Assisi: “Momento buio, provo a farvi sorridere io”

da | Ott 24, 2020 | Cultura&Spettacolo

L’attore, ora in tv ne “L’allieva 3”, ha già pronto il suo secondo film da regista

Un sorriso contagioso, uno sguardo ammaliante e un’energia difficile da contenere. Sergio Assisi, napoletano, classe 1972, nel suo giovane percorso artistico vanta un curriculum lungo e ricco di esperienze. Nella terza stagione de “L’allieva” la fortunata fiction tratta dai romanzi di Alessia Gazzola, in onda su Rai 1 dallo scorso 27 settembre, veste i panni di Giacomo Conforti, fratello di Claudio (Lino Guanciale, ndr), un uomo libero, imprevedibile, fuori dagli schemi, estremamente spontaneo e soprattutto capace di creare scompiglio in ogni situazione…

Quanto c’è di Sergio in Giacomo?
“È una descrizione molto simile alla realtà, al mio carattere… anche se c’è molto altro fortunatamente che non appare in questo personaggio. Ciò che più corrisponde al vero è il fatto che porto scompiglio ovunque vada… E questo spesso me lo fanno notare i miei affetti e quelli che mi conoscono bene”.

Giacomo nella serie intreccia una relazione con Andrea Manes (Antonia Liskova, ndr), una donna forte e sicura di sé. Questo ideale di donna la affascina?
“La donna autoritaria non mi attrae particolarmente, già ho un brutto carattere io… figuriamoci uno scontro tra titani. Mi colpisce più la dolcezza e l’allegria”.

A proposito di donne: l’hanno più volte definito uno sciupafemmine, lo “scapolo d’oro” del cinema e delle fiction tv…
“Quando ti affibbiano un personaggio quello ti rimane attaccato addosso per molto tempo, a volte per l’intera vita. Se hai fatto un film di successo dove facevi un mafioso resti mafioso, se hai fatto un commissario resti commissario, a me è toccato lo sciupafemmine… ma nella realtà sono le femmine che sciupano me”.

Attore, regista, scrittore, ballerino, conduttore… Cosa non ha ancora fatto?
“Sono tante le cose che non ho fatto. Non basta certo una vita per fare tutto quello che si potrebbe. Ed ora più che mai non si può fare forse nemmeno l’essenziale…. Viviamo un momento buio dell’umanità, ma se siamo ancora qui a parlarne, c’è speranza… l’essere umano è duro a morire come si suol dire”.

E se non avesse fatto l’attore?
“Avrei fatto il medico. Avevo una particolare predisposizione. Già da adolescente i miei amici di Napoli mi chiamavano Doc. Una mia amica ha perfino messo sul telefono l’immagine del Dr House che appare quando chiamo io. Ma avrei potuto fare anche il musicista, l’esploratore, lo scienziato…. Sono un curioso di natura”.

Nella sua carriera ha lavorato con numerosi artisti. Qual è stato l’incontro più bello?
“La scintilla iniziale è partita dal teatro e l’incontro col regista Livio Galassi dell’Accademia del teatro Bellini. Poi l’incontro che mi ha cambiato la vita è quello con Lina Wertmüller che ha acceso definitivamente il fuoco sacro dell’arte e la mia carriera”.

A quali progetti sta lavorando ora?
“È pronto nel cassetto il mio secondo film. Sempre una commedia spensierata “Anche le lucciole fanno l’amore”… ma di questi tempi è tutto fermo, tutto più difficile. Ma non mi arrendo perché il mio desiderio è far sorridere gli altri. Una vita non dedicata agli altri non è una vita interessante”.

Vive a Roma ormai da molti anni ma con Napoli ha mantenuto sempre un legame molto forte grazie anche al rapporto che aveva con il suo papà, scomparso proprio durante le riprese de “L’allieva”. Cosa le manca di più della sua città?
“Il mio papà…”.

 

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te