Pe nnu’ pperdere ‘a lengua nosta

da | Ott 17, 2020 | Cronaca

Nun se po’ ccredere. Doppo tant’anne ca parecchia gente se stanno attivanno, vuluntariamente, pe ffa’ apprezzà e ccanoscere cchiù mmeglio ’o Nnapulitano, a Nnapule ancora nun c’è stato nu recanoscimiento ufficiale d’ ’o deritto (si no d’ ’o duvere…) ’e ’mparà ê guagliune/one nuoste ’sta lengua antica e ggeniale. So’ ppassate dudece anne ’a quann’io – tanno prufessore ’e lettere â scola media ‘Sogliano’ â Vecarìa – precepiaje a ffà nu curzo ’e lengua napulitana che jette annanze pe dduje anne, cuncrudennose cu na manifestazione addò ’o M° Aurelio Fierro cunzignaje ’e diplome ê studiente ch’êvano participato. Fuje ’a primma vota ca se ’mparaje ’o Nnapulitano dint’a na scola pubbreca, ma purtroppo fuje pure ll’urdema, a pparte n’atu curzo che stess’io teniette – accummincianno ’a ll’anno 2014-15 – ô “Viale delle Acacie”, na scola media statale ’ncopp’ô Vommero. Quacche sperienziella s’è fatta int’a quacche scola d’ ’a Pruvincia ’e Napule, però curze regulare ’e lengua napulitana nun ce nne so’ state cchiù. Furtunatamente,’mmece, ’nfin’a mmo nun so’ mmancate curze ’nderizzate a ggente cchiù avanzata d’età, comme chille urganizzate ’a Nazzario Napoli Bruno (valente pueta e ttraduttore, che s’occupa specialmente ’e ll’ortografia napulitana); ’a Massimiliano Verde (che ttenette nu curzo ’e Napulitano â Casa Cummunale d’ ’a Cultura ’e Chianura), e ’a Davide Brandi (presidente ’e ll’Assuciazzione ‘Lazzari’, che ffa lezzione ô Palazzo Venezia, ô Museo ‘e Capemonte e a ll’Istituto Frangese ’e Napule). Int’a ’sta decina d’anne, comunque, quaccosa s’è mmuòppeto. ’Nce stanno assaje cchiù pperzone ’nteressate a ccapì parlà e scrivere ’o Nnapulitano, però è crisciuta pure ’a ggente che nu’ ccanosceno ’e pparole d’ ’a lengua loro, ’a parlano malamente e ’a scriveno peggio ancora. Sempe cchiù giuvene, po’, nu’ pparlano pe nniente ’o Nnapulitano o vanno mazzecanno na specie ’e ‘napulese’ scuncecato, scrivennolo ’e na manera ammarunata e scumbinata. ’O fatto ca s’ ausano assaje spisso fesbùk, tuittér e instagràmme, ha ’nvastarduto assaje na lengua che ssì s’aveva cagnà e mmudernizzà, però senz’addeventà na mescafrancésca ’e taliano, ’ngrese, dialetto e pparlesia giuvanilese, spisso rozza e scrianzata. Nisciuno se penzava ca ’e giuvene ’e mo avevan’ ’a parlà e scrivere comm’a Di Giacomo e Vviviani, però cantante rappér, film e sceneggiate gomorrìse e nu cuofeno ’e messaggine scritte a lla sanfrasò ’ncoppo’ê smartfònne stanno fernenno ’e sparafunnà ’sta povera lengua nosta. E ppure se so’ ffatte curze ’e Napulitano a ll’Unneverzetà argentina ’e Buenos Aires e se stanno facenno perzì all’Unneverzetà scuzzese ’e Glasgow. ’Nce stanno pizze web, pure for’a ll’Italia, ca prumetteno ’e ’mparà ’sta lengua online. ’Nce stanno perzone comm’ ’o texano Dale Erwin, che adderittura pubbrecaje nu dizziunario ’Ngrese-Napulitano e na grammateca d’ ’e vierbe napulitane. Ê curze e ll’ammico Davide Brandi participajeno tre conzule (’e Francia, ’e ll’Ucraina e d’ ’e State Aunite d’America) e mo, grazzie a isso, se studia ’0 Nnapulitano pure a ll’Istituto Grénoble a Chiaja. Eppure ogne juorno sponta na puteca che ttene ’a ’nzegna o quacche cartiello scritto napulitanamente, spisso assummanno nu cuofeno d’errore d’ortografia. ’O sceneggiato ’e Rai Fiction “Mare fuori” e primm’ancora ’a serie televisiva “L’amica geniale” hanno pruvato pure a sdoganà ’o Nnapulitano comme lengua letteraria e d’ ’o spettaculo, ma cu rresultate scarzulille e, urdemamente, recurrenno tropp’assaje a na parlata ‘gomorrese’. Pe ffurtuna – scrivette int’ô libbro sujo “Una lingua gentile” ’o prufessore De Blasi, ’e ll’Unneverzetà napulitana Federico II – nun ce sta cchiù na “dialettofobia” e ’a gente nun se mette scuorno ’e parlà napulitano. Però chillu ‘dialetto’ s’avarria ausà sulo “per una comunicazione affettiva e informale”, pecché “non è di fatto adeguato a fare fronte in modo funzionale e senza limitazioni geografiche a tutte le possibili situazioni comunicative (nelle interazioni scritte e parlate”.

’Nzomma – siconno ô prufessore De Blasi – putimmo parlà napulitanamente int’a “l’ambito familiare” e se po’ ffà pure “da chi ha interessi artistici, ma anche generiche /e talvolta prosaiche) urgenze comunicative, associate a forme d’impulsività o di espressività”. Scusate, ma ’sta visione nu pucurillo lombrosiana nu’ mme garbizza, pecché fernesce cu svalutà ’e sfuorze ’e chi sta faticanno – vuluntariamente e spisso ’a nu sacco ’e tiempo – pe rrestituì ’a degnità perduta ô Nnapulitano e pe ffa’ capì – primma ’e tutto stesso ê Napulitane – comme cu cchella lengua overamente se po’ pparlà e scrivere ’e tuttecose, facennolo però ’e na manera curretta e acconcia. Passaje cchiù ’e n’anno ’a quanno ’o Cunziglio Reggiunale d’ ’a Campania appruvaje na legge che avarrìa ’a “pruteggere e vvalorizzà ’o patremmonio lenguisteco napulitano” (L.R. 14/2019), ma sulo ô mese ’e luglio passato è stato annummenato ’o Cumitato tecnico-scientifico che avarrìa ’a prummovere inizziative cuncrete p’ascì a ’sta situazzione. Avev’ ’a essere nu stimmolo p’avvià percurze ’e furmazzione, però nun se nne sape niente ancora e stessa ’a cumposizzione d’ ’o cumitato (cu ddinto cinche prufessurune, ma nisciuno ’e chille che ffaticajeno fin’a mmo fora a ll’accademmia…) overamente nu’ ffa sperà na grossa rivoluzzione. Pe ttramente ce avinn’ ’a suppurtà campagne ’nNapulitano contr’ô Covìdde scritte accussì: «Lavte man’ ! fatt’ allà! A mascherin’!». Pover’a nnuje!

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

I luoghi di interesse e i monumenti più belli di Napoli

Fondata nel VI secolo a.C. Napoli vanta una storia particolarmente antica ed è infatti tra le città più antiche del pianeta. Molti dei suoi monumenti storici sono impressionanti e ben conservati, tra cui la Basilica di San Francesco di Paola, il Palazzo Gravina e il...

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

Al Suor Orsola l’aula Ciriaco De Mita

Al Suor Orsola l’aula Ciriaco De Mita

Il rettore Lucio d’Alessandro ha subito annunciato un tributo concreto all’ex presidente del Consiglio che è stato tra i padri fondatori della Scuola di Alti Studi Politici dell’Ateneo napoletano Dal politico come medico al ragionamento sempre aperto al dubbio ed al...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te