Il deserto che fa bene al Centro storico

da | Ott 31, 2020 | Primo piano

Strade e monumenti puliti, niente cartacce a terra e nessun atto vandalico ai danni dell’arte grazie all’assenza di turisti e studenti

Passeggiare per il Centro storico di Napoli, in questi giorni, è un’esperienza unica. Strade e vicoli sono semi deserti, popolati solo dai commercianti e da pochi clienti. Di turisti se ne vedono pochissimi e di studenti nemmeno l’ombra. È l’effetto dell’emergenza Coronavirus che ha allontanato il turismo, mandato tutti a lavorare in smart working e chiuso le scuole mettendo in crisi l’economia locale e cambiando volto a quella che è la zona più magica della città, piena di monumenti, di arte, di storia, di leggende. Una zona che, in questi giorni, appare irriconoscibile dal momento che è sempre stata piena di persone, specialmente provenienti da altre città o Paesi, ma anche di lavoratori e studenti. Il via-vai che prima si ripeteva ogni giorno festosamente e come un moto perpetuo, oggi non c’è più. Manca quell’allegro frastuono che accompagnava qualsiasi visita al Centro storico, da Port’Alba ai Decumani, da piazza Bellini al Duomo. A beneficiare di questa situazione (è questo l’unico aspetto positivo) è lo stato di pulizia e manutenzione dei monumenti, che non stanno ricevendo il solito assalto, troppo spesso incivile, di turisti, studenti e passanti che solitamente li riempiono di sporcizia quando va bene e li deturpano con atti vandalici quando va male. Basta farsi un giro per i tre decumani, entrare nelle chiese e visitare anche i piazzali antistanti ad esse per respirare un’insolita atmosfera di pace, di tranquillità e di armonia. Come accade nel chiostro della Chiesa di Santa Chiara, in questi giorni totalmente pulito e senza nemmeno una carta a terra. Di recente sono state rimosse anche quasi tutte le scritte realizzate con le bombolette spray attorno alla chiesa e ciò contribuisce alla visione armoniosa di cura e manutenzione del luogo.

Stessa situazione la si trova nel piazzale del Duomo e anche entrando nella cattedrale la pace regna sovrana. Una guida turistica si propone di accompagnare chi entra per un giro nei luoghi più significativi del Duomo ma è l’unica in servizio: “Non ci sono molti turisti, si lavora pochissimo”. Ci sono più napoletani che stranieri in giro per i vicoli del Centro storico ad ammirare i vari monumenti e gli edifici che trasudano arte e cultura dalle loro mura: una circostanza che è l’esatto inverso di quanto accade in un periodo di vita normale senza l’incubo del Covid-19. Alcuni bar hanno abbassato le serrande in attesa di capire se ci sarà la possibilità di riaprire bottega, alcune pizzerie invce hanno chiuso definitivamente. È lo spettro del Coronavirus che si aggira nel Centro storico di Napoli e che ha sostituito i fantasmi leggendari che da sempre, si dice, animano i luoghi più ameni del cuore pulsante di Napoli. Questo spettro ha smorzato l’allegria e il frastuono del Centro storico concedendo all’arte un momento di pace e di “cura” che dovrebbe durare per sempre.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te