Juve-Napoli, una sentenza annunciata. Ma la vera partita si giocherà in Appello

da | Ott 17, 2020 | Primo piano

Fosse stato vivo Kafka c’avrebbe tirato su un bel racconto da questa faccenda brutta e spigolosa di Juve-Napoli, dalla quale, dopo lo 0-3 a tavolino e punto di penalizzazione al Napoli sentenziato dal giudice di primo grado, Gerardo Mastandrea, esce sconfitto soprattutto l’intero sistema calcio italiano. Perché dalla sentenza sono emersi chiaramente due aspetti fondamentali: a) che il calcio vive da tempo immemorabile nella sua “bolla”, indifferente e lontano anni luce da tutto ciò che gli accade attorno ed ora anche al suo interno; b) la necessità di una sentenza che ponesse solidi paletti per assicurare il futuro del campionato…”salvo che”.


Il giudice Mastrandrea ha compiuto un vero “miracolo” giuridico per (r)assicurare molti presidenti di club di A in odore di default.
Ma siamo solo al primo grado di giudizio per una partita che, decisa per ora a tavolino, già in Appello potrebbe tornare ad essere rigiocata. Perché il giudice sportivo Mastrandrea nel puntualizzare la sua “limitata competenza” alla possibile non applicazione della sanzione prevista dall’art. 53 delle NOIF per “causa di forza maggiore”, ha pure precisato, e riportiamo integralmente le sue parole, “È preclusa a questo Giudice, come da noti principi, ogni valutazione sulla legittimità (e ogni eventuale forma di applicazione) di atti e provvedimenti, in qualunque forma adottati, delle Autorità sanitarie statali e territoriali, nonché delle Autorità regionali, posti in essere a tutela della salute dei singoli e della collettività”.
Si configurerebbe un conflitto, l’ennesimo, tra mondo del calcio e mondo politico se non fosse che l’esperto Mastrandrea, da fine giurista, ha “deciso” il 3-0 a tavolino dicendo di non poter entrare nel merito delle note delle Asl né dei Dpcm che hanno dato pieni poteri alle Regioni, confermati anche dall’ultimo Dpcm del 13 ottobre , e alle Aziende Sanitarie territoriali, ma solo in base alla circostanza di un’assenza della “causa di forza maggiore” vista la prima nota dell’Asl Napoli 1 che non aveva esplicitato il “divieto” di partenza del Napoli, intervenuto solo nella successiva nota dell’Asl Napoli 2 del primo pomeriggio di domenica.


Come a dire: Il Napoli doveva e poteva partire per Torino, salvo rientrare in sede dopo la seconda nota dell’Asl Napoli 2 che vietava la partenza e la disputa della gara contro i bianconeri in quanto “non sussistenti le condizioni che consentono lo spostamento in piena sicurezza dei contatti stretti” cioè del gruppo squadra. Ma si può? Un pastrocchio, nel quale la Juve, almeno ufficialmente, e per il momento, s’è tirata fuori. E lasciamo stare la “dietrologia” fatta da coloro, e sono moltissimi, che vogliono capire il perché ed il per come del colpo di coda di De Laurentiis dopo la firma di un protocollo accettato da tutti i presidenti unitamente a Governo e Cts. Ed evitiamo commenti sull’eventuale ricusazione di Pietro Sandulli, giudice d’appello, da parte della Juve, per una dichiarazione che ha fatto storcere il naso a molti: “Spero si trovi una soluzione con il protocollo e tutto, perché non bisogna lasciare che la classifica venga scritta dal Covid”.


E se l’ex Dg della Figc, Antonello Valentini, ha stigmatizzato come “grave comportamento” le parole di Sandulli, la politica, per la maggior parte, “gradirebbe” la cancellazione dello 0-3 per confermare la priorità delle Asl in fatto di salute pubblica rispetto ad un protocollo che ne aveva ribadito in ogni caso uno ius decisionale finale. Insomma, in sede d’Appello si giocherà una partita nella partita non disputata. A nostro sommesso avviso il Napoli e De Laurentiis in punta di diritto hanno ragione perché si sono insinuati in uno spazio vuoto e non coordinato tra norme statali e regionali e il protocollo della Lega. Mettere in dubbio l’imparzialità e l’onestà deontologica dei firmatari delle note delle Asl, con le quali si è più che consigliato al Napoli di non spostarsi per evitare la più che possibile insorgenza dei altri contagi o di un nuovo focolaio fuori regione, sarebbe un’ offesa all’onorabilità ed alla professionalità di intere strutture impegnate da mesi nella difficile lotta contro il Covid. La sentenza di mercoledì è stato un “avvertimento” per far capire urbi et orbi che il protocollo va rispettato senza porsi problemi né per la salute dei tesserati, né di nuovi contagi e contagiati. Senza discutere. Il secondo grado di giudizio vedrà l’avvocato Grassani impegnato a cogliere tra le pieghe della sentenza di Mastrandrea quei vuoti(che esistono, nda) per impedirne la conferma e ribaltarne il contenuto. Ci riuscirà? Riteniamo di sì, se quel “Salvo che…” che riserva alle Autorità Sanitarie Locali la decisione sulla situazione pandemica ha ancora valore.
Salvo che, in questo Paese così ambiguo come l’Italia, non si voglia stravolgere nella legittimità e nel merito l’intero Diritto!.

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

Gattuso da incapace a fenomeno

Gattuso da incapace a fenomeno

Come i media napoletani hanno trattato l’allenatore protagonista di una stagione fra luci e ombre C’è una sorta di schizofrenia dell’informazione sportiva che atavicamente si accompagna al cammino del Napoli Calcio. E mai come in questo frangente essa si è palesata...

Italia tutta gialla si torna a vivere

Italia tutta gialla si torna a vivere

Indice rt in discesa: da lunedì in tutte le regioni sarà possibile sedersi in bar e ristoranti Si torna a vivere. Come prima e più di prima. Stando attenti a non commettere l’errore di creare inutili assembramenti e circolare senza mascherine, ovviamente. Dopo la...

Voglia di tornare in campo

Voglia di tornare in campo

di Cinzia Rosaria Baldi* Il 26 aprile è stato  il giorno più atteso da adulti e ragazzi:  a Napoli è ripresa l'attività sportiva anche di contatto ma all'aperto. Un sospiro di sollievo per i tanti amanti del calcetto e dello sport amatoriale in generale, ma...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te