Guardie civiche e ssurdate ’e guardia

da | Ott 24, 2020 | Cronaca

Nun saccio si pure vuje ma io, passiànno’mmiez’a ttavuline, gazzebe e bbancarelle e scanzanno ’e mmachine parcheggiate a ddoppia e ttripla fila e ppure ’ncopp’ê strisce pedunale, spisso m’addimando: “Neh, ma ’e viggile addò so’ ffernute?”. A Nnapule, ’a terza cetà d’Italia cu quase nu milione d’abbitante, ’e guardie munecipale pareno overo scumparze. Cu cchello che sta succedenno e ccu tutt’ ’e rreole ordinanze e ddecrete pe vvia d’ ’o Coronavirùsse, nuje penzavemo ca ’nce sarriano state cchiù pperzone p’ ’e ffa rispettà, cuntanno aggente ‘e pulizzia statale, carabbiniere e gguardie municipale. E ’mmece ’o guverno e quacche presidente ’e Riggione se stanno ’ncapunénno a chiammà ati surdate ancora, pe ffa’ addiventà ’e vvie cchiù ssicure ma fernenno pe ffa’ fa’ a ll’esercito chello che nu’ lle spetta. Na bona parte ’e cuntrolle, ’nfatte, servono a ffa’ rispettà ’e rreole contr’ô virùsse (purtà ’e mmascarine, scanzà ’a carca e ssituazzione ammuinate, mantènere ’o distanziamento…). Ma pe cchesto nun servono surdate cu ffucile, casche e ggiubbotte, ma guardie statale e llucale.

Guardanno ô pizzo web d’ ’o Cummune ’e Napule, scuprimmo c’ ’a Pulezzia Municicipale teneva n’urganeco ’e 2.236 perzone (cumannante, diriggente, funziunarie, istrutture e gguardie) e ati 150 fra autiste, funziunarie amministrative e ttecniche. Stammo parlanno ’e quase 2.400 perzone pe na cetà cu mmeno ‘e nu melione d’abbitante: uno ogne 415 napulitane. Sapimmo ca cchiù ’e 800 ’e lloro teneno cchiù ’e 60 anne; ca 260 faticano sulo int’a ll’ufficie e c’ati 34o guardie teneno prubbleme ’e salute. Âmmo leggiuto ’ncopp’ê giurnale ca mo tenimmo pure na trentina ’e viggile cuntaggiate d’ ’o Covìdde e ate 170 mise aspartate pe ssicurezza. Pure si calculammo ca ’e guardie munecipale faticano ’ncopp’a dduje turne, cumunque s’avarrìa ’a assicurà nu servizzio cchiù decente. Però dint’a Pulezzia Lucale s’ausa pure ca ’e guardie s’hann’ ’a movere sempe duje a dduje, accussì ’o nummero inizziale vene smezzato ancora. ’Nzomma, luvanno ’e motocicliste e quacche pattuglia ca va giranno sulo cu ll’automobbile, pare propro c’ a vviggilà overamente guardie bastante nun ce stanno.
Eppure ’o Cuorpo ’e Pulezzia Municipale napulitano, c’ ’a storia che ttene, s’ammeretarrìa na sorta cchiù mmeglia. ’Ncopp’ ô pizzo-web cummunale steva scritto ca esso è ffiglio d’ ’o Cuorpo d’ ’e Guardie Municipale funnato ô 1861, quanno facettero ll’Unnetà d’Italia. Però chesta è una d’ ’e ffauzarìe ’e na storia cuntata ’a chi culunizzaje ’o Sud d’ ’a penisula taliana, cercanno ’e scancellà pure ’a memmoria d’ ’o Regno d’ ’e Dduje Sicilie. Isso, ’mmece, teneva n’amministrazzione accorta e n’urganizzazzione efficace e spisso assaje muderna. ’E Burbone, ô 1816, tenevano ggià nu funziunario, chiammato Primmo Eletto, e nu Sottocapo che s’occupavano d’ ’a Pulezzia urbana e rurale, facenno cuntravvenziune – ’nnanz’ ô Sinneco e ’o Judece ’e Pace – a cchi nun rispettava ’e llegge d’ ’a cetà. Ô 1821 istituettero ’e Guardie Civiche, pavate cu nna mesata scarzulella (5 o 6 ducate = 100-150 euro) e cche s’avevano pure prucurà ll’uniforme (giacchetta blù c’ ’o cullarino russo, cappiello tùnno cu ccuccarda rossa, patruncina a ttracolla ’e cuorio giallo). Però, ô 1827, Francisco II, pe vvia ca ’e cetatine nu’ ppavavano ’a tassa p’ ’e mmantènere, cagnaje legge e istituette ’o Cuorpo d’ ’e Guardie Urbane, nu servizzio ubbrecatorio e nu’ ppavato, na “…milizia civile […] che debbe ogni sua cura al mantenimento dell’ordine interno e alla sicurezza delle persone e delle sostanze dei cittadini”.
D’ ’o 1848 ’e guardie municipale addeventajeno cchiù mmilitare: avevan’ ’a vèstere na divisa e avevan’ ’a essere “istruite int’a ll’esercizzie militare”. ’Nfra 1850 e 1854, ’e guardie urbane rummanettero nu cuorpo paramilitare, scìvete ’a sìnnece e intenniente ’nfra chille ch’erano già pavate ’a cummune e ppruvincie, occupannose perzì ’e ‘pulezzia sanitaria’. Ô 1860 però arrivaje Garibbalde e ccagnaje tuttecose, custituenno ’o Cuorpo d’ ’e Riàle Carabbiniere ’e Sicilia. Grazzie ê Piemuntise ch’ ’e ttenevano ggià d’ ’o 1814 – se chiudette accussì ’o chirchio d’ ’a militarizzazione d’ ’e guardie ‘civiche’, tant’è ca pure mo recurrimmo ê surdate ’e ll’esercito pure pe ccuntrullà ’e vvie e applicà ’e llegge p’ ’a salute pubbreca. Pe ttramente, quanno truvammo machine parcheggiate ’ncopp’ ê strisce pedunale o addò ce avesser’ ’a sta’ sulo disabbele; quanno ’e spazzie pubbrece songo occupate abbusivamente o quanno nun veneno rispettate ’e rreole contr’ ô Covìdde, nun ce penzate propio c’arriva nu guardio municipale. Dicevano tanno ’e Rumane antiche: “Quis custodiet custodes?”. Napulitanamente: “E cchi guarda ’e guardie?” …

“Convivia. Il gusto degli antichi”,  la mostra al Lapis Museum

“Convivia. Il gusto degli antichi”, la mostra al Lapis Museum

Tra i reperti esposti, la bottiglia di olio d’oliva più antica del mondo, utensili, vasellame per la tavola e la cucina dalle Collezioni del MANN Utensili, vasellame e commestibili fossili tratti dalla Collezione dei Commestibili del MANN – tra cui la bottiglia di...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te