“Koprifuoco”, scommessa vinta

da | Nov 14, 2020 | Cultura&Spettacolo

Indici di ascolto impensabili per il format di Canale 21 in onda tutte le sere partito lo scorso 23 ottobre dopo l’ordinanza Covid

È il fenomeno televisivo locale del momento. Indici di ascolto impensabili, per una trasmissione pensata, nata e messa in onda nel giro di poche ore. Parliamo di “Koprifuoco”, il format di Canale 21 che va in onda tutte le sere alle 23, con una sola ora di ritardo rispetto al coprifuoco reale scaturito dalle restrizioni per l’epidemia di Covid.
Uno show che si regge sulla sperimentata coppia Lino d’Angiò e Alan De Luca, collaudati da anni e anni di successi con la rimpianta “Telegaribaldi”, assecondati da un altro fenomeno, “o’ prufessore” Amedeo Colella, che con i suoi ormai celebri “paraustielli” riesce a catturare sistematicamente l’attenzione degli ascoltatori, e infine tutti accompagnati dalla “presenAttrice” Claudiafederica Petrella.

Audience schizzata in meno di tre settimane di programmazione, lo spettacolo è assicurato con le gags e il surreale dei due irresistibili maestri comici, che giocano anche su incursioni nel notiziario e si avvalgono di interviste e di ospiti di grido, come lo street artist Jorit o la sempre bravissima Marisa Laurito.
Koprifuoco è stata una vera scommessa, visto che è partita il 23 ottobre, quando è scattato il coprifuoco Covid, d’impulso, senza avere nemmeno uno sponsor.
“L’idea mi è venuta dopo aver sentito pronunciare dal governo la parola ‘coprifuoco’ per la prima volta”- commenta Paolo Torino, proprietario di Canale 21 – “proporre intrattenimento e comicità in un periodo in cui è difficile far ridere è stata una scommessa vinta: ho convocato Lino D’Angió e Alan De Luca senza che l’uno sapesse dell’altro e dopo quarantott’ore eravamo già in onda”.
Restare chiusi in casa dopo le 22 è un obbligo e una scelta di responsabilità per proteggere se stessi e gli altri, guardare ‘Koprifuoco’ alle 23 è il modo giusto per farlo con il sorriso sulle labbra. Koprifuoco va avanti tra scherzi, battute, motteggi, lezioni di napoletanità (Colella superstar). C’è una sorta di scaletta, ma tutto è affidato all’inventiva di d’Angiò e De Luca, che conoscono perfettamente l’arte dell’improvvisazione.
In questa avventura accanto alla notissima coppia televisiva napoletana, c’è Claudiafederica Petrella che dismette in questa circostanza i panni d’attrice, ma solo all’apparenza, poiché interpreta con ironia il ruolo di una presentatrice ora “che non presenta”, ora che arriva in ritardo perché era convinta la Campania sarebbe stata dichiarata zona rossa per cui se ne era rimasta a casa…! Ogni giorno se ne inventa una, e soprattutto dialoga con i “fan”, risponde ai saluti del fruttivendolo, del portiere, del parrucchiere, della mamma…praticamente una sorta di falsa svampita Simona Marchini dei giorni d’oggi!
Uno spettacolo insomma tutto godibile e reso “appetitoso” dall’ottima musica degli Afroblue, dal talento del giovane showman Ciro Salatino, dal barman-poeta Giorgio Coccobello e dalle incursioni del giornalista Antonio Salamandra.

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

“Ferito a morte” di Raffaele La Capria

Ferito a morte è uno di quei libri che, grazie alla vita propria dell’opera d’arte, rappresenta  aspetti psicologici e sociologici che trascendono la volontà dell’autore medesimo. Parliamo dunque della seconda, e più nota opera, dello scrittore napoletano Raffaele La...

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

Neapocalisse di Jean-Noël Schifano

  Un altro straordinario ritratto di Napoli è l’oggetto del “classico” di questa settimana, parliamo di Neapocalisse saggio sociologico dal solido impianto narrativo, pubblicato a Napoli nel 1990. L’opera invero risaliva al decennio precedente frutto della...

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

“Musicista in pochi decenni” di Francesco Libetta

La recensione di questa settimana riguarda il denso quaderno di appunti di un grandissimo pianista e compositore meridionale il quale, poco più che cinquantenne, appartiene all’olimpo dei classici del pianismo mondiale. Parliamo di Francesco Libetta, grande musicista...

Lo cunto de li cunti

Lo cunto de li cunti

Il classico dei classici, bello tra i belli, Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile è, attualmente, il libro napoletano più noto, meritando persino, in tempi recentissimi, una messinscena cinematografica che, in verità, non ha riscosso consensi straordinari, ma...

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te