Parte con il piede sbagliato l’avventura in Europa League degli azzurri

da | Ott 22, 2020 | Calcio Napoli, Primo piano

Stecca clamorosamente l’esordio in Europa League il Napoli di Gattuso, contro gli olandesi dell’AZ gli azzurri escono sconfitti dalle mura amiche, de Wit firma l’unico gol della partita, comincia in salita l’avventura europea dei partenopei.

Mister Gattuso rispetto alla partita di sabato scorso al San Paolo, effettua 3 cambi, in porta ritorna Meret, in difesa al posto di Manolas c’è Maksimovic e a spalleggiare Fabian Ruiz a centrocampo, invece dell’ottimo Bakayoko, c’è Lobotka. Avvio di partita molto blando da parte di entrambi le formazioni, gli olandesi aspettano l’iniziativa del Napoli, mentre la squadra azzurra con il possesso palla, il più delle volte, costringe gli 11 dell’AZ a difendersi in 30 metri di campo. Troppo spesso però, si nota un possesso sterile dei padroni di casa che faticano molto per impensierire Bizot, infatti, i ragazzi di Gattuso mostrano evidenti difficoltà nel finalizzare il gioco e nei primi 45 minuti, il rischio più evidente per la porta dell’AZ è causato solo da un errore della difesa, Osimhen intercetta la palla e offre a Mertens l’occasione del vantaggio, il belga controlla e con un destro a giro spedisce la sfera di poco fuori. Reti inviolate all’intervallo e prima insufficienza per l’attacco azzurro chiamato a rispondere nella ripresa.

Inizia il secondo tempo con gli stessi 11 in entrambi le squadre, ma i fantasmi del passato inziano a riaffiorare, infatti ogni volta che il Napoli gioca bene ma non sblocca il risultato, rischia di prendere gol e forse perde anche la partita. È il minuto 57 quando l’AZ tenta una delle poche azioni offensive, Stengs arriva sul fondo e mette in pallone in mezzo all’area azzurra, de Wit lasciato clamorosamente solo da Koulibaly e compagni, batte Meret e porta sorprendentemente gli ospiti in vantaggio. In mezz’ora, il Napoli visto contro l’Atalanta avrebbe potuto fare anche 4 gol all’AZ, ma gli azzurri insistono con un possesso palla inutile che non porta mai a creare seri pericoli alla squadra avversaria. Il tempo scorre inesorabile e senza mai avere la sensazione di poter raggiungere il pareggio, gli ingressi di Insigne, Mario Rui, Demme, Petagna e Bakayiko non riescono a smuovere un risultato che condanna il Napoli alla prima sconfitta stagionale, la prima gara dove l’attacco stecca, compiendo notevoli passi indietro rispetto alla gara precedente. Nulla è perduto ma l’avventura azzurra in Europa parte con il piede sbagliato.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te