mo pure ufficialmente fora d’ ’a scola, e quanto ’sta suluzzione sta pesanno ’ncopp’ê spalle ’e geniture che tteneno figlie disabbele o prubbleme econommece gruosse assaje?
D’ ’a scola overa DID & DAD songo sulo ’nzìpete surrogate, sottoprudutte ’nnustriale, chille overo ‘geneticamente mudeficate’, quanno ’mméce Vicienzo De Luca chiammaje OGM a mmamme e ffiglie che vvulevano turnà a scola. Però stammoce attiente, pecché, si chi ha dda decidere nun sta a ssèntere ’a gente ’ncarne e uossa, overo arrisecammo ’e mudificà pure ’a democrazzia.

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro. Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la...

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Nei giorni scorsi un uomo è rimasto ferito a un passaggio a livello nei pressi della stazione di Casalnuovo. All’arrivo della chiamata alla Sala Operativa del Compartimento Polfer di Napoli si è subito attivata la macchina dei soccorsi: sul posto è giunto personale...

Restituire la fiducia ai giovani

Restituire la fiducia ai giovani

di Cinzia Rosaria Baldi * Intervista a Emilia Narciso neo presidente Unicef Campania L’Unicef  Italia in questi giorni  festeggia  i trent’anni dalla ratifica nel nostro Paese della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, diritti messi direttamente...

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

È stato completato e consegnato all’Amministrazione Comunale il progetto esecutivo del Lungomare di Napoli, dal titolo "Riqualificazione ciclo-pedonale del Lungomare di Napoli, tratto compreso tra Piazza Vittoria e il Molosiglio". Il progetto, esito di una gara...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te