La vittoria in Spagna segno di maturità

da | Ott 31, 2020 | Calcio Napoli

Il successo in Europa League contro la Real Sociedad frutto dello spirito di abnegazione e sacrificio degli azzurri

L’impresa di San Sebastian è il viatico migliore anche per il campionato. Non era facile contro i baschi della Real Sociedad ma il Napoli schierato da Gattuso, nonostante i sette cambi rispetto alla partita contro il Benevento ha avuto una logica sia tatticamente che nel sacrificio a cui tutti gli uomini mandati in campo si sono sottoposti con convinzione e abnegazione.
Da Lobotka, in un ruolo inusitato, a Demme, da Bakayoko, sempre più riferimento della manovra e delle coperture difensive, a Politano e Lozano, chiamati più ad aiutare la fase di non possesso che ad attaccare. Si è vinto ma soprattutto si è vista una squadra compatta giocare seguendo le indicazioni di base del tecnico. Certo, Gattuso ha candidamente dichiarato che gli piacerebbe vedere il Napoli comandare sempre il gioco. Per ora, glielo diciamo con affetto, si accontenti e continui a lavorare come sa. La squadra è giovane e può solo crescere ancora in convinzione e maturità. L’ingenuità di Osimhen ne è la dimostrazione lampante. L’importante è aver rimesso anche l’Europa League al centro del progetto globale.

E domani ore 18, sotto i riflettori del San Paolo, c’è il Sassuolo di De Zerbi, “miracolo” del campionato. Avversario temibile, 11 punti come il Napoli che però ne ha giocate 4 ed ha una sconfitta a tavolino ed un punto di penalizzazione. Ma lasciamo perdere aspettando giustizia. Le 4 vittorie consecutive degli azzurri hanno aperto il solco e spinto il Napoli al secondo posto più avanti di inter, Juve e Lazio, con il Milan capolista a tiro e appena 2 punti più su. La classifica autorizza il “sogno” azzurro ma bisogna vincere contro i neroverdi di De Zerbi. Squadra allegra e irriducibile che ha il miglior attacco del torneo, 16 gol fatti, ma una difesa non impenetrabile, capace di rimonte incredibili trascinata dal tandem Berardi – Caputo. Berardi è ora giocatore maturato assai sotto la guida di De Zerbi e Ciccio Caputo s’è “scoperto” bomber di razza a 32 anni. Stranezze del calcio. Caputo i gol li ha sempre fatti ma De Zerbi e la tranquillità della cittadina emiliana ne hanno tirato fuori l’istinto killer. Bello e impossibile questo Sassuolo, sorprendente ma sempre più brillante e sicuro di sé. Ha il grande vantaggio di non giocare in Europa e bisognerà vedere quali scorie ha lasciato la trasferta di San Sebastiano nella testa e nelle gambe degli azzurri. Sarà partita spettacolo perché De Zerbi tra il 4-3-3 e 4-2-3-1 ha diverse scelte – Covid permettendo – sui giocatori da mandare in campo senza doversi preoccupare del modulo da adottare. Perché toccherà al Napoli fare la parte più impegnativa e difficile: “fare” la partita stando ben attenti a non subire le ripartenze veloci dei neroverdi. Sarà fondamentale per il Napoli il controllo del match, attuare verticalizzazioni rapide e cambi di gioco veloci per mandare in confusione Chiriches e compagni. Ma attenzione a Locatelli, inventato da De Zerbi regista di gran talento, a Djuricic che a 28 anni sembra aver trovato maturità e continuità per tirar fuori un talento mostrato solo a sprazzi. A Napoli gli emiliani cercheranno punti e conferme per ambizioni europee. Giocando fuori casa (ha senso dirlo, senza pubblico? ndr) potranno puntare meglio sul gioco di rimessa per minacciare Koulibaly e compagni. Gattuso si sarà già raccomandato ai suoi di non partire molli e, aggiungiamo noi, con un pizzico di superficialità. La vittoria di Benevento, ribaltando lo svantaggio, ha dato più convinzione e autostima oltre all’entusiasmo per una classifica forse insperata.
Gattuso può contare su una rosa profonda e i recuperi di Zielinski ed Elmas garantiscono un iniezione di freschezza, energia e tecnica in più da poter utilizzare. Il Napoli ormai sa come vanno affrontate certe partite.
Capacità di sofferenza e cuore supportate da condizione fisica e tecnica. Dovrà essere questa la ricetta vincente di Gattuso e degli azzurri. Ci aspettiamo la “manita” di vittoria per alimentare il… Sogno.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te