Whirlpool, l’iniziativa del Comune “Se chiude si spegne Napoli”

da | Ott 29, 2020 | Cronaca

Il 30 ottobre si spegneranno le luci di Palazzo San Giacomo, del Maschio Angioino e di piazza Municipio: un gesto simbolico per lanciare un messaggio forte alle Istituzioni e, al contempo, sensibilizzare la popolazione al dramma sociale che rischia di consumarsi su 400 lavoratori dello stabilimento di Whirlpool di via Argine.

L’iniziativa è fortemente voluta dal Sindaco Luigi de Magistris e dall’Assessore al Lavoro  Monica Buonanno e l’invito è corale: tutti possono replicare l’iniziativa presso le sedi istituzionali, aziendali, sindacali, sociali ma anche nelle case e negli uffici: “Se si chiude Whirlpool – spiegano il Sindaco e l’Assessore – si spegne Napoli. È inaccettabile e impensabile perdere le competenze e la comunità di lavoratori, soprattutto in una situazione delicata come quella di oggi, aggravata dalla pandemia che sta mettendo in ginocchio il Paese e i mercati. Se lasciamo andare via Whirlpool da Napoli, il tessuto produttivo locale subirà l’ennesimo colpo mortale. Il Governo ci ascolti e intervenga: c’è ancora tempo per non spegnere Napoli”. La sollecitazione è “Spegniamo le luci in città a sostegno di Whirlpool il 30 ottobre dalle 19.00 e dimostriamo insieme che al buio della sconfitta si risponde con la luce delle lotte e delle vittorie”.

EDITORIALE

Contenuti extra

continua…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te