Tempo di lettura: 2 minuti

Il saggio dedicato alle opere partenopee di Manso, Lemos e Cervantes

Sempre affascinante ritrovare le ombre e le eccellenze del “Siglo de oro”, dei grandi nomi della letteratura iberica che passano, o citano, Napoli in un repertorio visionario e suggestivo.
È il tema della lettura di questa settimana, parliamo cioè di un saggio il cui titolo risponde a “Manso, Lemos, Cervantes. Letteratura arti e scienza nella Napoli del primo Seicento” scritto da un brillante docente dell’Università Orientale di Napoli, Roberto Mondola. Il libro ci descrive, attraverso una rappresentazione composita, il secondo decennio del XVII secolo, quando governata dal Viceré Pedro Fernández de Castro, conte di Lemos, la Città vide un momento assai fulgido sul piano artistico e culturale.

In un clima di contraddizioni, dove la difficoltà economica tangibile vissuta dalla Capitale del Viceregno convive con la presenza di eccellenze di ogni fronte umanistico, la Città assurge al ruolo di fonte ispiratrice di molti artisti stranieri, e poi luogo fertile anche per l’intelletto autoctono. Laboratorio sperimentale per la politica iberica, dove anche il popolano è poliglotta, dalle pagine apprendiamo che il maggiore artefice di questo stato di grazia fu l’illuminato conte di Lemos che, interessato ai fatti dell’arte e della cultura, diede luogo e direzione ad una vasta opera riformatrice. Sicché, ci educe l’autore, egli fu dedicatario di opere sublimi come le “Otto commedie e otto intermezzi” e poi della seconda parte del Quijote di Cervates, ma anche delle opere di Giovan Battista Della Porta e di altri autori autoctoni. Grazie allora al beneficio di questa politica la Capitale, pure storicamente amministrata con severità dai governanti iberici, diventa il luogo di fondazione di una delle più importanti biblioteche europee, e poi teatro di una delle più importanti riforme universitarie del tempo. Emergere dalla rappresentazione che ci offrono le pagine del libro il ritratto sorprendente di una Città che, da tempo privata della sua autonomia politica, è in questo secondo decennio del ‘600 riconosciuta capitale culturale nel panorama continentale.
Il libro, che è stato pubblicato nel 2018, è stato progettato come contributo celebrativo per il quarto centenario della morte di Miguel de Cervantes ed è costituito da una raccolta di vari saggi volti a illustrare i molteplici aspetti che caratterizzarono lo scenario culturale di quello scorcio di secolo.

Di Alessandro Migliaccio

Giornalista di inchiesta, direttore del Quotidiano Napoli e autore della trasmissione televisiva Le Iene. Ha pubblicato tre libri di inchiesta su Napoli e uno di poesie. Ha collaborato con la trasmissione televisiva Piazzapulita e lavorato con i giornali Il Tempo, Napolipiù, Epolis-Il Napoli, Il Giornale di Sicilia e Roma e l'agenzia di notizie Adnkronos.