Il Covid fa strage di imprese. In crisi anche i marchi storici

da | Nov 7, 2020 | Primo piano

Il Covid continua a fare strage nel settore del commercio. L’ultimo rilievo risale alla prima decade di settembre ed è di Confesercenti Campania: quarantamila aziende, quindicimila a Napoli, non hanno più riaperto dopo il lockdown di primavera. La metà delle imprese fallite rientrano nel settore abbigliamento-moda, ma le perdite si fanno sentire in ogni campo. Lo dimostra anche il fatturato dei saldi: meno 61 per cento rispetto al 2019, con una perdita di 160 milioni. Questi dati, già di per sé gravissimi, sono destinati ad accrescersi in negativo, considerate le difficoltà cui vanno incontro in questi giorni di grande paura un po’ tutti gli esercizi commerciali. Indipendentemente dai lockdown, infatti, la gente è impaurita e la gran massa delle persone, soprattutto gli anziani, preferiscono restarsene rintanati nelle loro abitazioni.

Non è solo a Campania a soffrire. La crisi è planetaria. L’epidemia di Covid-19, con i conseguenti lockdown, ha creato serie difficoltà a molti brand famosi in tutto il mondo. A partire dal mondo della moda fino a quello alimentare, dei trasporti aerei, della tecnologia e dell’energia, sono tanti i grandi nomi di aziende falliti, vicini alla bancarotta o a rischio chiusura e forte ridimensionamento.
Muji, il brand di prodotti per la casa e abbigliamento simbolo del minimalismo made in Japan ha chiesto di accedere al Chapter 11, la norma della legge fallimentare degli Stati Uniti che prevede una procedura di ristrutturazione a seguito di gravi dissesti finanziari. Al momento della richiesta, il marchio aveva accumulato debiti per 64 milioni di dollari.
Istanza di fallimento è stata presentata anche dal gigante americano Pizza Hut, con la catena di ristoranti Wendy’s. La crisi legata al coronavirus avrebbe creato un debito di quasi un miliardo di dollari, di cui 900 milioni solo di Pizza Hut.
In Italia è fallito lo storico marchio di jeans “Rifle”. L’azienda fiorentina, fondata nel 1958, era in crisi da anni e nel 2017 erano entrati capitali stranieri per cercare di risollevare il brand. Il blocco dei mercati conseguente alla pandemia ha affossato ulteriormente le sorti dell’impresa.

Anche a Napoli la situazione si sta facendo pesante e molti marchi storici sono in crisi. È notizia di poche ore fa, chiude, per il momento temporaneamente (ma siamo sicuri che appena le condizioni cambieranno riaprirà i battenti) lo storico Caffè Gambrinus. Molti i dipendenti, le entrate si sono affievolite, anche perché al Gambrinus, come ha spiegato il proprietario Antonio Sergio, ci si va non solo per gustare il caffè, ma ci si siede e si può socializzare. La notizia ha fatto effetto anche fuori dei confini cittadini, considerando che il Gambrinus, insieme al Caffè Greco di Roma e al Florian di Venezia, è uno dei bar più famosi d’Italia.
Sembrava che l’inaspettato passaggio da zona arancione a zona gialla potesse, almeno per il momento, far tenere ancora aperte le serrande dello storico bar, che si erano abbassate solo negli anni ’40 in occasione dei bombardamenti, ma alla fine è prevalsa la decisione di chiudere. Troppo elevati i costi da sostenere: “Il locale è grande e le spese sono tante, con l’aumento dei contagi – ha detto Massimiliano Rosati, tra i titolari del bar – la gente non entra e non si siede ai tavolini, nonostante lo stesso prezzo al banco e al tavolo”. “Abbiamo sempre puntato sulla socialità – conclude – e la gente ora è restia a fermarsi. Pesa tanto anche l’assenza dei turisti”.
“La gente non entra, dire che ha paura è poco – commenta Marco Sommella, titolare del bar Dolce Amaro caffè, in via Duomo – È aumentata la richiesta di caffè in bicchierini monouso, ma gli ingressi dei clienti per fare colazione o prendere una consumazione sono calati in maniera vertiginosa”.
Sempre a proposito del Gambrinus, da segnalare un particolare storico curioso, riportato da Gigi Di Fiore nel suo ultimo libro, Pandemia 1836. Napoli in quell’anno fu colpita da una violentissima epidemia di colera e allora, diversamente da quanto accade oggi, furono adottate misure straordinarie di prevenzione con anni di anticipo, visto che tutto era scoppiato in Europa qualche anno prima. Scrive Di Fiore: “Nei caffè, nelle sorbetterie come il rinomato Gambrinus e nei magazzini di qualunque genere, i napoletani avrebbero potuto trattenersi solo il tempo necessario”. Un caffè e via. Ma oggi non basta più.
Ovviamente la crisi colpisce non solo i bar. Un altro storico marchio del Vomero ha chiuso nei mesi scorsi, anche se in questo caso sembra che il Covid non abbia influito: ha calato le serrande il notissimo Sga di via Tino da Camaino che per vari decenni ha attirato una vastissima clientela. Offriva di tutto, da oggettistica per la casa, per l’arredamento, per il tempo libero, e ancora elettronica, telefonia, cartoleria, abbigliamento, e tanti, ma proprio tanti, accattivanti giocattoli per i bambini. Fa davvero tanta tristezza transitare per via Tino da Camaino e vederlo chiuso.

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te