Arti e scienza a Napoli nel Seicento

da | Nov 14, 2020 | Cultura&Spettacolo

Il saggio dedicato alle opere partenopee di Manso, Lemos e Cervantes

Sempre affascinante ritrovare le ombre e le eccellenze del “Siglo de oro”, dei grandi nomi della letteratura iberica che passano, o citano, Napoli in un repertorio visionario e suggestivo.
È il tema della lettura di questa settimana, parliamo cioè di un saggio il cui titolo risponde a “Manso, Lemos, Cervantes. Letteratura arti e scienza nella Napoli del primo Seicento” scritto da un brillante docente dell’Università Orientale di Napoli, Roberto Mondola. Il libro ci descrive, attraverso una rappresentazione composita, il secondo decennio del XVII secolo, quando governata dal Viceré Pedro Fernández de Castro, conte di Lemos, la Città vide un momento assai fulgido sul piano artistico e culturale.

In un clima di contraddizioni, dove la difficoltà economica tangibile vissuta dalla Capitale del Viceregno convive con la presenza di eccellenze di ogni fronte umanistico, la Città assurge al ruolo di fonte ispiratrice di molti artisti stranieri, e poi luogo fertile anche per l’intelletto autoctono. Laboratorio sperimentale per la politica iberica, dove anche il popolano è poliglotta, dalle pagine apprendiamo che il maggiore artefice di questo stato di grazia fu l’illuminato conte di Lemos che, interessato ai fatti dell’arte e della cultura, diede luogo e direzione ad una vasta opera riformatrice. Sicché, ci educe l’autore, egli fu dedicatario di opere sublimi come le “Otto commedie e otto intermezzi” e poi della seconda parte del Quijote di Cervates, ma anche delle opere di Giovan Battista Della Porta e di altri autori autoctoni. Grazie allora al beneficio di questa politica la Capitale, pure storicamente amministrata con severità dai governanti iberici, diventa il luogo di fondazione di una delle più importanti biblioteche europee, e poi teatro di una delle più importanti riforme universitarie del tempo. Emergere dalla rappresentazione che ci offrono le pagine del libro il ritratto sorprendente di una Città che, da tempo privata della sua autonomia politica, è in questo secondo decennio del ‘600 riconosciuta capitale culturale nel panorama continentale.
Il libro, che è stato pubblicato nel 2018, è stato progettato come contributo celebrativo per il quarto centenario della morte di Miguel de Cervantes ed è costituito da una raccolta di vari saggi volti a illustrare i molteplici aspetti che caratterizzarono lo scenario culturale di quello scorcio di secolo.

Eventi e musica, Mooks si allarga

Eventi e musica, Mooks si allarga

Nella libreria del Vomero sarà inaugurato un piano dedicato all’intrattenimento Aprirà le porte al pubblico lunedì 19 luglio il nuovo hub del Mondadori bookstore di via Luca Giordano targato Mooks, un nuovo piano della grande libreria vomerese dedicato...

Allamentarse nunn’ abbasta  cchiu’…

Allamentarse nunn’ abbasta cchiu’…

A lengua napulitana verace va scumparenno Sempe cchiù pperzone s’allamentano pecché ’a lengua napulitana verace va scumparenno e ppecché pure cchille che ancora l’ausano spisso nu’ ssapeno scrivere manco doje righe senza piglià zarre e rrancefellune. E overamente...

Il premio Liburia a Salvio Zungri

Il premio Liburia a Salvio Zungri

La sesta edizione del prestigioso evento condotto dall’attore Gabriele Blair e dall’artista Anna Capasso Si è svolto giovedì 15 luglio, nel Chiostro della Parrocchia del S.S. Rosario ad Afragola in provincia di Napoli con inizio alle ore 19 il “Premio Liburia 2021”,...

Happening di scrittori  nella cornice di Sant’Angelo

Happening di scrittori nella cornice di Sant’Angelo

Sabato 17 luglio 2021, nella suggestiva cornice del molo turistico “Pablo Neruda” di Sant’Angelo d’Ischia, ventotto tra scrittori, imprenditori, artisti, docenti, autori emergenti ed esperti di comunicazione saranno i protagonisti della diciassettesima edizione del...

Successo per il Festival delle Arti

Successo per il Festival delle Arti

Grande festa per la cerimonia finale della rassegna di Noi per Napoli giunta alla sua VI edizione Olga De Maio e Luca Lupoli, noti artisti lirici del mondo musicale partenopeo, vincitori di numerosi concorsi internazionali, Pavarotti International, Mascagni, Mario...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te