De Luca: “L’ora delle decisioni drastiche è arrivata”

da | Ott 24, 2020 | Primo piano

“È l’ora delle decisioni drastiche”: così, con un’espressione che rimanda alla famosa dichiarazione di guerra pronunciata a piazza Venezia (“L’ora delle decisioni irrevocabili è arrivata”, ndr) Vincenzo De Luca annuncia un nuovo lockdown per la Campania. Come allora, anche oggi siamo in guerra, ma questa volta il nemico è un virus. Il presidente della Regione ha spiegato che i dati impongono, oggi “prima che sia troppo tardi”, di essere “responsabili”. Ed eccoli gli ultimi dati: in Campania il Covid sfonda anche il muro dei duemila positivi in 24 ore. Sono 2.280 i nuovi positivi in Campania registrati venerdì 23 ottobre, su 15.800 tamponi eseguiti: si tratta di un numero record, mai raggiunto prima. La rilevazione di era di 1.541 casi. Vuol dire che il 14,5% dei tamponi effettuati ha dato esito positivo. Il giorno precedente questa percentuale era ferma al 12,8%.

“Purtroppo non c’è più tempo da perdere – ha spiegato De Luca – bisogna prendere delle decisioni forti, definitive ed efficaci perché la situazione è diventata pesante. Ogni giorno che passa rischia di aggravare la situazione, per questo credo che bisogna decidere oggi e non domani. Comunicherò – ha aggiunto De Luca – la mia richiesta di lockdown a tutta l’Italia, ma la Campania procederà comunque per la sua strada: chiuderemo tutto tranne le attività industriali, agroalimentari, edilizie e le attività essenziali. Sarà bloccata anche la mobilità tra le regioni, di fatto bisogna fare come a marzo cercando di difendere le attività produttive. Oggi siamo ancora in tempo per intervenire. Si lavora per spegnere focolai e la crescita esponenziale del contagio. Senza decisioni drastiche non possiamo più reggere. Siamo a un passo dalla tragedia e io non voglio ritrovarmi camion militari che portano centinaia di bare. Può salvarci solo la correttezza dei nostri comportamenti. Bisogna difendere la vita dei propri figli e quella di tutti i nostri concittadini. Per farlo si chiude tutto per un mese o 40 giorni e poi valuteremo la situazione, che ad oggi è gravissima. Rischiamo di avere terapie intensive piene e la mancanza di posti letto”.

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Un pianoforte nella Stazione Centrale di Napoli

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te