Sentenza Juve-Napoli, Pisani: “Subito querela alla Procura della Repubblica”

da | Nov 11, 2020 | Calcio Napoli

“Se fossi il presidente della regione Campania , il responsabile dell Asl o nel ruolo di De Laurentis, oltre ad impugnare quest’ulteriore provvedimento che fa più male di pugno in faccia, apre a scenari inquietanti e non rispecchia un ordine logico giuridico generando confusione  tra violazioni del codice penale e civile , e ricorrere in tutte le sedi competenti per la tutela dei diritti violati – dichiara in una nota l’avvocato di Maradona Angelo Pisani sul rigetto del ricorso del Napoli – al di là della inefficacia e nullità della motivazione utilizzata per penalizzare il calcio Napoli che si spera il più prossimo  grado di Giustizia riformi integralmente, non lascerei passare neanche per un giorno tali dichiarazioni e presenterei subito una querela alla procura della Repubblica per indagare ed accertare sui reati ipotizzati o sulle violazioni in esser a tutela di tutti i diritti lesi con tale illeggibile provvedimento ed anche a difesa dell’immagine e condotta dell’ente regione come dell’autorità sanitaria coinvolti nel disegno evidenziato dalla giustizia sportiva.
Nel mondo del calcio – prosegue Pisani – occorre sempre e solo lealtà come esempio soprattutto per i più giovani danneggiati da scene spesso inguardabili e questo dovrebbe esser l’unico e costante richiamo  alla lealtà nel mondo sportivo.
In effetti si accusa il Napoli di frode sportiva in concorso con le Asl e uffici regionali . Addirittura si legge a firma di autorevoli giuristi:
“il fine ultimo dell’ordinamento sportivo è quello di valorizzare il merito sportivo, la lealtà, la probità e il sano agonismo”. Tale principio non risulta essere stato rispettato, nel caso di specie, dalla Società ricorrente, il cui comportamento nei giorni antecedenti quello in cui era prevista la disputa dell’incontro di calcio Juventus-Napoli, risulta, per come si avrà modo di evidenziare più avanti, teso a precostituirsi, per così dire, un “alibi” per non giocare quella partita ecco parte del provvedimento  al limite della querela.  Si da per chiara una predeterminazione fraudolenta a non disputare l’incontro. A questo punto si deve chiedere giustizia ad oltranza senza lasciare alcun dubbio sul campo  o il Napoli in serie b oppure le scuse e la riabilitazione dei colori azzurri ingiustamente violati”.
Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te