Parte con il piede sbagliato l’avventura in Europa League degli azzurri

da | Ott 22, 2020 | Calcio Napoli, Primo piano

Stecca clamorosamente l’esordio in Europa League il Napoli di Gattuso, contro gli olandesi dell’AZ gli azzurri escono sconfitti dalle mura amiche, de Wit firma l’unico gol della partita, comincia in salita l’avventura europea dei partenopei.

Mister Gattuso rispetto alla partita di sabato scorso al San Paolo, effettua 3 cambi, in porta ritorna Meret, in difesa al posto di Manolas c’è Maksimovic e a spalleggiare Fabian Ruiz a centrocampo, invece dell’ottimo Bakayoko, c’è Lobotka. Avvio di partita molto blando da parte di entrambi le formazioni, gli olandesi aspettano l’iniziativa del Napoli, mentre la squadra azzurra con il possesso palla, il più delle volte, costringe gli 11 dell’AZ a difendersi in 30 metri di campo. Troppo spesso però, si nota un possesso sterile dei padroni di casa che faticano molto per impensierire Bizot, infatti, i ragazzi di Gattuso mostrano evidenti difficoltà nel finalizzare il gioco e nei primi 45 minuti, il rischio più evidente per la porta dell’AZ è causato solo da un errore della difesa, Osimhen intercetta la palla e offre a Mertens l’occasione del vantaggio, il belga controlla e con un destro a giro spedisce la sfera di poco fuori. Reti inviolate all’intervallo e prima insufficienza per l’attacco azzurro chiamato a rispondere nella ripresa.

Inizia il secondo tempo con gli stessi 11 in entrambi le squadre, ma i fantasmi del passato inziano a riaffiorare, infatti ogni volta che il Napoli gioca bene ma non sblocca il risultato, rischia di prendere gol e forse perde anche la partita. È il minuto 57 quando l’AZ tenta una delle poche azioni offensive, Stengs arriva sul fondo e mette in pallone in mezzo all’area azzurra, de Wit lasciato clamorosamente solo da Koulibaly e compagni, batte Meret e porta sorprendentemente gli ospiti in vantaggio. In mezz’ora, il Napoli visto contro l’Atalanta avrebbe potuto fare anche 4 gol all’AZ, ma gli azzurri insistono con un possesso palla inutile che non porta mai a creare seri pericoli alla squadra avversaria. Il tempo scorre inesorabile e senza mai avere la sensazione di poter raggiungere il pareggio, gli ingressi di Insigne, Mario Rui, Demme, Petagna e Bakayiko non riescono a smuovere un risultato che condanna il Napoli alla prima sconfitta stagionale, la prima gara dove l’attacco stecca, compiendo notevoli passi indietro rispetto alla gara precedente. Nulla è perduto ma l’avventura azzurra in Europa parte con il piede sbagliato.

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

Confessioni di una mente geniale

Confessioni di una mente geniale

Dopo mesi di silenzio stampa, finalmente il presidente del Napoli torna a parlare. E lo fa a modo suo Finalmente una reazione, un cenno di vita c’è stato. Non del Napoli ma del suo proprietario che s’è “confessato”, si fa per dire, al “Passepartout Festival” di Asti....

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League, bruttissima prestazione dei ragazzi di Gattuso che non riescono a battere il Verona, 1-1 e i bianconeri ringraziano. Napoli fuori dalla Champions League - Tensione alle stelle al Maradona di Fuorigrotta, dai primi minuti del match,...

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli-Verona: gli azzurri giocano per non rovinarsi la Champions e le vacanze; motivi più convincenti di ogni modulo tattico. Difendendo il quarto posto dalla Juventus, posizione appena conquistata a dispetto di Cassandre e menagrami, Gattuso e i suoi avranno...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te