Parte con il piede sbagliato l’avventura in Europa League degli azzurri

da | Ott 22, 2020 | Calcio Napoli, Primo piano

Stecca clamorosamente l’esordio in Europa League il Napoli di Gattuso, contro gli olandesi dell’AZ gli azzurri escono sconfitti dalle mura amiche, de Wit firma l’unico gol della partita, comincia in salita l’avventura europea dei partenopei.

Mister Gattuso rispetto alla partita di sabato scorso al San Paolo, effettua 3 cambi, in porta ritorna Meret, in difesa al posto di Manolas c’è Maksimovic e a spalleggiare Fabian Ruiz a centrocampo, invece dell’ottimo Bakayoko, c’è Lobotka. Avvio di partita molto blando da parte di entrambi le formazioni, gli olandesi aspettano l’iniziativa del Napoli, mentre la squadra azzurra con il possesso palla, il più delle volte, costringe gli 11 dell’AZ a difendersi in 30 metri di campo. Troppo spesso però, si nota un possesso sterile dei padroni di casa che faticano molto per impensierire Bizot, infatti, i ragazzi di Gattuso mostrano evidenti difficoltà nel finalizzare il gioco e nei primi 45 minuti, il rischio più evidente per la porta dell’AZ è causato solo da un errore della difesa, Osimhen intercetta la palla e offre a Mertens l’occasione del vantaggio, il belga controlla e con un destro a giro spedisce la sfera di poco fuori. Reti inviolate all’intervallo e prima insufficienza per l’attacco azzurro chiamato a rispondere nella ripresa.

Inizia il secondo tempo con gli stessi 11 in entrambi le squadre, ma i fantasmi del passato inziano a riaffiorare, infatti ogni volta che il Napoli gioca bene ma non sblocca il risultato, rischia di prendere gol e forse perde anche la partita. È il minuto 57 quando l’AZ tenta una delle poche azioni offensive, Stengs arriva sul fondo e mette in pallone in mezzo all’area azzurra, de Wit lasciato clamorosamente solo da Koulibaly e compagni, batte Meret e porta sorprendentemente gli ospiti in vantaggio. In mezz’ora, il Napoli visto contro l’Atalanta avrebbe potuto fare anche 4 gol all’AZ, ma gli azzurri insistono con un possesso palla inutile che non porta mai a creare seri pericoli alla squadra avversaria. Il tempo scorre inesorabile e senza mai avere la sensazione di poter raggiungere il pareggio, gli ingressi di Insigne, Mario Rui, Demme, Petagna e Bakayiko non riescono a smuovere un risultato che condanna il Napoli alla prima sconfitta stagionale, la prima gara dove l’attacco stecca, compiendo notevoli passi indietro rispetto alla gara precedente. Nulla è perduto ma l’avventura azzurra in Europa parte con il piede sbagliato.

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Napoli, riapre al pubblico la passeggiata al Molo San Vincenzo

Una meravigliosa e poco conosciuta area di Napoli verrà gradualmente aperta ai cittadini, così come promesso dal Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi fin dall'inizio. L'intervento fa parte di un progetto più ampio di passeggiata sul mare, finanziato dal Contratto...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te