Controlli anti Covid a Napoli e provincia: 14 sanzioni e 3 arresti per trasporto illegale di fuochi d’artificio

da | Ott 27, 2020 | Cronaca

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha rafforzato anche in questo fine settimana il dispositivo dei controlli volti a verificare il rispetto delle misure di contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2.

In totale, tra venerdì e domenica, sono state controllate su tutta la provincia 613 persone e 112 attività commerciali. Sono state 14 le sanzioni complessive, tra denunce all’Autorità Giudiziaria e segnalazioni al Prefetto. In particolare, il 2° Nucleo Operativo Metropolitano ha sottoposto a sequestro, nel centro storico del capoluogo, 3.900 mascherine non a norma nei confronti di una cittadina di origine cinese e oltre 5.500 tra mascherine, igienizzanti, termometri elettrici e articoli di cancelleria, privi della marcatura CE di conformità e delle informative in lingua italiana nei confronti di un cittadino bengalese.

La Compagnia di Giugliano in Campania ha sanzionato i titolari di due ristoranti per inadempienze relative all’Ordinanza Regionale in materia di contenimento del rischio di contagio da Covid – 19 (omessa rilevazione della temperatura corporea ai dipendenti e omessa esibizione del registro delle sanificazioni).

Le Compagnie di Torre Annunziata, Torre del Greco e Casalnuovo di Napoli hanno sanzionato complessivamente 7 soggetti; 3 di essi circolavano in orario notturno senza giustificati motivi, 4 non indossavano i dispositivi di protezione individuale.

Inoltre, come spesso succede, dai controlli anti Covid sono emerse anche situazioni illecite tipicamente d’interesse delle Fiamme Gialle.

La Compagnia di Giugliano in Campania ha sottoposto a sequestro a Qualiano, 750 kg di materiale esplodente per complessivi 15.000 pezzi (fuochi pirotecnici artigianali e classificati F4), altamente pericolosi in quanto prodotti artigianalmente e detenuti senza alcun rispetto della normativa vigente.

Nella flagranza del reato i 3 responsabili, tutti di nazionalitĂ  italiana, sono stati tratti in arresto.

Il Gruppo Pronto Impiego ha sequestrato nel capoluogo, tra i quartieri Piscinola, Scampia, e Volla, 2,3 kg di t.l.e. di contrabbando nei confronti di un cittadino di nazionalitĂ  italiana, denunciato a piede libero, e 5 grammi tra hashish e marijuana nei confronti di due cittadini italiani, segnalati al Prefetto.

Il 2° Nucleo Operativo Metropolitano ha effettuato, nel locale vico VII Duchesca, ha effettuato il sequestro di 114 cravatte del noto marchio Marinella contraffatto.

 

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualitĂ . Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualitĂ . Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Campania, obbligo di mascherine sui luoghi di lavoro

Con provvedimento in corso di pubblicazione, il Presidente della Regione Campania  ha richiamato tutti i datori di lavoro, pubblico e privato, all'osservanza delle norme di prevenzione sanitaria, in particolare riferite all'uso delle mascherine. Sulla base di quanto...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te