Lozano, 4 gol in 3 partite: un inizio di stagione da top player. E non fa rimpiangere Callejon

da | Ott 17, 2020 | Calcio Napoli

Lo scorso anno ha trovato poco spazio, ma quest’anno, in queste prime giornate, e soprattutto dopo la meravigliosa doppietta di oggi contro l’Atalanta di Gasperini sembra che sia un giocatore molto diverso. Ben 4 gol in 3 partite di campionato per Hirving Lozano che sta pian piano conquistando la fiducia di Gattuso.

Nato a Città del Messico, il 30 luglio 1995, Lozano è un’ala destra, ma può giocare anche a sinistra. Dispone di una buona tecnica ed è un buon tiratore da fuori area. Si tratta di un giocatore veloce, capace di saltare l’avversario in dribbling. Tutte queste caratteristiche non si sono viste lo scorso anno, quando sia Ancelotti che Gattuso non gli hanno dato molto spazio. Ancelotti impiegava il giocatore nelle partite di Champions, ma non in campionato. Gattuso, invece, lo escludeva anche nelle partite di Champions. In queste prime giornate, però, Lozano ha fatto vedere di essere un giocatore diverso rispetto alla passata stagione ed ha messo a segno una bella doppietta nella gara interna contro il Genoa, terminata 6-0 per gli azzurri. Il suo esordio con il Napoli risale al 31 agosto 2019 durante la partita contro la Juventus a Torino. Quel gol, però, non servì ad evitare la sconfitta. La gara, infatti, terminò 4-3 per la Juventus per via di uno sfortunato autogol di Koulibaly nei minuti di recupero. Il 17 settembre 2019 gioca la sua prima partita in Champions con il Napoli contro il Liverpool al San Paolo (2-0). La maggior parte delle volte, però, Ancelotti gli preferisce Callejon sulla destra ed Insigne sulla sinistra. Con Gattuso la situazione non cambia ed il giocatore messicano trova sempre meno spazio. Alla ripresa del campionato, dopo lo stop forzato a causa della pandemia, Lozano scende in campo nella partita contro il Verona al Bentegodi. La gara termina 2-0 e lui realizza il secondo gol con un colpo di testa. Poche giornate dopo, va a segno anche nella gara contro il Genoa a Marassi, anche in questo caso segnando la seconda rete. Quest’anno, il giocatore messicano ha iniziato bene la stagione e Gattuso gli sta dando fiducia.  Nel suo curriculum ci sono anche 39 partite e 10 gol con la nazionale messicana, con la quale ha esordito l’11 febbraio 2016 in una gara amichevole contro il Senegal. Il 17 giugno 2018 realizzò la rete della vittoria nel match contro la Germania ai Mondiali in Russia. A Napoli dopo qualche difficoltà iniziale, si sta guadagnando la fiducia di tecnico e tifosi. La doppietta al Genoa nell’ultima gara disputata dagli azzurri è un segnale molto importante. Ora, spetta a lui continuare su questa strada.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te