Il deserto che fa bene al Centro storico

da | Ott 31, 2020 | Primo piano

Strade e monumenti puliti, niente cartacce a terra e nessun atto vandalico ai danni dell’arte grazie all’assenza di turisti e studenti

Passeggiare per il Centro storico di Napoli, in questi giorni, è un’esperienza unica. Strade e vicoli sono semi deserti, popolati solo dai commercianti e da pochi clienti. Di turisti se ne vedono pochissimi e di studenti nemmeno l’ombra. È l’effetto dell’emergenza Coronavirus che ha allontanato il turismo, mandato tutti a lavorare in smart working e chiuso le scuole mettendo in crisi l’economia locale e cambiando volto a quella che è la zona più magica della città, piena di monumenti, di arte, di storia, di leggende. Una zona che, in questi giorni, appare irriconoscibile dal momento che è sempre stata piena di persone, specialmente provenienti da altre città o Paesi, ma anche di lavoratori e studenti. Il via-vai che prima si ripeteva ogni giorno festosamente e come un moto perpetuo, oggi non c’è più. Manca quell’allegro frastuono che accompagnava qualsiasi visita al Centro storico, da Port’Alba ai Decumani, da piazza Bellini al Duomo. A beneficiare di questa situazione (è questo l’unico aspetto positivo) è lo stato di pulizia e manutenzione dei monumenti, che non stanno ricevendo il solito assalto, troppo spesso incivile, di turisti, studenti e passanti che solitamente li riempiono di sporcizia quando va bene e li deturpano con atti vandalici quando va male. Basta farsi un giro per i tre decumani, entrare nelle chiese e visitare anche i piazzali antistanti ad esse per respirare un’insolita atmosfera di pace, di tranquillità e di armonia. Come accade nel chiostro della Chiesa di Santa Chiara, in questi giorni totalmente pulito e senza nemmeno una carta a terra. Di recente sono state rimosse anche quasi tutte le scritte realizzate con le bombolette spray attorno alla chiesa e ciò contribuisce alla visione armoniosa di cura e manutenzione del luogo.

Stessa situazione la si trova nel piazzale del Duomo e anche entrando nella cattedrale la pace regna sovrana. Una guida turistica si propone di accompagnare chi entra per un giro nei luoghi più significativi del Duomo ma è l’unica in servizio: “Non ci sono molti turisti, si lavora pochissimo”. Ci sono più napoletani che stranieri in giro per i vicoli del Centro storico ad ammirare i vari monumenti e gli edifici che trasudano arte e cultura dalle loro mura: una circostanza che è l’esatto inverso di quanto accade in un periodo di vita normale senza l’incubo del Covid-19. Alcuni bar hanno abbassato le serrande in attesa di capire se ci sarà la possibilità di riaprire bottega, alcune pizzerie invce hanno chiuso definitivamente. È lo spettro del Coronavirus che si aggira nel Centro storico di Napoli e che ha sostituito i fantasmi leggendari che da sempre, si dice, animano i luoghi più ameni del cuore pulsante di Napoli. Questo spettro ha smorzato l’allegria e il frastuono del Centro storico concedendo all’arte un momento di pace e di “cura” che dovrebbe durare per sempre.

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

Gattuso da incapace a fenomeno

Gattuso da incapace a fenomeno

Come i media napoletani hanno trattato l’allenatore protagonista di una stagione fra luci e ombre C’è una sorta di schizofrenia dell’informazione sportiva che atavicamente si accompagna al cammino del Napoli Calcio. E mai come in questo frangente essa si è palesata...

Italia tutta gialla si torna a vivere

Italia tutta gialla si torna a vivere

Indice rt in discesa: da lunedì in tutte le regioni sarà possibile sedersi in bar e ristoranti Si torna a vivere. Come prima e più di prima. Stando attenti a non commettere l’errore di creare inutili assembramenti e circolare senza mascherine, ovviamente. Dopo la...

Voglia di tornare in campo

Voglia di tornare in campo

di Cinzia Rosaria Baldi* Il 26 aprile è stato  il giorno più atteso da adulti e ragazzi:  a Napoli è ripresa l'attività sportiva anche di contatto ma all'aperto. Un sospiro di sollievo per i tanti amanti del calcetto e dello sport amatoriale in generale, ma...

Adolescenti in ansia da rientro

Adolescenti in ansia da rientro

di Cinzia Rosaria Baldi * A scuola tra confusione e perplessità Attenzione a tutto campo in questi giorni sul rientro a scuola, a lungo desiderato dagli adolescenti ma alla fine risultato difficile. I ragazzi hanno trascorso troppi mesi chiusi in casa, hanno potuto...

Riapertura scuole in Campania, 40 nuovi bus in più a Napoli

Riapertura scuole in Campania, 40 nuovi bus in più a Napoli

Sono 40 i bus che Anm mette in campo da questa mattina per rispondere subito alle esigenze di trasporto degli studenti e dei docenti per la riapertura di tutte le scuole di Napoli. L'azienda mobilità aveva preparato per tempo il piano di rientro che scatta oggi con la...

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali dei club fondatori, Agnelli si dimette da presidente dell'Eca, dura la reazione dell'Uefa. Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali, i club fondatori di questa nuova...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te