Arti e scienza a Napoli nel Seicento

da | Nov 14, 2020 | Cultura&Spettacolo

Il saggio dedicato alle opere partenopee di Manso, Lemos e Cervantes

Sempre affascinante ritrovare le ombre e le eccellenze del “Siglo de oro”, dei grandi nomi della letteratura iberica che passano, o citano, Napoli in un repertorio visionario e suggestivo.
È il tema della lettura di questa settimana, parliamo cioè di un saggio il cui titolo risponde a “Manso, Lemos, Cervantes. Letteratura arti e scienza nella Napoli del primo Seicento” scritto da un brillante docente dell’Università Orientale di Napoli, Roberto Mondola. Il libro ci descrive, attraverso una rappresentazione composita, il secondo decennio del XVII secolo, quando governata dal Viceré Pedro Fernández de Castro, conte di Lemos, la Città vide un momento assai fulgido sul piano artistico e culturale.

In un clima di contraddizioni, dove la difficoltà economica tangibile vissuta dalla Capitale del Viceregno convive con la presenza di eccellenze di ogni fronte umanistico, la Città assurge al ruolo di fonte ispiratrice di molti artisti stranieri, e poi luogo fertile anche per l’intelletto autoctono. Laboratorio sperimentale per la politica iberica, dove anche il popolano è poliglotta, dalle pagine apprendiamo che il maggiore artefice di questo stato di grazia fu l’illuminato conte di Lemos che, interessato ai fatti dell’arte e della cultura, diede luogo e direzione ad una vasta opera riformatrice. Sicché, ci educe l’autore, egli fu dedicatario di opere sublimi come le “Otto commedie e otto intermezzi” e poi della seconda parte del Quijote di Cervates, ma anche delle opere di Giovan Battista Della Porta e di altri autori autoctoni. Grazie allora al beneficio di questa politica la Capitale, pure storicamente amministrata con severità dai governanti iberici, diventa il luogo di fondazione di una delle più importanti biblioteche europee, e poi teatro di una delle più importanti riforme universitarie del tempo. Emergere dalla rappresentazione che ci offrono le pagine del libro il ritratto sorprendente di una Città che, da tempo privata della sua autonomia politica, è in questo secondo decennio del ‘600 riconosciuta capitale culturale nel panorama continentale.
Il libro, che è stato pubblicato nel 2018, è stato progettato come contributo celebrativo per il quarto centenario della morte di Miguel de Cervantes ed è costituito da una raccolta di vari saggi volti a illustrare i molteplici aspetti che caratterizzarono lo scenario culturale di quello scorcio di secolo.

Teatro Il Piccolo, Gennaro De Crescenzo in concerto

Teatro Il Piccolo, Gennaro De Crescenzo in concerto

Questa sera appuntamento in piazzale Vincenzo Tecchio 3 Napoli, al “Teatro Il Piccolo”, il “Concerto Flegreo” di Gennaro De Crescenzo. L’album dal titolo “Musica per Napoli”, segna il suo esordio, le sue canzoni all’insegna dell’amore che hanno riscontrato grande...

L’album omaggio a Pino Daniele

L’album omaggio a Pino Daniele

Il nuovo disco strumentale del musicista napoletano Sergio Esposito dedicato al grande artista “In questo viaggio appassionato non è stato semplice individuare, tra le tante e diverse ‘perle’ del suo repertorio, quelle che meglio potessero adattarsi al nostro organico...

I grandi concerti delle festività

I grandi concerti delle festività

Due incredibili appuntamenti con la musica e il belcanto con gli artisti dell’associazione Noi per Napoli L’8 dicembre con la Festa dell’Immacolata si entra e si inizia a vivere, respirare l’atmosfera vera e propria del Natale e l’associazione culturale Noi per Napoli...

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Alma Partenopea, sold out il concerto a Capo Posillipo

Grande successo ieri sera al ristorante Le Stanze a Capo Posillipo degli Alma Partenopea per un concerto sold out davanti a un pubblico entusiasta per la loro musica. La band composta da Gianni Guarracino alla chitarra, Andrea Carboni alle percussioni e Leo D’Angelo...

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

“Il  mio incontro col male”

“Il mio incontro col male”

Parlano i sacerdoti esorcisti. Squarci su un mondo misterioso Uno degli inganni del Maligno sarebbe quello di far credere che non esiste. Secondo altri Satana sarebbe una proiezione della mente per deresponsabilizzarci rispetto a comportamenti inaccettabili (la lotta...

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

ll soprano e il tenore dell’associazione Noi per Napoli impegnati in numerosi progetti artistici e sociali L’associazione Culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti, direttori artistici, il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli (nella foto),...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te