I fuochi d’artificio sfidano anche il coprifuoco

da | Nov 14, 2020 | Cronaca

Si continua a sparare ogni sera, ma non c’è nulla da festeggiare. È la malavita

Traduciamo da Oxford Language: coprifuoco, sostantivo maschile, divieto alla popolazione civile di uscire durante le ore della sera e della notte, imposto per ragioni di sicurezza dall’autorità militare o civile in tempo di guerra o in situazioni di emergenza. Antica usanza per cui, a una determinata ora della sera, gli abitanti di una città erano tenuti a coprire il fuoco sotto la cenere per evitare incendi; anche, il segnale con cui se ne ricordava l’inizio.

A Napoli il coprifuoco per l’emergenza sanitaria De Luca lo ha fatto scattare a metà ottobre, primo in Italia, poi seguito con affanno dal tremebondo Conte. Ma le disposizioni del governatore, se guardiamo al significato letterale della parola “coprifuoco” sono sostanzialmente lettera morta. E non tanto per il mancato rispetto del divieto di circolazione dalle 22 in poi, quanto per il fatto che come ogni sera dei tempi di normalità a Napoli allo scoccare della mezzanotte, in più punti della città, continuano a sparare fuochi d’artificio. Qui, insomma, a dispetto del Covid, è Capodanno tutto l’anno.

Da Pianura, ad Agnano, a Fuorigrotta, al Vomero è un ripetersi continuo di esplosioni di fuochi che disturbano anche la quiete pubblica. Cittadini continuano a segnalare questo fenomeno, ma risultati repressivi non se ne sono visti. E varie sono state le denunce raccolte dal Consigliere regionale dei Verdi -Europa Verde Francesco Emilio Borrelli. Tra i quartieri più martoriati dalla barbara tradizione vi è sicuramente quello di Pianura dove, come dimostrano le segnalazioni dei residenti, si spara tutti i giorni, a tutte le ore e soprattutto di notte, in ogni luogo, arrecando disagi alla popolazione e creando evidenti situazioni di pericolo. Ma veramente anche in tempi così difficili e gravi ci sono cittadini che intendono festeggiare ogni sera? Il sospetto, già avanzato, è chiaro: i fuochi potrebbero essere ispirati da altre ragioni che non un festeggiamento. Ad esempio potrebbero rappresentare un modo, per i clan, di rivendicare il controllo di interi territori, per lanciarsi messaggi o anche soltanto per rimarcare la propria presenza in alcune zone. Il problema è stato affrontato dalle forze dell’ordine, ma solo raramente. Peraltro c’è anche da dire che in questi giorni anche gli esponenti delle forze dell’ordine sono sottoposti ad un aggravio di lavoro massacrante.
In qualche caso hanno potuto riscontrare che i “festeggiamenti” erano suggeriti dal fatto che un personaggio importante della cosca di un quartiere tornava a casa dopo un periodo trascorso in carcere. Un modo per avvertire tutto il vicinato: “Lui è di nuovo tra noi”, un’altra battaglia vinta davanti ai giudici. Indagare sulla provenienza dei fuochi d’artificio potrebbe anche servire per aggiornare la mappa delle alleanze della camorra. Gli intrecci sono sempre verificabili. Perché se qualcosa succede alla Torretta si spara anche al Vomero. Se un boss torna a casa a San Giovanni qualche volta si festeggia anche a Santa Lucia. Feste trasversali della malavita, anche la necessità di mandare un segnale della propria presenza in questo o quel quartiere, un modo rumoroso per esprimere la propria ricchezza e il proprio potere. Spavalderia sotto forma di botti multicolori, che certo non si preoccupa della mancanza di autorizzazioni. Ora certo è difficile operare indagini a tappeto. Ma quando la morsa del Coronavirus si sarà allentata, diventerà obbligatorio stanare alla radice questo fenomeno che, al pari di tanti altri, getta una luce sinistra sull’onorabilità di un città intera.

“Convivia. Il gusto degli antichi”,  la mostra al Lapis Museum

“Convivia. Il gusto degli antichi”, la mostra al Lapis Museum

Tra i reperti esposti, la bottiglia di olio d’oliva più antica del mondo, utensili, vasellame per la tavola e la cucina dalle Collezioni del MANN Utensili, vasellame e commestibili fossili tratti dalla Collezione dei Commestibili del MANN – tra cui la bottiglia di...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te