Monopattini e metro veicoli di contagio del virus

da | Ott 31, 2020 | Primo piano

Niente disinfettante per chi usa i mezzi elettrici del Comune e la Linea 1

Se dovessimo stilare una ipotetica classifica dei luoghi di Napoli dove è maggiore il rischio di contagio da Covid, i trasporti pubblici si piazzerebbero certamente al primo posto: assenza di controlli all’ingresso sull’adozione dei dispositivi di protezione individuale, vagoni stracolmi di gente e nessun distanziamento garantito o possibile, sebbene le attuali linee guida sul trasporto pubblico consentano la capienza massima (100%) solo per distanze al di sotto dei 15 minuti. A Napoli nemmeno il tempo di attesa sulle banchine, pure sovraffollate, è inferiore a questa soglia, figuriamoci i tragitti e senza voler considerare i casi, tristemente frequenti, in cui i mezzi restano bloccati sottoterra o si rompono, dove i 15 minuti possono pure diventare 150…
Il virus a Napoli viaggia comodamente sugli autobus, nei vagoni della metro ma ora anche in monopattino. Tra settembre e ottobre in nome della tanto invocata “mobilità sostenibile” in città è stato, infatti, lanciato il piano monopattini elettrici in sharing: 1800 veicoli a due ruote sono stati collocati nei punti nevralgici di Napoli destando curiosità negli anziani e voglia di sperimentazione nei giovani ma anche nei giovanissimi visto che non è richiesta la patente per poterli guidare. Un passo in avanti per la mobilità cittadina che diventa certamente più sostenibile ma quanto sicura? Chi sanifica il mezzo dopo l’uso dei singoli utenti? Chi può garantire che il cittadino che ha beneficiato del servizio abbia osservato le norme di disinfezione previste contro il Covid nel rispetto degli altri utenti? Viene da chiedersi allora se in un momento tanto delicato in cui abbiamo smesso di abbracciarci e forse anche di salutarci con il gomito, in cui si susseguono divieti e “forti raccomandazioni” a limitare al minimo la vita sociale e i contatti con gli altri, la dotazione in città di un mezzo che passa “di mano in mano” senza nessuna garanzia di disinfezione prima o dopo l’uso sia la scelta più opportuna.
Ma la sanificazione resta un nodo critico anche nei viaggi sugli autobus o nei vagoni della metro della Linea 1. Diversamente dalla Linea 2, gestita da Trenitalia, che ha da subito dotato le carrozze di dispenser di gel igienizzanti e dove è frequente incontrare il personale addetto che durante i viaggi pulisce i corrimano o i sedili, l’Anm non ha previsto l’installazione di nessuna colonnina di disinfettante a bordo delle proprie vetture. E chissà se dopo le sanzioni dello scorso luglio da parte della Asl Napoli 1 per la scarsa igienizzazione degli autobus, l’azienda abbia mai ripreso le procedure straordinarie di sanificazione tanto pubblicizzate e fotografate agli inizi della pandemia. A guardare lo stato pietoso dei mezzi non si direbbe affatto.

 

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Una meravigliosa e poco conosciuta area di Napoli verrà gradualmente aperta ai cittadini, così come promesso dal Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi fin dall'inizio. L'intervento fa parte di un progetto più ampio di passeggiata sul mare, finanziato dal Contratto...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te