Tempo di lettura: 2 minuti

Nella serata ieri il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato le nuove misure previste dal Dpcm del 18 ottobre 2020. Le norme saranno in vigore da oggi, 19 ottobre e fino al prossimo 13 novembre.

“Non possiamo perdere tempo, dobbiamo mettere in campo misure per scongiurare un lockdown generalizzato, che potrebbe compromettere severamente l’economia” ha sottolineato Conte.

Movida

Ai sindaci la facoltà di chiudere l’accesso a vie e piazze cittadine dopo le ore 21, consentendo l’accesso soltanto per raggiungere esercizi commerciali o abitazioni private.

Scuola e università

Le attività scolastiche del primo ciclo di istruzione e della scuola d’infanzia continueranno in presenza. Gli istituti secondari di secondo grado sono però invitati ad adottare forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica incrementando il ricorso alla didattica digitale integrata, attivando anche turni pomeridiani e fissando in ogni caso l’obbligo di entrata non prima delle ore 9.
Le università in base all’andamento del quadro epidemiologico, potrebbero predisporre piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari sia in presenza che a distanza in funzione delle esigenze formative monitorando l’evoluzione del quadro pandemico territoriale e delle relative esigenze di sicurezza sanitaria.

Sale giochi

Le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo saranno consentite dalle ore 8.00 alle ore 21.00

Convegni

Stop a convegni e congressi in presenza. Consentito lo svolgimento con modalità a distanza.

Fiere ed eventi

Vietate sagre e fiere locali. Consentite unicamente le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale.

Sport

Resta vietato lo sport di contatto a livello amatoriale e le competizioni per attività dilettantistica di base. Consentiti solo gli sport individuali e di squadra riconosciuti a livello nazionale o regionale dal Coni, dal Comitato paralimpico e dalle Federazioni sportive nazionali, dove la presenza di pubblico potrà essere del 15% rispetto alla capienza massima e comunque non oltre i mille spettatori per manifestazioni sportive all’aperto e 200 al chiuso.
Sì all’attività sportiva e motoria all’aperto, sempre nel rispetto della distanza di sicurezza.

Palestre e piscine

Restano aperte per il momento. Avranno una settimana di tempo per allinearsi ai protocolli di sicurezza. Per chi non li rispetterà – ha chiarito Conte – saranno prese decisioni sulle chiusure.


Ristorazione

Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5 sino alle ore 24 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18.00 in assenza di consumo al tavolo. Il ristorante deve esporre all’ingresso del locale un cartello con il numero massimo delle persone ammesse contemporaneamente nel locale.
Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nonché fino alle ore 24,00 la ristorazione con asporto, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze e sempre nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto.