Benevento – Napoli: 1-2, comandano gli Insigne ma il gol vittoria lo firma Petagna

da | Ott 25, 2020 | Calcio Napoli

Benevento – Napoli finisce 1 a 2, in gol la famiglia Insigne prima con Roberto che porta in vantaggio i padroni di casa e poi con Lorenzo che trova il pareggio, ma il gol vittoria lo firma Petagna.

Subito testa al campionato, questo è quello che si aspettano i tifosi e mister Gattuso dai ragazzi azzurri, dimenticare la sconfitta di giovedì contro l’AZ e ricominciare, non solo a macinare gioco ma anche a segnare. Rino conferma Meret in porta, rimette titolare Manola e Bakayoko rispetto alla partita con gli olandesi, ma soprattutto ritorna titolare Insigne.

Inizia il match, gli azzurri mostrano subito le loro qualità di possesso palla, ma fin dai primi minuti di gioco, si inizia a riprovare la stessa sensazione di giovedì al San Paolo, quando il Napoli pur essendo pradone del gioco non riusciva mai ad essere seriamente pericoloso nella finalizzazione, infatti i partenopei al termine dei 45 minuti si trovano sotto di un gol. Tra i pochi pericoli che si registrano nella prima frazione di gioco, troviamo un gol annullato giustamente ad Osimhen per netto fuorigioco, una grande parata di Montipò su tiro da fuori di capitan Insigne e la traversa colpita da Manolas sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Da segnalare un potenziale fallo da rigore su Lozano, l’arbitro Doveri non si degna nemmeno di andare al monitor per rivedere l’accaduto. Il gol per i padroni di casa è a firma di Insigne, Roberto fratello piccolo del capitano azzurro che resta freddo davanti a Meret quando, su un cross basso di Lapadula incredibilmente si ritrova tutto solo a pochi passi dall’area piccola azzurra, raccoglie la sfera e di sinistro batte l’incolpevole Meret. Per la seconda volta consecutiva, nel Napoli che scende in campo sembra farla da padrona la superficialità, mancando soprattutto la cattiveria agonistica, la stessa cattiveria che ha permesso ai ragazzi azzurri di demolire l’Atalanta una settimana fa.

Inizia il secondo tempo e fin da subito si capisce che sarà un Napoli diverso, Insigne e compagni si riversano immediatamente nella metà campo avversaria alla ricerca del pari, il gol arriva dopo appena 2 minuti della ripresa, l’ispiratissimo capitano azzurro trova un destra a giro che finisce nell’angolino basso battendo Montipò, ma il VAR annulla per fuorigioco proprio di Insigne. Ma il pareggio comunque è nell’aria, i ragazzi di Rino spingono sull’accelleratore mettendo il Benevento alle corde e al minuti 60, Lorenzo Insigne trova un gran gol, questa volta non con il suo piede preferito ma con il sinistro, trova un agolo perfetto dove la palla sbatte prima sulla traversa e poi si insacca, 1 a 1. Inerzia del  match che a questo punto della partita è tutto a favore del Napoli, ma il jolly lo pesca Rino dalla panchina, è Andrea Petagna, entrato poco prima del pareggio, il ragazzone italiano al 67esimo sfrutta un assist al bacio di Politano e con un destro potente piega le mani a Montipò, il Napoli ribalta il risultato. Nei restanti 20 minuti più recupero, i partenopei si mettono a gestire la gara sotto le grida di mister Gattuso che avrebbe voluto chiuderla. Al minuto 74 Bakayoko deve abbandonare il campo per infortunio, sembra essere nulla di grave per il colosso francese che comunque crea qualche preoccupazione per le sue condizioni fisiche. La partita finisce dopo 6 miunti di recupero, dove c’è da registrare un ulteriore palo colpito dal Napoli con Politano.

Il Napoli dopo la sconfitta di giovedì al San Paolo, ritorna a vincere conquistando momentaneamente il secondo posto con 11 punti in attesa che giochino le altre, ma soprattutto in attesa dell’esito del ricorso che potrebbe cancellare la penalità di un punto e permettere ai partenopei di contendersi altri 3 punti sul campo dei bianconeri.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te