‘Alluin’ e ccocozze vacante…

da | Ott 31, 2020 | Cultura&Spettacolo

Nun me capita assaje spisso ’e accummenì cu ’o Presidente De Luca, però nun pozzo nià ca tene raggione quanno s’ ’a piglia cu “Allauìn”, chiammanno ’sta festa “stupida americanata”. Certamente ’o guvernatore nuosto ave nu pucurillo esaggerato, pe vvia d’ ’o sòleto vizzio sujo ’e sbafunià e ssettenzià.
“Ll’urdema fine ’e semmana ‘’nzerrarràmmo tuttecose ê ddiece ’e sera – dicette Vicienzo De Luca pe ttelevisione, tutto ’ncriccato – …Allauìn, chesta grossa idiozzìa, chesta fessa americanata…è nu monumiento a ll’imbecillàggene”.

Embé, ca se tratta ’e na ‘americanata’ è nu fatto, pure si ’e taliane ll’aveno fatta addiventà quase na festa nosta quanno ’mmèce Halloween, ca tene n’uriggene cèlteca assaje antica, nun ce azzecca cu ’e ttradizziune verace che tenimmo pure nuje pe Ognessante. Casumaje, nunn era opportuno ’nzurdà accussì na tradizzione ca nu’ cce appartene, sulo pecché ’a quacche ddecina d’anne cummerciante, prufessure ’e ’Ngrese e mass media ce stanno abbuffanno cu murticielle, mustricielle e ccocozze allummenate. ’E Mericane spenneno ogn’anno ’a bellezza ’e 3,3 meliarde ’e dollare sulo p’accattà ’e custume pe Halloween, accussì se capisce pecchè pure addù nuje s’è sveluppato nu mercato bello gruosso attuorno a ’sta festa pavana, che pperò fernette cu rrimpiazzà chelle nustrane.

Pe ttutta ll’Italia, ’nfatte, tenevamo ggià nu cuofeno ‘e feste che ffacevano parte d’ ’a tradezzione crestiana ’e annurà ’e sante e ppure ’e muorte, ê primme juorne ’e Nuvembre. Curiusamente, ce stanno tradezziune meridiunale c’ausano pure sìmmule che ce assumigliano, comme a Sserra san Bruno (’nCalàvria), addò ’a secule ’e guagliune vanno giranno p’ ’o paese cu na cocozza ’ntagliata comme na capa ’e muorto e cercano sorde d’ ’a gente cundicenno: “Mi lu pagati lu coccalo?”. A Ssan Nicandro garganeco (FG) songo sempe ’e guagliune ca, sempe ô primmo ’e Nuvembre, vanno tuzzulianno ê pporte pe ccercà riàle, dicenno: “Damme l’anema i morte, ca sinnò te sfascio la porta”. Chesto succede pure ô luntano Friule (addò fanno ’e ‘suche baruche’), ’nZardégna addò teneno ’a tradizzione ’e ll’animeddas (“Carchi cosa pro sas animas?” è cchello che ddiceno ’e cchiù piccerille), addò ’n’Emilia e ppure ’nSecilia ’e dulciere fanno ll’uossa d’ ’e muorte cu ppasta d’amménnule ’nzuccarata.
’Nzomma, nun tenevamo propeto besuogno ’e ’mpurtà Halloween a ll’America e ce putevanno fa’ abbastà ’e ffeste noste. Ma pare ca nun putimmo fa’ a mmeno e cupià chello che fanno ll’ate, pirciò scancellammo ’o coccalo calavrese e ‘’o rimpiazzammo c’ ’a cchiù grossa pumpkin mericana…. Cantava tanno Carosone: “Tu vuo’ fa ll’americano, ma sì nato in Italì/ siénte a mme nun ce sta niente ’a fa’ /okkei napulità”. So’ ppassate 75 anne ’a quanno ’e Mericane ce àveno ‘libberate’, però pare propio ca simmo nuje ca nun ce simmoancora libberate ’e lloro. E accussì ’e guagliune nuoste nun sapeno cchiù parlà napulitano o veneto, però parlano e sstudiano assaje ll’Ingrèse. Nun canosceno vie e mmonumiente ’e Napule o Firenze, però sapeno già ’e strate ’e New York e San Francisco. Nun fanno festa pe San Gennaro o Sant’Ambroggio, però nun pônno fa’ a mmeno ’e festiggià Halloween.
Forze pe na vota De Luca teneva raggione: cocozze vacante ’e ttenimmo già tropp’assaje, e pe ttutto l’anno…

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te