“Diario di bordo” Il saggio di Antonella Ferri

da | Ott 24, 2020 | Cultura&Spettacolo

Un saggio davvero molto intenso costituisce la lettura di questa settimana, parliamo di “Diario di bordo”, libro di Antonella Ferri, una docente “militante” che dagli Anni 90 insegna nella Casa Circondariale di Secondigliano. Sono pagine sinceramente toccanti quelle scorse, dissimulate da un intento saggistico, in cui la scuola ri-assume il significato più profondo che è quello di mezzo attraverso cui elevarsi sopra le meschinità della vita reale. Due sono le dimensioni prospettiche rilevate in questo lavoro assai bello, e letterario, prima che strettamente saggistico: la prima è quella attraverso cui traspare la fisionomia dell’utenza. Essa è la testimonianza di un mondo di rimpianto, di vita non vissuta, che ci restituisce appunto l’idea di una scuola attraverso cui rifondarsi, umanamente e socialmente. La seconda è l’esperienza attraverso la lente del medium, la scrittrice, capace di restituirci una narrazione empatica che offre al lettore qualche strumento per comprendere punti di vista dai quali, in genere, si è più o meno distanti. Non abbiamo potuto allora non notare come la dinamica del testo assuma – positivamente – l’influenza di certo naturalismo letterario; che analizza un mondo, il nostro, ancora incapace di colmare le ingiustizie che favoriscono lo smarrimento. L’esito è un lavoro corale, sapientemente ordito dalla saggista, in cui tutti i protagonisti si sono messi in gioco nella costruzione di una relazione, determinando l’alchimia co-evolutiva che sempre caratterizza (o dovrebbe caratterizzare) la scuola. Non manca tuttavia in questo lavoro l’evidenza di un approccio consapevolmente tecnico, testimoniato da una sezione del libro dedicata alla metodologia della didattica nel carcere.

In essa individuiamo una strategia terapeutica assai affascinante, denominata “ricostruzione autobiografica”, un metodo che viene agito in molti ambienti di recupero della marginalità. Si tratta di un’azione psicoterapeutica in cui si dà nuovo significato agli eventi che hanno agito sfavorevolmente nell’esistenza dell’individuo. Il libro è poi supportato dall’eloquente prefazione della psicologa Francesca Laccetti che introduce la lettura orientando il nostro sguardo sull’aspetto artistico di un lavoro ideato, non dimentichiamolo, come strumento didattico. Ella allora evoca l’importanza che assume questo intento creativo, disposizione d’animo capace di liberare in chi la pratica risorse sconosciute, e positive. Ed è forse proprio questo aspetto inatteso, anche alla scrittrice, una piacevolezza artistica, che trascende l’intento primario e lo rende una bella lettura. “Diario di bordo. Un anno di scuola in carcere nei pensieri di una prof e degli studenti della classe accanto”. Antonella Ferri; Tullio Pironti editore.

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te