Pe nnu’ pperdere ‘a lengua nosta

da | Ott 17, 2020 | Cronaca

Nun se po’ ccredere. Doppo tant’anne ca parecchia gente se stanno attivanno, vuluntariamente, pe ffa’ apprezzà e ccanoscere cchiù mmeglio ’o Nnapulitano, a Nnapule ancora nun c’è stato nu recanoscimiento ufficiale d’ ’o deritto (si no d’ ’o duvere…) ’e ’mparà ê guagliune/one nuoste ’sta lengua antica e ggeniale. So’ ppassate dudece anne ’a quann’io – tanno prufessore ’e lettere â scola media ‘Sogliano’ â Vecarìa – precepiaje a ffà nu curzo ’e lengua napulitana che jette annanze pe dduje anne, cuncrudennose cu na manifestazione addò ’o M° Aurelio Fierro cunzignaje ’e diplome ê studiente ch’êvano participato. Fuje ’a primma vota ca se ’mparaje ’o Nnapulitano dint’a na scola pubbreca, ma purtroppo fuje pure ll’urdema, a pparte n’atu curzo che stess’io teniette – accummincianno ’a ll’anno 2014-15 – ô “Viale delle Acacie”, na scola media statale ’ncopp’ô Vommero. Quacche sperienziella s’è fatta int’a quacche scola d’ ’a Pruvincia ’e Napule, però curze regulare ’e lengua napulitana nun ce nne so’ state cchiù. Furtunatamente,’mmece, ’nfin’a mmo nun so’ mmancate curze ’nderizzate a ggente cchiù avanzata d’età, comme chille urganizzate ’a Nazzario Napoli Bruno (valente pueta e ttraduttore, che s’occupa specialmente ’e ll’ortografia napulitana); ’a Massimiliano Verde (che ttenette nu curzo ’e Napulitano â Casa Cummunale d’ ’a Cultura ’e Chianura), e ’a Davide Brandi (presidente ’e ll’Assuciazzione ‘Lazzari’, che ffa lezzione ô Palazzo Venezia, ô Museo ‘e Capemonte e a ll’Istituto Frangese ’e Napule). Int’a ’sta decina d’anne, comunque, quaccosa s’è mmuòppeto. ’Nce stanno assaje cchiù pperzone ’nteressate a ccapì parlà e scrivere ’o Nnapulitano, però è crisciuta pure ’a ggente che nu’ ccanosceno ’e pparole d’ ’a lengua loro, ’a parlano malamente e ’a scriveno peggio ancora. Sempe cchiù giuvene, po’, nu’ pparlano pe nniente ’o Nnapulitano o vanno mazzecanno na specie ’e ‘napulese’ scuncecato, scrivennolo ’e na manera ammarunata e scumbinata. ’O fatto ca s’ ausano assaje spisso fesbùk, tuittér e instagràmme, ha ’nvastarduto assaje na lengua che ssì s’aveva cagnà e mmudernizzà, però senz’addeventà na mescafrancésca ’e taliano, ’ngrese, dialetto e pparlesia giuvanilese, spisso rozza e scrianzata. Nisciuno se penzava ca ’e giuvene ’e mo avevan’ ’a parlà e scrivere comm’a Di Giacomo e Vviviani, però cantante rappér, film e sceneggiate gomorrìse e nu cuofeno ’e messaggine scritte a lla sanfrasò ’ncoppo’ê smartfònne stanno fernenno ’e sparafunnà ’sta povera lengua nosta. E ppure se so’ ffatte curze ’e Napulitano a ll’Unneverzetà argentina ’e Buenos Aires e se stanno facenno perzì all’Unneverzetà scuzzese ’e Glasgow. ’Nce stanno pizze web, pure for’a ll’Italia, ca prumetteno ’e ’mparà ’sta lengua online. ’Nce stanno perzone comm’ ’o texano Dale Erwin, che adderittura pubbrecaje nu dizziunario ’Ngrese-Napulitano e na grammateca d’ ’e vierbe napulitane. Ê curze e ll’ammico Davide Brandi participajeno tre conzule (’e Francia, ’e ll’Ucraina e d’ ’e State Aunite d’America) e mo, grazzie a isso, se studia ’0 Nnapulitano pure a ll’Istituto Grénoble a Chiaja. Eppure ogne juorno sponta na puteca che ttene ’a ’nzegna o quacche cartiello scritto napulitanamente, spisso assummanno nu cuofeno d’errore d’ortografia. ’O sceneggiato ’e Rai Fiction “Mare fuori” e primm’ancora ’a serie televisiva “L’amica geniale” hanno pruvato pure a sdoganà ’o Nnapulitano comme lengua letteraria e d’ ’o spettaculo, ma cu rresultate scarzulille e, urdemamente, recurrenno tropp’assaje a na parlata ‘gomorrese’. Pe ffurtuna – scrivette int’ô libbro sujo “Una lingua gentile” ’o prufessore De Blasi, ’e ll’Unneverzetà napulitana Federico II – nun ce sta cchiù na “dialettofobia” e ’a gente nun se mette scuorno ’e parlà napulitano. Però chillu ‘dialetto’ s’avarria ausà sulo “per una comunicazione affettiva e informale”, pecché “non è di fatto adeguato a fare fronte in modo funzionale e senza limitazioni geografiche a tutte le possibili situazioni comunicative (nelle interazioni scritte e parlate”.

’Nzomma – siconno ô prufessore De Blasi – putimmo parlà napulitanamente int’a “l’ambito familiare” e se po’ ffà pure “da chi ha interessi artistici, ma anche generiche /e talvolta prosaiche) urgenze comunicative, associate a forme d’impulsività o di espressività”. Scusate, ma ’sta visione nu pucurillo lombrosiana nu’ mme garbizza, pecché fernesce cu svalutà ’e sfuorze ’e chi sta faticanno – vuluntariamente e spisso ’a nu sacco ’e tiempo – pe rrestituì ’a degnità perduta ô Nnapulitano e pe ffa’ capì – primma ’e tutto stesso ê Napulitane – comme cu cchella lengua overamente se po’ pparlà e scrivere ’e tuttecose, facennolo però ’e na manera curretta e acconcia. Passaje cchiù ’e n’anno ’a quanno ’o Cunziglio Reggiunale d’ ’a Campania appruvaje na legge che avarrìa ’a “pruteggere e vvalorizzà ’o patremmonio lenguisteco napulitano” (L.R. 14/2019), ma sulo ô mese ’e luglio passato è stato annummenato ’o Cumitato tecnico-scientifico che avarrìa ’a prummovere inizziative cuncrete p’ascì a ’sta situazzione. Avev’ ’a essere nu stimmolo p’avvià percurze ’e furmazzione, però nun se nne sape niente ancora e stessa ’a cumposizzione d’ ’o cumitato (cu ddinto cinche prufessurune, ma nisciuno ’e chille che ffaticajeno fin’a mmo fora a ll’accademmia…) overamente nu’ ffa sperà na grossa rivoluzzione. Pe ttramente ce avinn’ ’a suppurtà campagne ’nNapulitano contr’ô Covìdde scritte accussì: «Lavte man’ ! fatt’ allà! A mascherin’!». Pover’a nnuje!

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te