La via dei presepi rischia di sparire

da | Nov 7, 2020 | Primo piano

San Gregorio Armeno è un deserto e le numerose richieste di aiuto degli artigiani a Governo e Regione sono rimaste inascoltate

“Questa passeggiata che ci facciamo è un po’ strana… prima quasi maledicevo tutta la folla che si accumulava fuori al negozio perché per non riuscivo neanche ad andare a mangiare. Ma ti fa capire che cosa è oggi San Gregorio Armeno: un deserto”. Ha gli occhi tristi il maestro presepiale Marco Ferrigno mentre attraversa la via della sua bottega in un silenzio innaturale per la zona e per il periodo soprattutto. “L’anno scorso – racconta Ferrigno – il primo di novembre abbiamo avuto 25mila persone che ci sono venute a trovare, tutti ipotetici clienti che hanno soddisfatto quelle che sono le nostre esigenze. Il nostro – spiega – è un lavoro cicala: si lavora tutto l’anno per poi prendere i frutti in questo periodo. Ma stando così le cose i frutti non ci saranno quest’anno e gli effetti saranno dannosissimi sotto il profilo economico nell’immediato ma fermeranno anche un ingranaggio che è quello dell’anno prossimo, perché una parte degli incassi la destini sempre al finanziamento della stagione successiva. La catena si fermerà”.

La crisi per le botteghe di San Gregorio Armeno è cominciata già durante il primo lockdown e a poco è valsa la flebile ripresa del turismo nel periodo estivo che non ha di fatto, in conseguenza delle disposizioni relative alla necessità di mantenere il distanziamento sociale ed evitare occasioni e luoghi di assembramento, determinato un incremento dei guadagni tale per questa categoria da sopperire ai danni causati dalla chiusura e dal blocco della produzione. Da tempo gli artigiani invocano interventi di sostegno e tutela per la salvaguardia di quello che è un vero e proprio museo a cielo aperto, ma Governo e Regione paiono sordi alle loro richieste. “Ciò che ci ha deluso – sottolinea Ferrigno – non è stata la non risposta ma l’indifferenza, il non calcolarci sotto questo aspetto perché San Gregorio Armeno è stato e sarà il traino di un’economia locale. Qui intanto vengono i cinesi con le valigie e 100mila euro e ti dicono: «Me la vuoi dare la bottega?»”.
“San Gregorio Armeno – racconta l’artigiano Genny Di Virgilio – è la vetrina internazionale della città, siamo la prima tappa per il turista dopo essere arrivato in albergo, solo dopo va sul Lungomare e a piazza Plebiscito. San Gregorio Armeno registra dati importanti, noi con la nostra arte l’abbiamo portata nel mondo. Ma ci hanno abbandonato”.

Nei giorni scorsi, dopo l’esclusione anche dal Decreto Ristori, l’estrema richiesta di aiuto con una lettera inviata da Gabriele Casillo, presidente dell’associazione “Le botteghe di San Gregorio Armeno” al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e al premier Giuseppe Conte. “Nel Decreto Ristori – si legge nel documento – non è stato previsto nessun contributo o sgravio fiscale per questa categoria, ma il turismo è completamente fermo e i centri storici sono vuoti. A San Gregorio Armeno la situazione è ancora più grave: la famosissima via dei presepi registra la maggior parte degli incassi nel periodo che va dal 1 novembre al 6 gennaio, mentre nei successivi tre mesi l’affluenza turistica è più bassa. Le 38 botteghe di San Gregorio Armeno devono sopravvivere per almeno cinque mesi registrando incassi ai minimi storici, spesso pari a zero, dovendo pagare affitti, tasse, contributi e utenze. Tutto questo è insostenibile da parte della maggior parte dei commercianti e artigiani di via San Gregorio Armeno, soprattutto perché siamo già reduci da otto mesi difficilissimi e molti hanno già esaurito le risorse per sostenersi”.
Gli artigiani chiedono pertanto contributi a lungo termine in forma di finanziamenti a fondo perduto, credito d’imposta sul canone degli affitti, sospensione di tasse e contributi, sconti sulla fornitura di energia elettrica, possibilità di accedere al finanziamento dei 25mila euro anche ai cattivi pagatori. “Se anche stavolta ci ignorerete le conseguenze saranno drastiche e – si legge nella conclusione della lettera – oltre a rovinare l’unicità di una delle dieci strade più famose al mondo, vi accorgerete prima o poi di aver rovinato numerose attività dei centri storici, le famiglie ad esse connesse e la vita di tanta, tantissima gente”. A quasi una settimana dall’invio della missiva dal Governo come risposta solo una manifestazione di solidarietà con la promessa di inoltrare le richieste “a chi di competenza” e dalla Regione l’annuncio di un incontro il prossimo lunedì.
“Ci auguriamo che si tratti di un incontro fattivo – dichiara Casillo – con soluzioni concrete e a breve termine. Non si può davvero più aspettare”.

 

 

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te