Il Pascale di Napoli tra i 50 migliori ospedali del mondo

da | Ott 22, 2020 | Cronaca

Prima di Tokyo, della Germania e del Regno Unito, l’Istituto dei tumori di Napoli balza al 40simo posto tra i migliori 200 ospedali del mondo. Una classifica che annovera soltanto sei strutture italiane

Al 40simo posto nel mondo e al quinto in Italia. Per la prima volta il Pascale entra nella classifica dei World’s Best Hospitals stilata ogni anno da Newsweek in base al tenore e all’aspettativa di vita, alle dimensioni della popolazione, al numero di ospedali e soprattutto alla disponibilità di dati relativi ad ogni aspetto del servizio ospedaliero. Prima di Tokio, della Germania e del Regno Unito, l’Istituto dei tumori di Napoli, alla sua prima entrata in classifica, balza tra i migliori 40 ospedali del mondo. Dopo il cinquantesimo posto, tutti gli altri, fino a 200, vengono classificati per ordine alfabetico. Un riconoscimento ancora più prestigioso in quanto arriva nell’anno della pandemia globale da Covid 19. Secondo i ricercatori e gli esperti di Newsweek, che dal 1933 riferisce sui progressi della medicina, della scienza e della ricerca mondiale, il Pascale entra nella rosa dei migliori ospedali (un primato che in Italia condivide soltanto con altre cinque strutture nei primi cinquanta posti e 10 in totale) per i suoi standard di assistenza eccellente.

.

Il prestigioso riconoscimento arriva al Pascale lo stesso giorno in cui gli viene riconosciuta anche la Certifcazione ISO 9001 2015, la norma internazionale attribuita alle aziende per la creazione, implementazione e gestione di un Sistema di Gestione della Qualità.

“Siamo davvero orgogliosi – dice il direttore generale, Attilio Bianchi – , non avevamo partecipato ad alcun bando o altro. Il riconoscimento è arrivato direttamente da Newsweek. Ora abbiamo un’altra classifica da scalare, lavorando ogni giorno e impegnandoci come e meglio di quanto abbiamo fatto finora”.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te