L’Ateneo “Parthenope” diventa plastic free: installati gli erogatori di Acquatec

da | Nov 14, 2020 | Cronaca

Acquatec, società leader in Campania nella gestione delle case dell’acqua, circa 100 impianti distribuiti nelle Provincie di Napoli e Salerno, comunica che a seguito di ultimazione lavori di installazione di diversi erogatori nelle varie sedi universitarie e della consegna di 3500 borracce in alluminio, l’Ateneo “Parthenope” è ufficialmente diventato Plastic Free.

Gli erogatori d’acqua alla spina sono fruibili da tutti in qualsiasi momento e consentono di valorizzare l’acqua di rete pubblica attraverso un minuzioso processo di microfiltrazione. La finalità del progetto è quella di disincentivare l’utilizzo di acqua imbottigliata inplastica e quindi ridurne il consumo, sensibilizzando, inoltre, studenti, personale docente ed amministrativo ad una maggiore consapevolezza verso le tematiche ambientali e la risorsa idrica.

L’iniziativa che è stata fortemente voluta da parte dell’Ateneo e dalla stessa Acquatec, soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria mondiale, certifica come ancora di più sia necessario ed imprescindibile tutelare la salute dell’individuo e quella dell’ambiente.

Il progetto, sostenuto con fermezza dal Rettore, prof. Alberto Carotenutoe dai rappresentanti degli studenti, è stata coordinata dall’arch. Luciano Esposito del Dipartimento di Ingegneria, che collabora a studi sulla valutazione dell’impatto ambientale: “oggi abbiamo poche presenze nelle sedi a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia, e stiamo distribuendo le borracce un po’ alla volta, previo appuntamento, per evitare assembramenti pericolosi. Quindi il risultato in termini di CO2 evitata con la rinuncia alla plastica delle bottigliette è modesto. Tuttavia speriamo che a regime tutti gli studenti, il personale e le loro famiglie aderiranno a Plastic Free. Facendo le dovute conversioni, credo che potremmo arrivare al risparmio equivalente di tanta CO2 quanta ne potremmo assorbire piantando ben 10.000 alberi.”

“Continua la strada intrapresa 8 anni fa nella nostra battaglia contro la plastica.” – conclude l’Ing. Diego De Chiara Amministratore di Acquatec – “Con gli erogatori e le case dell’acqua, siamo al fianco degli Enti e delle scuole di ogni ordine e grado. Ci stimola a fare sempre meglio il fatto di essere diventati un punto di riferimento sul territorio regionale per il processo di formazione ed informazione sui temi legati alla risorsa idrica e come essa sia determinante per la salvaguardia dell’ambiente.”

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te