Tempo di lettura: 3 minuti

Napoli-Sassuolo finisce 0-2, gli emiliani di mister De Zerbi espugnano il San Paolo, gli azzurri faticano a trovare il gol e incassano la prima sconfitta in campionato, sul campo.

Nel Napoli dopo la vittoria in Spagna, confermato in porta Ospina, in difesa mister Gattuso schiera, oltre l’intoccabile Koulibaly, Manolas a fare reparto con il senegalese, sulle fasce Di Lorenze ed Hysaj, a centrocampo ritorna titolare Bakayoko al fianco di Fabian Ruiz, in attacco Dries Mertens opera alla spalle di Osimhen con Politano e Lozano a fare le ali di un attacco che sembrerebbe per niente male. In panchina si rivedono Zielinski ed Elmas dopo aver sconfitto il covid-19.

Inizia il match, partita fin da subito molto combattuta, a prevalere è la tattica, arma su cui i due allenatori puntano molto, pochi spazi da sfruttare per entrambi le formazioni e quindi tanto possesso e giro palla. Minuto 11 la partita si può sbloccare, Consigli sbaglia il disimpegno e consegna la palla ad Osimhen, il 9 del Napoli calcia a botta sicura ma l’estremo difensore del Sassuolo rimedia al proprio errore sbarrando la porta, questo l’unico pericolo per la porta di Consigli nei primi 30 miunti. Minuto 33, Osimhen riceve al limite dell’area di rigore neroverde, con una serie di  si porta all’interno di essa procurandosi lo spazio giusto per far esplodere un destro potente che finisce alto sopra la traversa. La partita entra in una fase di gioco dove gli azzurri sembrano di poterla sbloccare da un momento all’altro, Consigli è costretto ad effettuare una gran parata su tiro al limite di Ruiz, poco dopo Lozano si crea lo spazio per calciare, ma la conclusione è debole e finisce tra le braccia del portiere. Al 40esimo è Ospina ad effettuare una parata, Boga dal limite effettua una gran giocata e si libera per il tiro che il portiere azzurro devia in angolo. Finisce il primo tempo dopo un minuto di recupero, molte più occasioni da parte del Napoli per poter far male al Sassuolo, ma si va negli spogliatoi con il risultato di 0-0.

Inizia il secondo tempo, sul terreno di gioco si presentano gli stessi 11 per entrambe le formazioni, subito un’emozione con la punizione di Mertens diretta all’angolino basso alla sinistra Consigli, il 47 neroverde si supera ancora una volta e mette in angolo. Minuto 10 si sblocca la partita, il Var richiama l’attenzione del direttore di gara e lo manda al monitor, fallo ingenuo di Di Lorenzo su Raspadori, Mariani assegna il rigore per il Sassuolo, sul dischetto si presenta Locatelli che porta in vantaggio gli emiliani. La reazione del Napoli è rabbiosa ma produce pericoli che restano sterili ai fini del risultato, come una palla di Politano che libera Mertens, il belga a 2 passi da Consigli conclude fuori. Purtroppo l’attacco del Napoli resta sterile, nemmeno gli ingressi di Petagna, Elmas, Zielinski e Mario Rui riescono a sbloccare il risultato, il Sassuolo riesce a contenere un attacco azzurro che sembra appannato dalle fatiche della trasferta spagnola. Nel primo minuto di recupero gli azzurri trovano il gol, ma la rete è annullata per fuorigioco di Osimhen. Due minuti più tardi, l’episodio che farà discutere, Osimhen lanciato a rete da un passaggio di Zielinski, viene trattenuto vistosamente facendo perdere il tempo di gioco alla punta azzurra che non riesce ad arrivare sulla palla, Mariani non vede nulla e ci si aspetta un intervento del Var come avvenuto in occasione del rigore concesso al Sassuolo, nel frattempo i ragazzi di De Zerbi ripartono trovando la difesa del Napoli messa malissimo, Lopez mette a sedere Manolas prima di battere Ospina, raddoppio neroverdi. Prima di convalidare il gol Mariani, tra le proteste dei giocatori azzurri, consulta il Var ma non va a rivedere le immagini e conferma la rete.

Brutta sconfitta per il Napoli che era chiamato a conquistare i 3 punti dopo la vittoria della capolista, il Sassuolo vincendo al San Paolo si porta al secondo posto solitario a -2 dalla vetta. Gli uomini di Gattuso troppo spesso non sono stati incisivi sotto porta, un attacco che nelle prime 4 partite hanno totalizzato 14 gol, non riesce a fare gol ad una difesa che fino ad oggi aveva subito ben 9 reti, il mister Rino avrà tanto da rimproverare ai suoi soprattutto all’attacco che sembrava essere per niente male.