Bloccati da mesi al largo della Cina

da | Nov 14, 2020 | Cronaca

L’appello al Governo dei marittimi italiani fermi dallo scorso 29 giugno all’esterno del porto di Huangua, senza poter approdare

Ennesimo appello dei marittimi italiani bloccati da oltre cinque mesi al largo della Cina in una “prigione galleggiante” a causa dell’intrecciarsi delle tensioni commerciali tra Pechino e l’Australia con le misure restrittive contro la pandemia. Alcuni sono in mare da ben 16 mesi, roba da appellarsi alla Corte europea dei diritti dell’uomo… Ma la loro voce stenta ad essere ascoltata dal nostro governo nel pieno del caos antiCovid.
Si tratta degli uomini del mercantile Mba Giovanni della società armatrice napoletana Bottiglieri che trasporta un carico di carbone prelevato il 12 giugno in Australia. Un equipaggio di 19 persone (dai 25 ai 60 anni) di cui 6 italiani e tredici filippini. Dal 29 giugno, sono fermi all’esterno del porto di Huangua, senza poter approdare. Per problemi insorti con l’Australia, infatti, la Cina vieta lo scarico del carbone. Per l’emergenza sanitaria, non è consentito agli uomini di scendere a terra e di effettuare il cambio d’equipaggio. L’armatore allora ha chiesto di lasciare almeno spostare la nave in altre acque, Sud Corea, Hong Kong, Filippine, affinché i marittimi potessero lasciare il cargo e rientrare a casa. Ma neanche questo è stato possibile.

A settembre un appello del comandante, Giuseppe Pugliese, di Monte di Procida, al premier Conte. Martedì scorso un altro Sos è arrivato dal terzo ufficiale di coperta, Davide Erbi, di Napoli (e poi ci sono Adam Pugliese; Alessio Aliberi, Luca Porcelli e Antonio Pollina). Un dramma che rischia di trascinarsi al 2021. Nel frattempo, continuano i regolari servizi a bordo, la manutenzione. L’armatore provvede a inviare i viveri. Ma da troppo tempo i marittimi non vedono le famiglie. E senza sapere se, e quando, si sbloccherà la situazione, c’è da impazzire. “Chiediamo che il governo italiano intervenga col governo cinese e ci riporti a casa”, ha detto Erbi. Sono decine le navi ferme nelle rade dei porti cinesi per la guerra del carbone, situazione aggravata dalle misure antiCovid che impediscono lo sbarco del personale navigante in territorio cinese. Tra queste, altre due navi napoletane, come la Antonella Lembo della società armatrice Fertilia, arrivata il 29 luglio. Anche in questo caso, non è consentito scaricare il carbone. Né scendere a terra. Né effettuare il cambio di equipaggio. Né spostarsi nel vicino porto di Tanjin, distante poche miglia, per effettuare il cambio e tornarsene a casa… “Abbiamo viveri e tutto quello che ci serve”, ha detto il primo ufficiale di coperta Tommaso Scotto di Perrotola, procidano, intervistato mercoledì da Gianni Occhiello della TgR Campania, “ma è da un anno che non vediamo le nostre famiglie, e ciò influisce sulla tenuta psicofisica del personale”.
Eppure l’Italia – sia per la disponibilità sul fronte delle nuove tecnologie digitali 5G (ritenute a rischio spionaggio dagli Usa) sia per le mire di Pechino sui porti italiani nell’ambito della “nuova via della seta” – avrebbe modo di intervenire con efficacia.

 

Napoli, controlli green pass in città e provincia

Napoli, controlli green pass in città e provincia

Questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli di Napoli sono impegnati nei controlli volti alla verifica del rispetto delle recenti norme anti-contagio. In città i militari dell’Arma sono stati dislocati in diversi punti della città secondo il piano...

Vomero, picchiano i genitori per comprare la droga: arrestati

Vomero, picchiano i genitori per comprare la droga: arrestati

I Carabinieri della Compagnia Napoli Vomero hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia un 45enne del posto già noto alle forze dell’ordine. I militari – allertati dalla centrale operativa – sono intervenuti in un appartamento nella zona di via Aniello falcone ed...

Vomero, fermato un presunto rapinatore

Vomero, fermato un presunto rapinatore

Lo scorso 22 novembre in via Pigna un uomo con volto coperto da un casco era entrato in un supermercato e, simulando di essere armato, aveva minacciato la cassiera facendosi consegnare 750 euro per poi fuggire a bordo di un motoveicolo. Martedì scorso i Falchi della...

Movida a Napoli, la Polizia municipale intensifica i controlli

Movida a Napoli, la Polizia municipale intensifica i controlli

La Polizia Locale ha  intensificato le attività di controllo delle norme che regolano la “movida” cittadina accertando violazioni al Codice della Strada e al rispetto delle misure di prevenzione sanitarie. Dal Lungomare alle aree di Chiaia, dal Centro Storico  al...

Stadio Maradona, oggi l’inaugurazione della statua per Diego

Stadio Maradona, oggi l’inaugurazione della statua per Diego

Un dono alla città di Napoli e al suo campione più amato: è così che il Comune di Napoli ricorderà oggi, giovedì 25 novembre alle ore 13.30 Diego Armando ad un anno dalla sua scomparsa. Nel piazzale antistante i varchi d'ingresso del settore Distinti dello stadio a...

Premio Filangieri, ecco i vincitori della terza edizione

Premio Filangieri, ecco i vincitori della terza edizione

Premiati i vincitori della terza edizione del Premio nazionale di poesia e fotografia Cesare Filangieri (intitolato al padre del famoso giurista del Settecento) promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e Sant’Antonio” con il patrocinio dei Comuni di Napoli e di...

Porto di Napoli, sequestrate 1900 biciclette contraffatte

Porto di Napoli, sequestrate 1900 biciclette contraffatte

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza e l'Agenzia delle Dogane di Napoli hanno individuato, all’interno del porto, nel contesto delle attività congiunte di analisi di rischio in ambito doganale, oltre 1900 biciclette con componenti di un noto gruppo...

Campania, nuova allerta meteo da mezzanotte

Campania, nuova allerta meteo da mezzanotte

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalla mezzanotte fino alle 23.59 di domani, lunedì 22 novembre, su tutto il territorio regionale, ad esclusione delle zone 4 e 7 (Alta Irpinia e Sannio;...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te